Follow
Gamepare > Home > Pike and Shot > Pike and Shot – Recensione

Pike and Shot Recensione

La casa Slitherine, specializzata in giochi di strategia sforna spesso, come in questo caso, giochi dedicati alla storia. Pike and Shot racconta un tratto di storia delle battaglie Europee e permette di vivere varie guerre per cause religiose, politiche o dinastiche.

La Storia

Le più grandi potenze del XVI e XVII secolo vennero coinvolte regolarmente nei conflitti e lottarono per aumentare il proprio predominio sul continente. Alcuni paesi vennero scossi da sommosse interne e lacerati in fazioni. Ovunque si “respirava” aria di guerra. Ma era la guerra stessa ad essere cambiata. Grazie allo sviluppo di nuove tecnologie, le tattiche tradizionali d’epoca medievale vennero sostituite da un approccio totalmente diverso nell’uso efficace delle nuove armi e delle nuove formazioni.

In quell’epoca turbolenta i moschettieri affrontarono la morte in duelli all’ultimo sangue, i picchieri si opposero impassibilmente agli assalti nemici e la cavalleria vide la gloria o la sconfitta.

I giocatori potranno marciare sulle orme dei grandi leader della Guerra dei Trent’anni, delle Guerre d’Italia, della Guerra Civile Inglese e rivivere alcune delle più grandi battaglie del Rinascimento.

Con oltre 30 battaglie storiche, un generatore di scenari e mappe casuali, un sistema multiplayer alimentato dal famoso sistema PBEM++ ed un gameplay che permetterà di simulare accuratamente le tattiche del periodo, Pike and Shot entusiasmerà qualsiasi appassionato di storia e di sfide tattiche.

Il gioco offre 30 scenari storici che coprono le principali battaglie di tre dei conflitti più importanti del 16 ° e 17 ° secolo:

La Prima Guerra italiana (1494-1559)

Seminara, 1495; Fornova, 1495; Ravenna, 1512; Novara, 1513; Marignano, 1515; Bicocca, 1522; Pavia, 1525; Ceresole, 1544; St. Quentin, 1557; Gravelines, 1558.

La Guerra dei trent’anni (1616-1648)

Pilgram-Lomnitz, 1618; White Mountain, 1620; Wimpfen, 1622; Lutter, 1626; First Breitenfeld, 1631; Lutzen, 1632; First Nordlingen, 1634; Wittstock, 1636; Second Breitenfeld, 1642; Roccoi, 1643

La Guerra civile inglese (1642-1651)

Stratton, 1643; Adwalton Moor, 1643; Edgehill, 1642; Storming of Bristol, 1643; Nantwich, 1644; Cheriton, 1644; Marston Moor, 1644; Lostwithiel, 1644; Second Newbury, 1644; Naseby, 1645

Il Gameplay

Nel menù principale potremo scegliere che battaglia effettuare selezionando la bandiera dello stato con cui vogliamo iniziare.
Successivamente avremo davanti a noi la mappa sulla quale selezionare le nostre truppe, ed effettuare i primi movimenti.
Il gioco è strutturato a turni, quindi avremo tutto il tempo di impostare la nostra strategia prima di procedere verso la fine del turno. Muovendo la freccia del mouse su una truppa avremo tutte le informazioni necessarie per capirne la struttura ed impostare un raffronto corretto con i nemici.

Selezionando la truppa avremo visione delle caselle verso cui potremo spostarci, così da definire ad ogni turno gli spostamenti in modo corretto.
Spostando il plotone di fronte ad un nemico e cliccandoci sopra potremo fronteggiarlo nello stesso turno e nel caso abbatterlo.

In sostanza, questo gioco di battaglie a turni ha tutte le carte in regole per essere giocato per molte ore.
Il gameplay e strutturato in modo semplice ed intuitivo, tanto che è possibile iniziare fin da subito a giocare anche senza seguire il Tutorial iniziale.
La grafica non è eccelsa, ma comunque sufficiente per un gioco di strategia di questo tipo. D’altro canto, anche i giocatori con computer datati potranno acquistare Pike and Shot e combattere splendide battaglie.

Positivo
  • Alto livello grafico
  • Ottima intelligenza artificiale
Negativo
  • Nessuna modalità campagna
8
Grande
Grafica - 8
Giocabilità - 8
Longevità - 8
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>