Follow
Gamepare > Home > Outcast: Second Contact > Outcast: Second Contact – Recensione

Outcast: Second Contact – Recensione

Ritorno al 1999 in versione rimasterizzata

Fa sempre piacere quando grandi classici che hanno divertito frotte di giocatori più di qualche anno fa ritornano in una nuova veste così magari da allietare anche i giocatori più giovani.
Il titolo in questione è Outcast, uscito nel lontano 1999 per opera di Appeal. Un titolo a quel tempo rivoluzionario dato che le dinamiche open world erano solo a uno stadio embrionale all’interno del mondo videoludico. Il titolo metteva sul piatto anche una narrazione intelligente e senza sbavature, assieme a dinamiche concitate da third person shooter molto ben realizzate. Un gioco però passato purtroppo eccessivamente sottotraccia che fortunatamente Bigben ha deciso di riportare in auge grazie a una edizione remaster accurata intitolata appunto Second Contact. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

outcast - jump

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]La storia [/perfectpullquote]

Vestiamo i panni di Cutter Slade, un ex marine dal passato torbido e tormentato, che accetta una missione suicida da parte del governo per riscattarsi e mettere finalmente una pietra sopra al proprio passato. Dovremo quindi salvare la Terra dal pericolo derivante dall’apertura di un varco dimensionale causato dalla rottura di una sonda lanciata nella nostra orbita da alcuni avventati scienziati. Dovremo quindi infilarci nel varco e permettere così agli scienziati di rimettere le cose a posto. Anche in questo caso però qualcosa sembra non funzionare a dovere e ci ritroveremo quindi completamente privi di armi e di ogni tipo di equipaggiamento, sul pianeta sconosciuto Adelpha. Un luogo abitato da alcuni alieni antropomorfi che si chiamano Talaran. Con grande sorpresa di Cutter questi alieni invece che essere ostili si dimostrano fin troppo amichevoli, considerando il marine come una sorta di messia, il loro Ulukai inviato dagli dei per la loro liberazione e redenzione finale. Gli abitanti di Adelpha sono infatti schiavi di un terribile tiranno e quindi toccherà proprio a noi riportare la pace e la libertà nella galassia.

Outcast - Second Contact

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Il gameplay [/perfectpullquote]

Lo spirito della narrazione è rimasto quello del passato, senza nessuna modifica a stravolgere  una formula già vincente di suo.  Ci ritroveremo a dover scoprire tutto, proprio come se ci trovassimo noi stessi su un pianeta sconosciuto. L’esplorazione quindi non è per nulla semplice dato che non esiste alcun tipo di aiuti o facilitazioni. Anche la mappa a schermo è moto scarna e quindi non fornisce più di tanto informazioni utili allo svolgimento delle varie missioni. Tutto è affidato all’iniziativa del giocatore, senza troppi aiuti proprio come accadeva nei videogiochi di qualche anno fa, dove il grado di difficoltà era nettamente livellato verso l’alto.
Purtroppo con la remaster non sono arrivate innovazioni sotto il profilo del sistema di controllo o le meccaniche shooting o ancora una rivisitazione completa di un comparto tecnico vecchio di quasi vent’anni. Le animazioni allo stato attuale sono un po’ legnose e i salti finiranno inesorabilmente fuori portata per via della mancanza di coordinazione del protagonista.  Anche gli scontri a fuoco, soprattutto negli ambienti chiusi, potevano essere riadattati megli.o così come la gestione della telecamera negli spazi aperti che a volte lascia alquanto a desiderare soffermandosi su parti dello scenario non proprio al centro dell’azione.
Per quanto concerne il sistema di controllo, è stato implementato il controller anche se per gestire l’arsenale si poteva fare nettamente di meglio. Infatti per controllare le armi disponibili e sparare è stato scelto lo stesso tasto: una scelta non proprio comodissima dopotutto. Con un altro tasto potremo aprire l’inventario ma anche uscire dalle conversazioni, generando non pochi problemi le prime volte che ci si approccia al gameplay. Unici tasti quindi svolgono compiti differenti. La mira ha il puntamento assistito anche se non è precisissima, e anche le fasi stealth sono a tratti un po’ goffe.
La grafica vede anche texture un po’ grezze nel complesso, indice forse di un’eccessiva frettolosità in fase di sviluppo che ha inficiato sulla qualità generale del titolo e ne ha quindi penalizzato il risultato finale.

OUTCAST - Second Contact_REVEAL

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Conslusione [/perfectpullquote]

Alla luce di tutto questo possiamo dire che Outcast Second Contact è un’operazione riuscita a metà. La storia è ottima, coerente e soprattutto ancora attualissima così come la caratterizzazione del protagonista ai livelli di Duke Nukem. Peccato però che l’occasione di aggiornare il comparto tecnico allo stato attuale delle cose non sia stata colta nella maniera più corretta possibile. Un gioco valido forse solo per chi è in vena di nostalgia per il passato dato che le difficoltà tecniche scoraggeranno in maniera eccessiva tutti coloro che si approcceranno al brand per la prima volta, vuoi anche solo per l’elevata difficoltà generale.

Outcast: Second Contact si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0