Plants vs. Zombies Garden Warfare – Recensione

Piante vs Zombie,gamepare

Era un lontano 2009 quando abbiamo conosciuto questo gioco strutturato in modalità tower defense, ma in Plants vs. Zombies Garden Warfare la modalità di gameplay è cambiata, dobbiamo impersonare le piante o gli zombi, scontrandoci in campi di battaglia diversi.

Plants-Vs-Zombies-screen10

Immersi nella battaglia a volte è facile perdere la testa.

Entrando subito nel gioco ci si accorge che non è poco di più di un multiplayer basato su scontri a squadre, stile TitianFall ma con personaggi buffi, dove per vincere dobbiamo abbattere l’avversario.

La battaglia finale all’ultimo cervello

Spassarsela con gli zombi oppure le piante è tutt’altro che divertente a volte ripetitivo.Abbiamo giocato in tutte e 3 le versioni PC, XBOX One e XBOX 360, non abbiamo notato grosse differenze di grafica, il computer si è però dimostrato di avere un framerate più elevato e di gestire meglio la connessione del mutiplayer.A volte nelle console si è verificato un problema di LAG non molto elevato ma fastidioso in questi giochi online.

Plants-Vs-Zombies-screen7

Puramente Online

Purtroppo il gioco è solo online, o meglio per giocare a pieno bisogna avere una connessione attiva. L’unica modalità giocabile fuori linea è quella co-op locale, questa tipologia di gioco permette la suddivisione dello schermo orizzontale. Unica pecca potete giocare solo con le piante.

Negli ultimi tempi se pur pagando un gioco gli Acquisti in App vanno molto di moda, in Plants vs. Zombies Garden Warfare non si devono per forza spendere soldi per continuare a giocare, ma comunque se si ha la possibilità si potrebbero acquistare monete zombie per finire presto la collezione di personaggi.

Plants-Vs-Zombies-screen

Abbiamo notato però che in Plants vs. Zombies Garden Warfare, questi acquisti non penalizzano gli altri giocatori che non voglio spendere. Attualmente la EA e POPCAP stanno dando tutti i DLC in modalità gratuita.

Premi Plants vs. Zombies Garden Warfare

23 nomination all’E3
Vincitore di 10 premi E3, incluso quello come miglior gioco d’azione e miglior gioco E3

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2548 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*