Follow
Gamepare > Home > NBA 2K18 > NBA 2K18 – Recensione

NBA 2K18 – Recensione

La perfetta simulazione di basket

E’ difficile offrire un prodotto sempre fresco e valido, soprattutto quando la concorrenza  è inesistente. I ragazzi di Visual Concepts, avvezzi da quasi vent’anni alle sfide, sembrano non preoccuparsi, e anche quest’anno regalano un nuovo NBA 2K.
Non una semplice serie di giochi annuale, quanto più un must-have per ogni appassionato di pallacanestro. I seguaci più attenti della disciplina noteranno tanti piccoli dettagli come le grafiche televisive, le interviste post-partita e le voci originali di giocatori e opinionisti.

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Scalata al 99[/perfectpullquote]

Abbiamo visto il trailer, abbiamo giocato alla demo Preludio, ora finalmente abbiamo messo le mani sula carriera My Player di NBA 2K18. La prima cosa che abbiamo voluto sperimentare è stato il tanto sbandierato Quartiere, unito al’aspetto social che la carriera virtuale prevede. Protagonista sarà DJ, un ex musicista che torna a giocare in NBA grazie ad un provino fortunato. Una volta sistemato l’aspetto del nostro avatar virtuale (grazie anche allo scan facciale fatto con l’app apposita), iniziamo la nostra lunga strada verso il “99”. Il Quartiere, un quadrilatero pedonale completamente esplorabile ed interattivo, appare affollato degli altri players virtuali. Qui, si potrà modificare e potenziare il nostro DJ a piacere. C’è il barbiere, la palestra e negozi d’abbigliamento, ma anche la nostra casa e l’ufficio dell’agente. Prima novità è che non sarà necessario giocare la stagione NBA per salire di livello. La presenza dei campetti dove sfidare gli altri giocatori virtuali permetterà così di affrontare meno stagioni, alzando ugualmente gli attributi. Una progressione più decisa verso il gioco online, che pone il giocatore nella più completa libertà di scelta, condensando il tutto (partite online, stagione, shop online) in un’unica modalità di gioco.
La componente social è stata maggiormente potenziata, anzi è il fulcro della modalità. Lo smartphone comanderà la vita di DJ, permettendogli di spostarsi dai campi della stagione NBA, suggerendogli obbiettivi e monitorare il numero di followers. Non a caso, la franchigia d’appartenenza ci fornirà una PR, che ci seguirà come un mastino in ogni scelta social che faremo, come interviste, dichiarazioni o cutscenes.
Prima e dopo ogni gara saremo teletrasportati nello spogliatoio, dove mini scene d’intermezzo ci mostreranno la vita di un giocatore professionista lontano dalle telecamere. In qualità di rookie, il nostro veterano di riferimento Shammy ci insegnerà come comportarci con compagni e staff. In questo caso, la narrazione ci è sembrata un po’ carente. Eccessivamente scanzonata, al limite del parodistico, in più di un’occasione abbiamo perso il filo della vicenda, a volte disconnessa e poco seria.

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Manager dell’anno[/perfectpullquote]

Passando alla fase gestionale, NBA 2K18 offre il solito ma rodato terzetto My League, My GM e My Team.
Per quanto riguarda la prima modalità, non ci sono grandi novità. E’ la tradizionale serie di stagioni offline.
In My GM, invece entra in campo una piccola componente narrativa. Un video iniziale ci mostrerà il nostro avatar virtuale, costretto da un infortunio ad abbandonare il parquet per passare dietro la scrivania. Gli appassionati di gestionali troveranno interessante la personalizzazione iniziale, potendo scegliere le multiple difficoltà da affrontare durante la stagione (come la riuscita di una trade o la frequenza e durata degli infortuni). Per il resto, il controllo su staff, allenatore, schemi e analisi statistiche è totale. L’intesa tra compagni sarà importantissima, così come nella modalità My Team. Chi è pratico dell’ Ultimate Team di FIFA (un paragone calcistico in un gioco di basket?!) sa che un determinato schema, richiede giocatori specifici e che “si conoscono”.  La giusta scelta delle carte, unite ad un pizzico di fortuna, determineranno l’esito positivo di ogni sfida.

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Live da bordo campo[/perfectpullquote]

Dal punto di vista grafico, Visual Concepts si è concentrato maggiormente sulla cura dei dettagli. Migliorate le espressioni facciali, la fluidità del palleggio ed aggiunte le animazioni post canestro degli ultimi giocatori arrivati, salta all’occhio la qualità delle divise e tutta la componente di “entertainment”. Ad ogni timeout si potrà parallelamente assistere a degli show a bordo campo, con ballerine e mascotte, o a interventi dallo studio 2K di con Kenny “the Jet” Smith, Ernie Johnson e Shaquille O’Neal. Un passo avanti verso il coinvolgimento totale.
La fisica tra giocatori è stata implementata, rendendo più arduo l’1vs1 tra giocatore e attaccante. Ad una buona difesa, sarà veramente complesso rispondere con un canestro forzato. Più consigliabile giocare di squadra e attuare gli schemi. Rinnovata anche la meccanica di tiro, grazie ad un indicatore da “riempire” più intuitivo che obbliga a cercare sempre la giusta separazione dal difensore. Più la difesa sarà intensa, meno saranno le chance di segnare un canestro, anche se l’indicatore è stato riempito nel modo corretto. E’ stato aggiunto anche un nuovo tipo di passaggio, a lunga gittata. Si potrà attivare tenendo più a lungo il tasto del passaggio, indicando la direzione con lo stick analogico sinistro. L’intelligenza dei compagni si è inalzata. Le manovre sono più corali e sensate. I blocchi, gli smarcamenti e le scelte di tiro sono sensati, mentre a livello difensivo si riportano ancora alcune leggere mancanze.
Altra nota negativa sono i tempi di caricamento un po’ troppo lunghi, soprattutto nella modalità My Player.

NBA 2K18 si conferma IL gioco di basket. Dopo che EA Sports ha fatto il leone negli anni Novanta e per la prima metà dei Duemila, i ragazzi di Visual Concepts hanno annichilito il mercato. L’assenza totale di concorrenza  non va vista necessariamente come un bene, visto che la stessa saga 2K si è un po’ seduta sugli allori tra gli anni 2011 e 2014. Sembra che la lezione sia stata imparata, la costante ricerca di perfezione regala agli appassionati il simulatore cestistico definitivo anno dopo anno.

La recensione di NBA 2K18 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>