Purgatory: War of the Damned Recensione Purgatory: War of the Damned

Purgatory: War of the Damned è uno sparatutto multiplayer in prima persona con il personaggio che sale di livello ad ogni nuovo punteggio in classico stile RPG. Sviluppato da Ironsun Studios e pubblicato da KISS LTD, il gioco è ancora in fase di Early Access su Steam.

Purgatory: War of the Damned è un gioco multiplayer esclusivamente online, che infonde magia, fantasia, spell-casting e RPG in un unico grande calderone; la Ironsun Studios ha fatto un ottimo lavoro di sviluppo, integrando splendidi paesaggi nelle mappe disponibili, nonostante il combattimento reale può risultare un po’ fiacco e può essere, purtroppo, a volte irritante.

Purgatory War of the Damned_screen1

È fondamentale per i giochi multiplayer avere una comunità, ma Purgatory: War of the Damned non ne ha ancora una. Uso la parola “ancora” ottimisticamente, sperando che i server si popolino ben presto di persone. Il gioco è uscito in early access l’11 febbraio 2015, e durante quella settimana era difficile (per non dire quasi impossibile) trovare qualcuno online. Tuttavia questo può potenzialmente essere trascurato, perché il gioco è accessibile da meno di un mese, e sta ancora costruendo la sua notorietà. Inoltre nelle ultime settimane la Ironsun Studios, per far fronte alle scarse presenze nei server, ha inserito rapidamente dei bot nel gioco per migliorare ulteriormente il suo appeal. Quindi, se non riesci a trovare qualcuno con cui giocare online, si può sempre iniziare una partita con un massimo di sette bot, ciascuno con una personalizzazione: Ulric l’Adonis, Barracuda Bismarck, e Troy sono solo alcuni esempi di nomi che uno schieramento ostile può avere.

Il personaggio principale del gioco è un uomo in un cappuccio arancione, che assomiglia a Grim Reaper, ben realizzato, ma che purtroppo è l’unico personaggio che potremo vedere. E la carenza di personalizzazioni è veramente un problema in un RPG. I personaggi hanno bisogno di più variazioni, e dal menu è chiaro che le nuove armature saranno presto aggiunte al gioco; per il momento però non sembra esserci nessuna armatura per il nostro personaggio, a parte il cappuccio arancione.

Purgatory War of the Damned_screen7

Quando si avvia il gioco, sulla sinistra dello schermo vengono mostrati i progressi. La personalizzazione è presente nei poteri magici che potremo lanciare, come per esempio gli attacchi elementari i quali più vengono utilizzati più potranno salire di livello. Se ci concentriamo sugli attacchi elementali il nostro personaggio si trasformerà in un potente mago, mentre sarà anche possibile utilizzare i punti anima guadagnati per comprare armi. Ad esempio, al prezzo di 300 anime è possibile acquistare l’arma Acolyte, la più economica nel gioco. Attenzione però, perché abbassa i vostri attacchi fisici, mentre aumenta i vostri attacchi magici. In sostanza, ogni azione va considerata attentamente che si compie quando si inizia l’avventura in Purgatory: War of the Damned. Anche perché una volta iniziato con quel personaggio, ai livelli più alti sarà pressochè impossibile cambiarne lo stile impostato. Potremo sempre ricominciare con un altro personaggio, perdendo ovviamente tutti i progressi raggiunti.

Purgatory War of the Damned_screen4

Mentre siamo nella hall per personalizzare il nostro combattente, ascolteremo un brano davvero eccellente. Se alzate il volume questa musica vi darà veramente la carica pre battaglia: il battito ritmico del tamburo in sottofondo è eccellente. Purgatory: War of the Damned attualmente è costituito da poche modalità di gioco. Un semplice free-for-all deathmatch o un deathmatch a squadre che può ospitare fino a otto giocatori, oltre ad offrire duelli uno-contro-uno.

Purgatory: War of the Damned è un gioco multiplayer in cui si riscontrano ancora diversi problemi, ma attualmente il problema principale è la mancanza di giocatori sui server. È anche vero che il gioco è in Early Access, per cui siamo ancora all’inizio della nascita di questo titolo. I server infatti si dovrebbero presto popolare e allora i bot saranno più intelligenti, e i ragazzi di Ironsun Studios potranno introdurre miglioramenti che faranno crescere enormemente questo buon prodotto.

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*