Follow
Gamepare > Home > NBA Playground > NBA Playground – Recensione

NBA Playground – Recensione

Saber Interactive ha saputo creare un nuovo titolo sulle false orme di NBA Jam. Questo gioco è NBA Playground, uscito il 9 Maggio 2017 per PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch e PC e per il quale abbiamo aspettato a pubblicare questa recensione in quanto all’uscita alcune funzionalità del titolo non erano ancora abilitate.

NBA Playground inizia subito con l’introduzione nel mondo delle trading card; dovremo infatti scartare i primi 3 pacchetti per trovare i nostri giocatori NBA per iniziare le prime partite. Il gioco si basa su competizioni 2v2, dove selezioneremo i giocatori trovati nei pacchetti per iniziare a sfidare altri due giocatori in playground da strada, il tutto in città come New York, Londra, Parigi, Las Vegas, Shanghai e Tokyo.

Nella prima fase di gioco, un tutorial completo ci aiuterà ad imparare i primi passi e i tasti. All’inizio devo ammettere che ho trovato difficoltà a ricordare tutte le varie combinazioni indicate per effettuare le mosse speciali, in quanto oltre al classico passaggio di palla e tiro al canestro avremo degli “scatti” speciali per effettuare contrasti e tiri in modalità “supereroe”.

Sono state utilizzate per questo gioco le regole del basket playground, con tiri a canestro da due e tre punti e con infrazioni ad esempio se si tiene la palla in mano per troppi secondi. Inoltre, per aumentare il fascino delle partite, gli sviluppatori hanno aggiunto la possibilità di effettuare tiri a canestro sfidando le leggi di gravità e di poter far compiere ai giocatori balzi da grilli. Questa modalità di gioco, unità al fatto di poter collezionare 150 giocatori differenti, alcuni dei quali leggendari nello scenario NBA, rende il titolo ancora più interessante.

NBA Playground non ha acquisti in-app, tutto quello appena descritto è incluso nel gioco. Il titolo è localizzato in italiano per le scritte a video, mentre le voci del telecronista sono in inglese.

Il gioco ha tre modalità: Esibizione, Tornei e Partita Online. Purtroppo quest’ultima modalità nella console Nintendo Switch non è abilitata e abbiamo quindi potuto testarla su console Xbox One, dove possiamo affermare di non riscontrare particolari differenze se non la possibilità di sfruttare tutte le modalità che il titolo propone.

Le partite vengono disputate velocemente con una durata di circa 5 minuti, che forse passano anche troppo in fretta. Si tratta comunque sempre di un gioco Arcade stile sala giochi anni ’90: uno spasso e un divertimento giocarlo in compagnia sfidandosi in vere e proprie competizioni.

La grafica è realizzata con l’uso dell’Unreal Engine che ha aiutato nelle animazioni e nella definizione al passo con i tempi, anche se qualcosa poteva essere migliorato in particolare a livello Nintendo Switch dove nella modalità TV la grafica dei personaggi è ben dettagliata, invece se proviamo a giocare in modalità tablet notiamo che la qualità scende abbastanza di livello. Per quanto riguarda il sonoro ha effetti abbastanza ripetitivi, comprese le frasi del telecronista che dopo poche partite si avrà voglia di disabilitare.

Da segnalare che il titolo ha tutte le carte in regola sulla questione licenze, cosa non da poco, grazie ad un accordo ufficiale NBA su diversi giocatori e squadre.

In conclusione NBA Playground è un gioco che farà divertire i nostalgici delle sale giochi, ma soprattutto i fan della NBA che vorranno collezionare i vari giocatori introdotti nel titolo dagli sviluppatori. Vale la pena compralrlo? Beh forse si sopratutto per il basso costo con cui è uscito il gioco.

La recensione di NBA Playground si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0