Mario + Rabbids Kingdom Battle – Recensione

Acquista

Come passare da It's me! Mario! a Bwahahahaha!

Le leggende narrano che negli studi di Ubisoft Milano il prototipo di Mario + Rabbids Kingdom Battle fosse arrivato già nel 2013, e si può ipotizzare quindi che questo titolo dovesse uscire inizialmente per Nintendo Wii U
Nei mesi successivi di quell’anno, Ubisoft collaborò fortemente con Nintendo al fine di mettere in piedi l’ambizioso progetto, facendo spola tra Milano, Parigi e Kyoto.
Si possono immaginare facilmente le reazioni negli studi Nintendo quando questo progetto è stato sottoposto ad approvazione; sicuramente a qualcuno questo titolo sarà sembrato una potenziale catastrofe ma, fortunatamente, il bizzarro crossover è andato in porto e il risultato appare davvero interessante e ben riuscito.

Durante la presentazione E3 2017 (minuto 5:10), mentre Shigeru Miyamoto presentava l’anteprima del gioco, per un attimo abbiamo visto sul volto di Davide Soliani, creative director del gioco, un’emozione che solo oggi possiamo assaporare veramente.

Mario + Rabbids Kingdom Battle apre l’avventura proprio con i danni causati dai Rabbids (questi coniglietti devastanti), che a bordo della lavatrice del tempo, o macchina del tempo (l’ultima apparizione di questo oggetto, se non ricordo male, è in Raving Rabbids Travel in Time), arrivano in casa di una ragazza-inventore. Qui, grazie ad un particolare visore creato dalla ragazza, uno dei conigli inizia a trasformare i suo fratelli in creature bizzarre e personaggi del mondo Nintendo finché, avvenuta la trasformazione dei cari coniglietti, la lavatrice si rimette in moto aspirando tutto quello che può trovare nella stanza, compreso un poster di Super Mario. Il risultato di questo incidente è l’invasione da parte dei Rabbids nel mondo di Super Mario.

Terminato il video di intro, ci ritroviamo quindi a vestire i panni di Mario, capitanando una piccola squadra di alcuni conigli che potremmo quasi definire “cosplayer”, vista la loro capacità di assumere il look di altri personaggi storici del mondo dei funghi, quali Luigi e Peach.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

Il gioco parte con una spiegazione delle funzionalità base del titolo, un tutorial abbastanza lineare con l’esperienza di gioco stessa. Dopo questa prima introduzione abbastanza lunga, ci troveremo davanti al castello di Peach e in vari settori potremo personalizzare ed acquistare le armi da usare durante i combattimenti.

Da subito il gioco appare un ottimo mix con il meglio dei due mondi: l’aspetto colorato ben si fonde con l’umorismo dei Rabbids, dando vita a numerose scenette divertenti e siparietti comici apprezzabili.
Anche le animazioni sono davvero accattivanti e ben fatte; dalle semplici boccacce che gli schizofrenici Rabbids non riescono ad evitare, ai movimenti in combattimento che danno all’azione un tocco di originalità in più.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

Ma come si combatte con la squadra?

Per prima cosa, selezionando Mario potremo scegliere se farlo muovere oppure sparare a distanza contro un nemico. Addentriamoci ora nel combattimento, in quanto il gameplay del gioco si sviluppa principalmente attorno ad esso: si tratta di uno strategico a turni non molto dissimile da quanto visto in X-Com, ma più intuitivo e dinamico.
Ad ogni turno si può infatti prendere il controllo di ciascuno dei personaggi della nostra squadra e scegliere le azioni che andrà a compiere, si potrà muovere per il campo di battaglia liberamente e una volta raggiunta la posizione desiderata sarà possibile sferrare la propria offensiva, che si tratti di armi da fuoco o altro.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

Come potete immaginare ogni arma ha le sue peculiari caratteristiche e capacità speciali, che permettono di attuare le strategie più variegate; allo stesso modo anche i personaggi hanno accesso non solo a equipaggiamento differente fra loro ma portano sul campo di battaglia differenti qualità e abilità. Ad esempio il Rabbids Peach è in grado di assumere un ruolo da curatore, mentre Mario, grazie alla sua abilità, può tenere gli avversari in scacco e colpirli non appena si allontanano dalla copertura.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

Ad accompagnare la parte massiccia del combattimento abbiamo anche una solida componente di esplorazione, dove non affronteremo alcun nemico, ma piuttosto dovremo concentrarci sull’ambiente.
Gli scenari sono infatti ricchi e vivi, pieni di chicche nascoste sia per quanto riguarda risorse ed equipaggiamenti aggiuntivi, sia per easter egg e altre simpatiche sorprese.
Durante l’esplorazione si è soliti imbattersi in diversi puzzle che richiedono la soluzione per arrivare alla ricompensa che nascondono, ma raramente si tratta di passaggi obbligatori e i giocatori che preferiscono concentrarsi sulla sfida della battaglia possono correre attraverso queste aree abbastanza facilmente, perdendosi però la maggioranza dei tesori nascosti.

Il Bwahahahaha! Conclusivo

Mario + Rabbids Kingdom Battle è un mix originale ed esplosivo, molto convincente sotto l’aspetto del gameplay e graficamente accattivante. Vedremo una fusione ben riuscita tra i personaggi del mondo di Mario e quello dei Rabbids. La grafica, grazie alla potenza di Nintendo Switch, è veramente ben realizzata e godremo il titolo alla risoluzione di 900p 30 fps quando la console sarà inserita nel dock, e a 720p 30fps invece in modalità portatile.

Il titolo è stato sviluppato utilizzando il motore SnowDrop, per intenderci quello utilizzato da The Division. Questo motore ha una particolarità: gestisce correttamente gli effetti visivi con minore consumo di risorse. Potremo quindi godere in qualsiasi modalità di gioco dei vantaggi offerti da questa decisione, come ad esempio durante le varie battaglie: le quali risultano fluide e molto dinamiche, visto anche la possibilità di far esplodere in pezzetti i vari blocchi difensivi dietro i quali è possibile nascondere i personaggi senza inficiare sulle risorse della console.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

L’unica pecca, per voler essere esigenti, è la mancanza del cambio luce tra giorno e notte durante l’avventura.

Tornando alle caratteristiche del titolo, Mario + Rabbids Kingdom Battle è localizzato in italiano con doppiaggio in inglese. Questo non è un problema anche perché la voce sarà utilizzata solo nel video iniziale: come ben sappiamo Mario & co. ed i Rabbids sono di poche parole. Comunque durante la nostra avventura avremo un certo numero di nuvolette da consultare per capire quello che sta succedendo. Il sonoro è racchiuso da alcuni brani musicali qualcuno forse un po’ troppo in stile Simcity più che a tema Mario. Magari mancava qualche diritto d’autore 🙂

Mario + Rabbids Kingdom Battle

La nostra prova è durata più di 15 ore, mantenendo la voglia di continuare a giocare al titolo in quanto è molto divertente e lineare, ma sopratutto portatile.

Chiunque abbia amato i Rabbids e le loro bizzarre vicende in passato non si troverà affatto deluso da questo titolo, che ne cattura molto bene l’essenza scherzosa e un tantino parodistica.

La recensione di Mario + Rabbids Kingdom Battle  si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo

  • Gioco molto dinamico
  • Battaglie spettacolari
  • Ottima colonna sonora
  • Personaggi Nintendo e Rabbids perfettamente integrati

Negativo

  • Si poteva fare di meglio con il multiplayer
8.7

Grande

Grafica - 9
Giocabilità - 8.5
Longevità - 8.5
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Lasciare una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*