Nintendo sarà presente al First Playable per supportare gli studi di sviluppo locali

Nintendo sarà presente al First Playable

Nintendo, in collaborazione con AESVI – l’Associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia – organizza la seconda edizione del Nintendo Indie Summit, la serie di eventi e tavole rotonde dedicate ai giochi indipendenti sviluppati per la console Nintendo Switch.

Il secondo Indie Summit si terrà mercoledì 3 luglio alle ore 16.00 alle Manifatture Digitali di Pisa durante la prima giornata di First Playable, primo evento business internazionale in Italia nel settore del gaming organizzato da AESVI in collaborazione con Toscana Film Commission.

Al termine del Nintendo Indie Summit si terrà un “Opening networking event” aperto a tutti i partecipanti.

A due anni e mezzo dall’uscita di Nintendo Switch, la libreria della console di casa Nintendo è sempre più ampia, raggiungendo il traguardo di oltre 2000 titoli, anche grazie a realtà di sviluppo indipendenti, sempre più sinonimo di qualità.

Dopo la prima edizione dell’Indie Summit, tenutasi il 26 Marzo presso l’Università degli Studi di Milano e focalizzata sugli sviluppatori italiani, questa volta saranno protagonisti anche studi di sviluppo internazionali oltre alle realtà nostrane. Saranno infatti presenti all’evento i team italiani 34BigThings e Trinity Team, gli olandesi Twirlbound e lo studio polacco Afterburn Games.

First Playable, evento che ospiterà l’Indie Summit, ha tra gli obiettivi la crescita delle imprese italiane, e Nintendo è in prima fila a supportare gli studi di sviluppo locali fornendo, con gli Indie Summit, una grande possibilità di visibilità ai media e al pubblico per gli sviluppatori, in modo che possano continuare a crescere ed evolvere.

La partecipazione all’evento è a pagamento. A questo link tutte le informazioni sui biglietti di ingresso.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2512 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*