Moebius: Empire Rising Moebius: Empire Rising Recensione

In Moebius: Empire Rising, avventura-thriller che vede il ritorno sulla scena di Jane Jensen (nome noto legato alla serie di avventure grafiche Gabriel Knight), vestiremo i panni del giovane Malachi Rector.

Malachi, rappresentato come un mezzo sociopatico, presuntuoso e intollerante, che fatica a rapportarsi col prossimo anche a causa delle sue incredibili doti mentali, è un esperto in antichità la cui memoria fotografica e l’attenzione per i dettagli trasformano persone e indizi in enigmi interattivi.

Nel corso dell’avventura, con al centro una cospirazione internazionale, viaggeremo per il mondo e utilizzeremo le doti di Malachi per interagire con le persone e gli oggetti che ci circondano. La documentazione storica fornita nel corso del gioco è molto dettagliata e si collega a teorie misteriose che rendono la narrazione più piacevole e intrigante.

MoebiusEmpireRising-Gamepare

A rendere interessante Moebius: Empire Rising sono però i dialoghi, specialmente le battute di Malachi e le osservazioni che fa il protagonista riguardo ai dettagli esteriori. Non c’è nulla che sfugga al suo occhio analitico, in ogni occasione Malachi inquadra alla perfezione l’oggetto che ha di fronte.

Un altro sistema di gioco molto appagante è il profilo che Malachi stila a colpo d’occhio delle persone che incontra. Scegliendo l’apposita icona dal menù dei comandi accediamo a una schermata nella quale per ogni dettaglio rilevante della persona che abbiamo di fronte sono associate tre risposte possibili. Se cogliamo il significato di ogni dettaglio otteniamo punti bonus e la possibilità di intraprendere azioni extra.

MoebiusEmpireRising-Gamepare

Ad aggiungere un tocco di tecnologia e modernità all’avventura ci pensano le funzioni dello smartphone, che possiamo usare per chiamare i nostri contatti, fare ricerche su Internet e analizzare le informazioni. Nel corso dell’avventura Malachi dovrà infatti valutare reperti antichi molto speciali o biografie di personaggi chiave. Una volta raccolte sufficienti informazioni, sarà possibile accedere al nostro smartphone e confrontarli fra loro per arrivare al verdetto finale. Ognuna di queste analisi è corredata da numerose informazioni storiche che rendono ancora più affascinanti le indagini.

Pecca del gioco è il fatto che Malachi non si mette quasi mai in tasca quello che trova, ma aspetta invece di averne bisogno. Ciò significa che dobbiamo esaminare tutte le schermate per poi tornare ogni volta indietro a prendere gli oggetti necessari. A questo si aggiunge la presenza di enigmi abbastanza banali per la storia e delle animazioni non sempre perfette.

Ciò nonostante Moebius: Empire Rising è un gioco da provare soprattutto per i fan del genere, sperando che sia il primo capitolo di una lunga serie.

Informazioni su Matteo P. 62 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*