MorphShift Wars (AX:EL) – Recensione

MorphShiftWars-Gamepare

Attenzione! Questa recensione analizza le caratteristiche di gioco in base a chi le ha sviluppate, in questo caso non ci sono case di produzione composte da team, ma solo l’esperienza di un singolo sviluppatore.

Attualmente il gioco è ancora in Accesso Anticipato (Early Access) su Steam, quindi tutti i videogiocatori potranno contribuire a migliorare il gioco.

Costruisci il tuo veicolo e preparati a combattere.

Da uno sviluppatore indipendente di nome Alex (Axe Eel Games), nasce una nuova idea nei giochi di aerei.
Ora è possibile volare nel cielo oppure navigare sott’acqua con MorphShift Wars.
Appena avviamo MorphShift Wars, viene proposto il menù principale dove noteremo subito la possibilità di giocare in multiplayer, perché grazie al supporto di Steam potremo anche effettuare partite online.

MorphShiftWars-Gamepare

Il titolo da la possibilità di personalizzare l’aeromobile e lanciarlo in battaglia contro i nemici, accompagnandoci in 10 missioni nella campagna principale.
Durante il volo o il sub, sul display vengono visualizzate le principali caratteristiche come l’energia, il power, la velocità e il radar dove possiamo visionare i nemici.

Il gameplay del gioco è molto semplice, anche senza un minimo concetto di volo, possiamo guidare il nostro veicolo. In ogni missione guadagneremo delle monete per acquistare personalizzazioni per l’aereo muti-forma.

MorphShiftWars-Gamepare

Dal punto di vista grafico MorphShift Wars, ha tutti i prerequisiti per diventare un ottimo gioco, anche se manca una storia principale e la mancanza di veri obbiettivi (eccetto quelli di Steam).

Dal punto di vista di Gamepare è un titolo che va sostenuto, quindi acquistato. Crediamo inoltre che questo sviluppatore abbia grandi caratteristiche per ottenere buoni risultati sia dal punto di vista gameplay che grafico con i prossimi giochi.

Maggiori info su http://axeeel.com/site/.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2567 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*