Follow
Gamepare > Home > Oddworld: New ‘n’ Tasty > Oddworld: New ‘n’ Tasty – Recensione

Oddworld: New ‘n’ Tasty – Recensione

Chi ha giocato nel 1997 a Oddworld: Abe’s Oddysee, su PlayStation e Windows, era rimasto molto colpito dalle caratteristiche grafiche di questo platform. Ma non solo, ci siamo affezionati al quel personaggio di nome Abe che con il suo fantastico doppiaggio in italiano dava al gioco emozioni incredibili con le frasi “Ciao”, “Seguimi”, “Aspettami”, oltre a scoreggiare e fischiare.

Lo scopo del gioco era quello di salvare i nostri fratelli dal terribile destino dei Mattatoi Ernia. Il temibile Boss Molluck, a causa delle grandi perdite di profitto nella vendita di cibo ricavati dalla carne di razze animali come Scrab, Paramiti e Meech, decide di creare una nuova ricetta usando la carne dei Mudokon. Abe, durante il suo giro di pulizie aziendali, scopre il malvagio piano passando davanti alla “sala riunioni” dei dei malvagi Glukkon, e decide così di salvare tutti i suoi fratelli Mudokon.

Oddworld3

Per lo sviluppo di questo videogioco ai tempi fù creata una vera è propria casa di produzione chiamata Oddworld Inhabitants. Infatti Oddworld è frutto di un lavoro lungo 4 capitoli, realmente rilasciati nel corso degli anni, ma con alcuni progetti che furono cancellati. Fino ad oggi, quando la Just Add Water prese i diritti per la rimasterizzazione del capitolo Oddworld: Abe’s Oddysee, creando così Oddworld: New ‘n’ Tasty!

Oddworld: New ‘n’ Tasty è la versione remastered del gioco in grafica 1080p, dove il nostro protagonista Abe si ritrova a rivivere l’avventura completamente ridisegnata. Noteremo sicuramente tutti i dettagli e i particolari delle ambientazioni di Oddworld.

Ma tornando al gameplay, Abe dovrà scappare dalla fabbrica portando dietro i suoi simili, che purtroppo non spiccano molto per intelligenza ed a volte ci troveremo a far scelte non molto piacevoli pur di salvare la nostra pelle. Per fortuna in questa versione potremo controllare più Mudokon portandoli in salvo tutti insieme.

Oddworld10

Durante l’avventura avremo comunque visione di quanti Mudokon dobbiamo ancora salvare, in totale saranno 299 ma starà a noi decidere se salvarli tutti. Logicamente in base alla scelta che faremo anche il finale del gioco sarà diverso.

Oltre a ricreare un nuovo design 3D al gioco, grazie anche all’aiuto di Unity, le meccaniche sono rimaste le stesse del 1997. Infatti è possibile far muovere Abe con i tasti oppure con l’uso di un gamepad Xbox, con cui assiteremo alle vibrazioni durante scoppi e cadute di corpi liberi. Diciamo che il lavoro fatto dalla Just Add Water da molte soddisfazioni, riportando questo titolo ai giorni nostri.

Anche se in alcuni casi ci troveremo a ripetere più volte la stessa cosa, risultando frustrante, Oddworld: New ‘n’ Tasty rimane il gioco più appagante per i nostalgici della serie. Gli sviluppatori hanno anche introdotto delle modifiche al fine di agevolare questo tipo di situazioni, infatti durante l’evoluzione dell’avventura sono stati inseriti numerosi checkpoint, ma allo stesso tempo è possibile anche utilizzare il salvataggio rapido dal menù principale.

Oddworld6

Purtroppo però ci sono anche delle critiche da fare: la prima è l’introduzione di un co-op un po’ strano, che dal mio punto di vista dovevano chiamarlo co-staffetta-op. Infatti questa modalità non è altro che passarsi il controller dopo un determinato tempo da un giocatore all’altro. La seconda è la mancanza del doppiaggio in italiano che già nel 1997 era veramente fatto bene. Questo in effetti è un duro colpo per chi amava la sua voce e le sue frasi in italiano.

Attualmente il titolo è disponibile sugli store digitali di Steam e Playstation Network ed il costo è relativamente basso per il lavoro che i ragazzi della Just Add Water hanno effettuato.

In conclusione, Oddworld: New ‘n’ Tasty presenta una grafica di gioco totalmente rinnovata portandolo da semplice 2D a 3D. Rigiocando questo titolo si apprezzerà sicuramente la cura con cuoi è stato ridisegnato oltre le nuove features di gioco inserite.

 

Positivo
  • Ottima rimasterizzazione
  • Introduzione del salvataggio rapido
  • Accurato nei particolari
Negativo
  • Mancanza del doppiaggio italiano
  • Strana modalità Co-op
9
Ottimo
Gameplay - 9
Grafica - 9
Longevità - 9
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>