Pixel Puzzle 2 Space – Recensione

Pixel Puzzle 2 Space è un titolo dedicato al cosiddetto Phisical Puzzling e, in questa versione, con un’ambientazione di tipo spaziale nel vero e proprio senso della parola. Vi sono diverse versioni di Pixel Puzzle 2, le quali toccano tematiche differenti come Anime o Uccelli.

Nel titolo provato, ci troveremo in un settings tra stelle e pianeti, dove l’obbiettivo, come sempre in questi casi, sarà quello di mettere assieme dei pezzi di puzzle sul nostro schermo per comporre una immagine molto evocativa legata all’infinito.

L’immagine da ricomporre apparirà in maniera momentanea per poi scomparire progressivamente. I pezzi poi cominceranno a fluttuare proprio come in assenza di gravità e toccherà a noi fermarli, analizzarli e ricomporli nella maniera corretta per dare vita all’immagine. Potremo quindi cliccare su un determinato segmento e trascinarlo, potendolo poi ruotare con un semplice click del tasto destro.

Pixel-Puzzle-2-Space-Screen-5In Pixel Puzzle 2 Space ci sono in totale circa 25 puzzle da risolvere, ognuno con vari livelli di difficoltà che quindi potranno aumentare esponenzialmente la longevità generale del titolo.
Alcuni puzzle sono piuttosto ridotti e di una dimensione di circa 60 pezzi mentre altri possono arrivare fino a 300, complicando non poco la situazione e mettendo alla prova la nostra pazienza.

Il gioco è abbastanza customizzabile anche a livello grafico, potremo quindi disabilitare il Vsync così come il dettaglio grafico in alta definizione, anche se ve lo sconsigliamo altamente per non perdere sulla qualità dell’immagine.

Il comparto tecnico non è certo fondamentale in un titolo di questo tipo, anche se anche l’occhio vuole sempre la sua parte. Ciò non toglie che in un puzzle la giocabilità e la facilità di azione siano gli elementi fondamentali e in questo caso gli sviluppatori hanno fatto certamente un buon lavoro.

Pixel-Puzzle-2-Space-Screen-8Durante le nostre sessioni di Pixel Puzzle 2 Space potremo avvalerci di qualche aiuto e quindi potremo fare affidamento su alcuni missili che ci indicheranno i pezzi corretti così come di un astronauta che con la sua tuta spaziale ci darà una mano a girare i pezzi nella maniera giusta, fluttuando da una parte all’altra dello schermo.

Dando un giudizio finale, possiamo affermare che il gioco e la sua tipologia deve realmente piacervi per acquistarlo, altrimenti potrete rischiare di annoiarvi dopo solo poche ore. Da segnalare inoltre, anche se poco importante visto lo stile di gioco, che il titolo è interamente in lingua inglese.

Informazioni su Andrea R. 1977 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.