Outriders Demo – Prime Impressioni

Outriders è un nuovo sparatutto in terza persona con elementi GDR sviluppato da People Can Fly e distribuito da Square Enix.

Il lancio del titolo è avvenuto il 1° Aprile 2021, ma già dai giorni precedenti è stato possibile provare una demo online gratuita, grazie alla quale mi sono fatto un’idea di cosa ci aspetta nel titolo completo.

In questo articolo condividerò con voi le prime impressioni che questa nuova IP mi ha dato.

Premesse

Il gioco si annovera nel gruppo di shooter con forti componenti multigiocatore e cooperative del quale fanno parte anche Anthem e Destiny.
La visuale è in terza persona e questo potrebbe darvi l’impressione che sia un classico “sparamuretto” figlio di Gears of War e per certi versi non sareste fuori strada, tuttavia chiudere Outriders in questa definizione sarebbe sbagliato, poiché il team di sviluppo si è assicurato di mettere molta più carne al fuoco di quello che potremmo pensare da un’etichetta simile.

Abbiamo infatti un gameplay veloce e dinamico, con dinamiche che incentivano il giocatore a sfruttare a tutto tondo il kit del proprio personaggio per ingaggiare nemici in combattimenti sia dalla lunga distanza che in ravvicinato.

Ambientazione

L’introduzione al mondo di Outriders è ad una prima occhiata un po’ generica, ma ci sorprende piuttosto rapidamente con un colpo di scena che cambia le carte in tavola drasticamente e sebbene non si può dire che la trovata sia piena di originalità o particolarmente riuscita, il risultato finale che ne deriva è decisamente positivo e ci dipinge un mondo interessante che subito mette nel giocatore una gran voglia di conoscere ed esplorare.

Se non volete spoiler saltate questa parte e dirigetevi direttamente alla prossima sezione dell’articolo, poiché nelle righe che seguono parlerò degli eventi narrati nei primi momenti di gioco della Demo di Outriders.

A seguito di eventi drastici l’umanità è stata costretta ad abbandonare la terra e viaggiare nello spazio per più di ottant’anni verso una nuova casa, il pianeta Enoch.

La nostra storia inizia con l’arrivo su questo nuovo inesplorato pianeta, pieno di flora e fauna incontaminata, abbiamo l’impressione che ad attenderci ci sia solo una ricostruzione lunga ma pacifica in questo mondo da colonizzare.

Il nostro personaggio è un Outrider, apparentemente un pezzo grosso visto che in diversi PnG si riferiscono a lui o lei con l’appellativo “Boss”.
Non è chiaro da subito cosa significhi essere un Outriders, ma pare siano forze militari altamente specializzate e che dovrebbero occuparsi dell’esplorazione del pianeta Enoch.

Presto però le cose si fanno difficili, il team di esplorazione viene infettato da un fungo e nel panico del momento gli ufficiali al comando entrano immediatamente in conflitto, causando caos e problemi. Viene ordinato lo sbarco sul pianeta di altre persone, nonostante il palese pericolo della situazione e mentre il personaggio giocante lotta per evitare un disastro annunciato uno strano evento teatro di lampi e fulmini di origine misteriosa decima la squadra di sbarco degli Outriders investendo anche il nostro personaggio. Questo però lo lascia apparentemente illeso e libero di continuare la missione.

A seguito di diversi eventi che vedono la morte di alcuni ufficiali al comando, il personaggio principale viene gravemente ferito e una nostra alleata decide di rimetterlo in sospensione criogenica per poterlo guarire successivamente.

Quando il giocatore si risveglia è però palese da subito che il mondo attorno a lui sia cambiato molto, ci troviamo davanti ad un pianeta in guerra e sconvolto dalle anomalie: Eventi apparentemente metereologici comuni su Enoch che possono cancellare dall’esistenza alcuni e garantire poteri sovrumani ad altri.

In questo teatro diverse fazioni si affrontano, chi per sopravvivenza, chi per accumulare il più possibile, chi per mantenere l’ordine e chi mosso dall’euforia del potere incontrollato.
L’umanità è nuovamente alle corde, solo in un nuovo e pericoloso pianeta e il nostro compito è lottare per la sua sopravvivenza.

Gameplay

Arriviamo al piatto forte di questo nuovo titolo, il gameplay è appassionante, dinamico e coinvolgente.

Come già detto abbiamo le basi degli sparatutto in terza persona che sono nati seguendo le basi gettate da Gears of War. Possiamo quindi acquattarci dietro a diversi ripari, affacciarci per sparare e manovrare scattando e rotolando in mezzo al fuoco nemico. Tutto questo è eseguito dagli sviluppatori in modo eccellente e prendere parte alle sparatorie in Outriders è già di per sé un piacere.

Presto però il nostro personaggio verrà dotato di poteri speciali che danno ulteriore vivacità ai combattimenti. Scegliendo una di quattro classi si andrà a definire il proprio stile di gioco, è presente una notevole varietà di playstyle che possono trovare il gusto di diversi palati videoludici.

Ognuna delle quattro classi ha inoltre un particolare metodo di recupero dei punti vita che incentiva ulteriormente a inserirsi in un certo tipo ruolo e aumenta la varietà del titolo notevolmente.

Le classi in questione sono: Devastator, Pyromancer, Technomancer e Trickster.

Come detto ognuna si focalizza su aspetti differenti.
Il Devastator è il tank del gruppo, molto resistente e focalizzato sul mantenere una solida linea che i nemici non possano superare. Recupera vita quando un nemico che è stato troppo vicino a lui viene eliminato. Non è chiarissimo cosa si intenda per ora con questa frase, ma diciamo che se qualcuno in corta distanza da voi viene fatto fuori recupererete un po’ di vita.

Il Pyromancer è un personaggio che si concentra sui danni da media distanza, soprattutto grazie ad abilità con aree piuttosto ampie in grado di fare danni a gruppi folti di nemici. Recupera vita quando un nemico marchiato da una delle proprie abilità, che hanno la splendida tendenza di far andare a fuoco i nemici, viene eliminato.

Il Technomancer è dotato di gadget che possono creare aree pericolose per gli avversari e grazie a ciò può concentrarsi sul fuoco da lunga distanza. Questa classe recupera vita semplicemente infliggendo danni ai nemici, non importa il metodo impiegato per farlo.

Infine la classe Trickster si concentra su uno stile mordi e fuggi, eccelle in combattimento ravvicinato e ha i mezzi per entrare e uscire dalla mischia rapidamente. Recupera vita eliminando nemici che si trovano a breve distanza.

Ogni classe è dotata di abilità uniche che si sbloccano un po’ per volta salendo di livello, sono otto per classe ma se ne possono aver pronte all’uso solamente tre. Questo da al giocatore la possibilità di crearsi un proprio stile personale e gestire gli scontri come meglio crede.
Ogni abilità è risultata unica e divertente durante la demo di prova, grazie ad esse il gameplay è risultato non solo molto vario ma anche decisamente dinamico e stimolante. Sparare ai nemici come detto è una parte importante, ma l’utilizzo intelligente delle proprie abilità è la ciliegina che rende questa torta davvero ottima.

Le abilità non sono l’unico aspetto per rendere unico il proprio personaggio, abbiamo a disposizione un albero di potenziamenti con cui migliorare il proprio personaggio e ogni classe ha a disposizione tre sentieri da scegliere che tuttavia non vengono forzati al giocatore, ma lasciano la libertà di scegliere quanto inoltrarsi in ognuno di essi.

Personalmente durante la demo mi sono concentrato principalmente su trickster e technomancer, queste due classi sono agli antipodi in termini di playstyle. La prima è adrenalinica e vuole gettarsi nella mischia rapidamente, mentre la seconda è metodica e beneficia dell’utilizzo di armi a lunga gittata come fucili da cecchino.

Mi son trovato decisamente a mio agio con il trickster, ho trovato piacevoli somiglianze con il Ricognitore di Mass Effect 3, ovviamente le differenze ci sono, complice anche il ritmo di gioco decisamente più rapido di Outriders. Per tutto il tempo in cui la ho giocata comunque questa classe mi ha regalato solo gioie e la possibilità di sfruttare al massimo il dinamismo offerto da questo titolo è un gran punto a favore.

Il technomancer è stato per me invece più difficile da utilizzare al meglio, richiede uno stile decisamente più metodico e beneficia i giocatori che hanno un’ottima mira. Il secondo di questi punti non è decisamente il mio forte, ma nonostante questo ho trovato la classe ugualmente molto divertente grazie ai gadget a disposizione, in grado di rendere l’approccio tattico molto intrigante.
Ho trovato però più difficoltoso restare ad un alto punteggio di salute, probabilmente complice in questo c’è la mia scarsa affinità con lo stile di gioco voluto da questa classe, ma ho comunque la sensazione che sia un po’ sotto tono rispetto al trickster.

Durante il gioco si raccoglie parecchio loot, la maggioranza del quale equipaggiamento. Nei primi livelli, come è naturale aspettarsi, si cambia fucile più spesso di quanto si cambino le mutande e lo stesso è valido per tutto il resto dell’armamentario (insomma meglio trovare subito delle mutande comode), ma è facile presumere che raggiungendo i livelli più alti si potrà puntare ad ottenere equipaggiamento specifico per migliorare la propria build come si desidera.
L’equipaggiamento non si limita infatti a darci punteggi migliori di danno, vita e difesa, ma ci offre anche potenziamenti per le proprie abilità.

Aspetto tecnico

Graficamente Outriders è molto bello, non si può urlare al capolavoro ma tutto è realizzato in modo molto piacevole e chiaro. Punto decisamente a favore è l’eccellente ottimizzazione del titolo che lo rende in grado di girare a pieno regime di frame anche su macchine non esattamente al passo coi tempi.

Unica nota stonata in questo reparto sono i volti di alcuni personaggi, soprattutto ahimé del personaggio principale. In creazione personaggio bisogna andare a scegliere un viso predefinito a cui modificare dettagli come capigliatura e cicatrici, anche se scarno è sufficiente per avere un personaggio piacevole. Tuttavia molte delle opzioni per il volto sono piuttosto bruttine, riducendo drasticamente lo spettro delle possibilità che già non può vantarsi di essere vasto. In alcuni casi sono particolarmente impressionanti i denti, danno un effetto che personalmente ho trovato veramente strano e un po’ alienante, al punto da farmi perdere la concentrazione e non capire il punto della cutscene che stavo guardando.

Concludiamo questa parentesi sulla creazione personaggio dicendo che sarebbe gradito non solo avere più opzioni per il volto, ma magari anche qualche opzione per modificare la corporatura del personaggio. Durante la demo infatti non c’era modo di modificare nulla di questa componente e almeno poter scegliere fra tre differenti opzioni di fisico sarebbe stato piacevole.

Passiamo alla componente audio.
Non ho trovato la colonna sonora particolarmente accattivante purtroppo, anzi ad essere onesto l’ho trovata un tantino invadente e piuttosto dimenticabile. Non è una grossa pecca per Outriders tuttavia e può essere che le tracce più entusiasmanti siano state riservate ai momenti più clou della storia.

Diverso invece il discorso per gli effetti sonori che risultano soddisfacenti e contribuiscono molto a dare un senso di potenza ed energia sia alle armi che ai poteri. In questo la demo ha soddisfatto decisamente di più e sparare con una qualsiasi arma è proprio un piacere.

Passiamo ad un ultimo punto critico che spero tanto che al lancio effettivo del titolo sia stato risolto: il netcode.
Giocare con sconosciuti è stata purtroppo un’esperienza fatta di singhiozzi e teletrasporti. Il ritardo tra un colpo detonato e un nemico abbattuto spesso è stato notevole e non ha reso affatto desiderabile continuare l’esperienza in multigiocatore.
Sarebbe un vero peccato che un titolo così divertente e con così tanto potenziale venga rovinato da un aspetto così triviale e spero tanto che questo problema rimanga confinato ai giorni della demo.

Spero di tornare presto a parlarvi di Outriders, per ora mi ritengo decisamente soddisfatto dal poco che ho potuto provare e non vedo l’ora di rigettarmi nella mischia su Enoch.

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 81 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*