Metroid: Samus Returns – Recensione

Acquista

Il ritorno di Samus, ma questa volta su Nintendo 3DS

E’ stata una lunga attesa per i fan di Metroid, l’ultimo titolo della serie a ricalcare le meccaniche originali risale al lontano 2004, ovvero Metroid: Zero Mission, un remake che ha rivisto e approfondito il primo capitolo.
Finalmente dopo 13 anni la saga torna al suo splendore 2D che ha saputo definire il genere oggi noto come “Metroidvania”, dalla fusione del titolo Nintendo con il noto Castlevania.

Ritorno da un lungo viaggio

Metroid: Samus Returns è il titolo giusto per il compito che il gioco si trova a coprire, gli ultimi capitoli della saga hanno infatti ricevuto un’accoglienza “tiepidina” dai fan, per tornare a fare breccia nei cuori degli appassionati c’è bisogno di qualcosa che sappia ricalcare l’altissima qualità dei titoli del passato, insomma c’è bisogno a tutti gli effetti di un vero ritorno di Samus!

Metroid: Samus Returns screenshotI ragazzi di MercurySteam questo concetto lo hanno evidentemente avuto chiaro in mente fin dall’inizio e grazie all’affiancamento di Nintendo basta semplicemente avviare il gioco per comprendere la cura con cui questo progetto è stato sviluppato.
La schermata del titolo ripercorre le note che più volte abbiamo sentito in passato, sebbene ci venga chiesto di premere A per proseguire è praticamente inevitabile soffermarsi qualche attimo ad assaporare il momento, è il preludio a qualcosa di nuovo che tuttavia appare ben noto e familiare.

L’incipit è lo stesso di 26 anni fa, quando il titolo debuttò su Game Boy, siamo diretti sul pianeta d’origine dei Metroid SR388, qui la federazione ha avuto scarso successo nell’occuparsi delle misteriose “meduse spaziali” e di conseguenza fa ciò che avrebbe dovuto fare fin dall’inizio: Mandare Samus Aran ad occuparsene.

Come potete quindi immaginare l’obbiettivo del gioco è eliminare tutti i Metroid, questa volta però abbiamo qualche chicca in più a rendere il tutto più avvincente e soprattutto meno labirintico. Il titolo originale, per quanto eccellente, appartiene ormai ad un’altra epoca e la formula non avrebbe mai potuto funzionare senza i giusti accorgimenti, accorgimenti che il team di sviluppo ha apportato alla perfezione e con grande maestria.
Anzitutto siamo stati benedetti dalla presenza di una mappa, che sebbene nei titoli più recenti fosse un must, nell’originale Return of Samus era solamente presente nel libretto di istruzioni e raramente riusciva a dare un vero contributo alle fasi esplorative.
Questa volta quindi tenere traccia della propria posizione e di quella del prossimo obiettivo è decisamente più semplice e risparmia al giocatore un sacco di tempo perso per raccapezzarsi nei vari cunicoli labirintici del pianeta.

Metroid: Samus Returns screenshotUn’altra importante modifica, che cambia seppur leggermente il ritmo aggiungendo un miglior senso di progressione al tutto è data dagli speciali dischi lasciati dai chozo, i precedenti abitanti del pianeta, che richiedono di aver sconfitto uno specifico numero di Metroid per poter sbloccare l’area successiva. Se porteremo loro il DNA raccolto dai nemici sconfitti non solo apriranno nuovi passaggi, ma nel caso ancora non avessimo raccolto sufficiente materiale per proseguire saranno così gentili da indicarci quale area esplorare per trovare il prossimo nemico, più di una volta mi son trovato a ringraziare per questa gentilezza!
Ma la più grande innovazione dal punto di vista dell’esplorazione è portata da uno dei nuovi poteri di Samus, a cui avremo accesso molto presto all’inizio del gioco e si tratta del radar.
Utilizzando una barra di energia peculiare si può infatti rilasciare un impulso che andrà non solo a rivelare sulla minimappa, posizionata sullo schermo inferiore, varie stanze e nicchie che ancora non abbiamo notato, ma anche a rivelare le componenti distruttibili dello scenario, dandoci così un utile strumento per trovare non solo la corretta via per proseguire, ma anche i diversi potenziamenti nascosti lungo il nostro tragitto.

Non è ovviamente l’unica miglioria apportata all’arsenale di Samus, ce ne sono molte altre, ma è bene scoprirle con il gioco alla mano. Importante però notare che queste nuove componenti non hanno affatto sacrificato gli elementi che definivano il gioco originale, che verranno infatti ritrovati lungo il tragitto e svolgono un ruolo importante durante tutta l’avventura.

Per quanto Metroid sia sempre stato un titolo più improntato all’esplorazione che al combattimento, anche quest’ultimo ha ricevuto diverse migliorie che rendono il titolo ancora più avvincente e dinamico.
Le due principali modifiche sono la mira libera, che si attiva con la comoda pressione del tasto L e ci consente di sparare a qualsiasi angolo permettendoci di restare fermi nella posizione ideale, e un attacco in mischia, che sebbene non comporti una vera minaccia per i nemici ci consente di allontanarli e liberarci da eccessiva pressione ma soprattutto di bloccare le loro offensive e lasciarli scoperti a un potente contrattacco.

In Metroid: Samus Returns affrontare quindi i vari nemici è un mix tra conoscenza del nemico, giusto approccio e riflessi, lo stesso vale per quanto riguarda gli antagonisti principali del titolo: I Metroid.

Gli scontri con queste creature sono ovviamente numerosi e spesso avvincenti, più proseguiremo nell’avventura più si faranno potenti e minacciosi, l’unica pecca è una carenza di varietà che comincia a farsi sentire nelle fasi più avanzate del titolo, ma combattere i Metroid rimane comunque una sfida piacevole.

Metroid: Samus Returns screenshotAllo stesso modo avanzando capiterà di dover ripercorrere zone già visitate in passato per approfittare di nuovi potenziamenti e proseguire in luoghi che prima ci erano inaccessibili, questo backtracking non è invasivo e anzi risulta spesso gradevole trovare nuove vie e potenziamenti, il gioco riesce bene a trasmettere una sensazione di progressione e ricompensa il giocatore per essere stato attento e scaltro. Solo raramente questa componente risulterà un po’ tediosa, ma fortunatamente una fitta rete di teletrasporti rende il tutto molto più leggero.

Brava e bella

Come detto all’inizio, la componente audio è stata curata alla perfezione, non solo ripercorre i temi noti e cari agli amanti della serie, ma in molti casi riesce a renderli più moderni e gradevoli, anche eliminando quelle tracce che nel gioco originale risultavano estremamente tediose. Tuttavia se la colonna sonora è eccelsa gli effetti sonori non sono nulla di speciale: Svolgono bene il proprio ruolo, ma non sono mai particolarmente gradevoli o memorabili.

Metroid: Samus Returns screenshotPassando invece al comparto grafico abbiamo per le mani una piccola gemma, certo la console portatile su cui gira ha ormai i suoi limiti, ma il titolo riesce a sfruttarne tutto il potenziale alla perfezione: I dettagli sono eccellenti, partendo dal personaggio principale, passando dai mostri e arrivando agli scenari e ai fondali tutto è estremamente curato e dettagliato, SR388 appare vivo, vibrante e minaccioso, pronto a fare di Samus un sol boccone se solo ne avrà l’opportunità!

Tutti questi dettagli per di più non sacrificano affatto la fluidità di gioco, ne creano alcun tipo di confusione, il frame rate è solido come una roccia e non crea alcun problema neppure nei momenti più frenetici.

Più in forma che mai

Il risultato è un titolo che riesce a trasmettere tutta l’enormità che anche l’originale aveva e anzi la amplifica modernizzandola e senza mai snaturare il concept originale. Se avete intenzione di gettarvi in questa avventura sono molte le ore di gioco che vi attendono per completare la missione e vedere tutte le meraviglie nascoste su SR388, peccato solo che i modelli più datati di 3DS richiedano un certo sforzo per le mani e il titolo mette una certa evidenza su questa pecca, che tuttavia è ormai superata coi modelli più recenti.

Si può quindi dire che il titolo sia all’altezza dell’alto compito che è chiamato a svolgere? In definitiva la risposta è un secco SI! Il gameplay 2D che tanto ha fatto agognare i fan nell’attesa è più solido e riuscito che mai, Samus è davvero tornata! Speriamo solo di non dover aspettare altri 13 anni per rivederla in queste vesti!

Positivo

  • Samus è tornata alle sue origini 2D ed è la migliore di sempre
  • Gameplay ricco di novità, senza snaturarne l'origine
  • Esplorazione arricchita e migliorata
  • Grafica superba per 3DS

Negativo

  • Comandi un po' vessanti sulle mani, soprattutto coi modelli di 3DS più vecchi
  • Backtracking non sempre gradevole
  • Purtroppo a un certo punto finisce
9

Perfetto

Grafica - 10
Giocabilità - 9
Longevità - 8
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte di qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Lasciare una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*