Never Alone (Kisima Ingitchuna) Never Alone (Kisima Ingitchuna) – Recensione

Chi fa parte del popolo degli Iñupiat non è mai solo. In Never Alone andremo alla scoperta degli Iñupiat, abitanti dell’Alaska e protagonisti indiretti di questa avventura.

Nel gioco dovremo infatti aiutare una bambina Iñupiat di nome Nuna, la quale deciderà di allontanarsi dal proprio villaggio per porre fine alla carestia che sta causando la morte del suo popolo. Nuna non sarà sola durante il suo viaggio, potrà sempre contare sull’aiuto del suo piccolo volpino artico che la seguirà per tutto il cammino.

Questa avventura-puzzle, sviluppata in Unity, porta i due personaggi in un lungo cammino in stile platform dove dovranno risolvere degli intrighi per proseguire con la storia. Aiutata anche dagli spiriti che il volpino riesce a richiamare, Nuna dovrà risolvere l’enigma più grande: che cosa sta succedendo al suo popolo.

NeverAlone_screen1

I developer di Upper One Games hanno collaborato a stretto contatto con gli Iñupiat allo scopo di raccontare la loro storia in questo gioco, rendendolo anche un vero e proprio mini-documentario. Infatti, quando troveremo uno dei gufi presenti durante l’avventura, potremo visualizzare dei brevi video che raccontano la storia, le tradizioni e i metodi di sopravvivenza di questa comunità che abita le gelide distese dell’Alaska a ridosso del mare di Bering.

Alcune caratteristiche del gameplay, e la grafica ben definita, riescono a riprodurre il clima estremo dell’Alaska, dal freddo intenso alle buffere di neve. Di tanto in tanto dovremo combattere con il vento gelido, che in molti casi potrà essere letale se non saremo pronti a premere il tasto indicato al momento giusto.

NeverAlone_screen12

Il gioco è molto simile ad un altro titolo, uscito in esclusiva su Xbox One, chiamato Max: The Curse of Brotherhood, anch’esso sviluppato in Unity.

Durante l’avventura comunque ci troveremo spesso in scene veloci, dove ogni sbaglio potrebbe rivelarsi fatale. Inoltre gli spiriti hanno un ruolo fondamentale nel gioco, in quanto, insieme alla misteriosa volpe artica, potranno aiutare Nuna ad arrampicarsi su alcune sporgenze o ad effettuare azioni in cooperazione.

Si, perché questo gioco è anche creato per giocare in cooperativa multigiocatore fra due persone, con ogni giocatore a prendere il controllo di Nuna o della volpe.

Questa modalità si è rilevata molto divertente, sopratutto perché la cooperazione ha un ruolo fondamentale in questa storia e con l’avanzamento le difficoltà incontrate aumentano. Naturalmente, se giocato in single player, è possibile prendere il controllo di entrambi i personaggi, uno dopo l’altro. In alcune situazioni sarà necessario riflettere per scegliere correttamente il personaggio da utilizzare.

NeverAlone_screen5

In conclusione questo titolo indie si rivela molto curato e ricco di informazioni sul popolo degli Iñupiat, e se lo scopo degli sviluppatori era quello di far conoscere le loro tradizioni, gli sviluppatori ci sono riusciti al 100%. Anche la durata di questo titolo, di circa 3 ore, ed i contenuti rendono il costo veramente irrisorio in confronto ai giorni impiegati per svilupparlo.

In compenso però ci siamo imbattuti in alcuni bug, che sicuramente verranno risolti. Un esempio è il momento in cui i personaggi muoiono: in alcuni casi si vedono dei glitch grafici che potevano essere sicuramente rimossi.

In definita consigliamo di acquistare questo gioco sopratutto perché il rapporto qualità-prezzo non ha rivali. In aggiunta, vi porterà, divertendovi, alla scoperta di questo incredibile popolo, andando alla ricerca dei gufi presenti nel gioco per sbloccare i documentari informativi.

Informazioni su Andrea R. 1977 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*