Follow
Gamepare > Home > Perception > Perception – Recensione

Perception – Recensione

Una storia di sogni tormentati, di una ricerca di verità capace di rendere veri anche gli incubi più profondi. Questo è Perception, e questa è la storia di Cassie.

Una storia di sogni tormentati, di una ricerca di verità capace di rendere veri anche gli incubi più profondi. Questo è Perception, e questa è la storia di Cassie. Protagonista non vedente, Cassie esplora il mondo tramite l’udito. I suoni, infatti, creano per lei (e per noi giocatori) le immagini in questa avventura horror realizzata da The Deep End Games (ndr lo studio indie è composto da sviluppatori reduci da BioShock e Dead Space) uscita lo scorso 7 giugno 2017 (un gioco che ricorda un’altro titolo Pulse).

Tralasciando le troppe facili analogie che saltano subito in mente con l’orripilante trasposizione cinematografica di Daredevil, l’esplorazione del gioco è limitata solo ed esclusivamente alla trasformazione dei suoni in immagini. Come detto, la storia parla di Cassie, una giovane donna non vedente che non trova pace nei suoi sogni. La notte, infatti, è tormentata da una misteriosa villa. Realmente esistente, tanto che Cassie la riconosce e decide di recarsi in loco per esplorarla. Motivo del viaggio è la ricerca della verità. Capire perché quel luogo la tormenti e cosa la leghi veramente a quelle mura. Perception è fondamentalmente un survival horror, privo di armi e basato esclusivamente sulla walking exploration. Il mondo attorno a Cassie è nero, e nulla più. Solo i colpi del suo bastone riescono a definire i contorni dell’ambiente circostante, grazie all’onda sonora. Tutto qui, e nient’altro. Questo è Perception.

Perception Screenshot 1

[perfectpullquote align=”full” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Un’idea originale[/perfectpullquote]

Un’idea originale, che contribuisce a creare ansia in un giocatore cieco a sua volta, empatico nei confronti di Cassie. Lo stratagemma non contribuisce però a rendere Perception un titolo imperdibile, che si scontra con uno stile di gioco profondamente limitato e con una storyline veramente poco credibile. Sotto l’etichetta di “ma è solo un gioco” possiamo accettare volentieri che un colpo di bastone possa definire i contorni della mobilia, così come le fiamme possano essere chiaramente visibili grazie al semplice rumore delle lingue di fuoco che lambiscono l’aria . Quello che non si può accettare è che Cassie, cieca e quindi limitata, sia in grado addirittura di correre o leggere messaggi attraverso uno scansionatore che trasforma scritti in parole. Non sono soluzioni intelligenti, ma compromessi cui il gioco deve gioco forza scendere a patti. Lo sviluppo nel gioco, che si completa in un pugno d’ore, è troppo lineare e lascia poco spazio all’esplorazione libera (addirittura, in caso di difficoltà, è possibile “illuminare” il prossimo obiettivo, in qualsiasi stanza esso si trovi).

Perception Screenshot 5

[perfectpullquote align=”full” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Guardare verso i ricordi[/perfectpullquote]

Attraverso ricordi rimossi, si completeranno pezzi del puzzle mancante che completeranno lo sviluppo della trama durante l’avanzamento dei quattro capitoli. Tutto è comunque semplificato dai “pensieri a voce alta” di Cassie, le cui osservazioni prepareranno il giocatore alla prossima mossa. Unico elemento di disturbo è il fatto di non essere soli all’interno della casa. Una presenza rossa, una minaccia che si aggira e la cui attenzione è sconsigliato di richiamare. Una buona idea è senza dubbio quella di smettere di picchiare il bastone, e anzi correre a nascondersi in stile Outlast in alcuni safe points di colore verde. Questo è l’unico elemento di sfida del gioco, anche se l’eventuale dipartita contro la “minaccia” genererà un semplice respawn distante pochi metri. In conclusione, Perception si pone inizialmente con un’idea brillante e al tempo stesso intrigante. Purtroppo, la mancanza di esplorazione e di sfide impegnative esaurisce presto la voglia di giocare. Un pigro pellegrinare di stanza in stanza, alla ricerca di quella verità che troppo in fretta viene trovata.

La recensione di Perception si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

0 0