Follow
Gamepare > Home > Maize > Maize – Recensione

Maize – Recensione

Comico o non comico, ma Maize

Un po’ punta e clicca, un po’ wallking simulator, con un pizzico di stramba comicità. Questo è Maize, un prodotto di Finish Line Games sviluppato per PlayStation 4, Xbox One e PC.
Il giocatore viene catapultato immediatamente al centro dell’azione, senza troppi tutorial o spiegazioni. L’esplorazione della campagna circostante, e della sua fattoria abbandonata, è l’unica scelta che il gioco offre. Si procederà quindi alla ricerca di oggetti utili per aprire una misteriosa porta (dall’aspetto tecnologico decisamente contrastante con l’ambiente bucolico) ma sempre costretti su percorsi semiobbligati.

Maize_Screen_02

 

[perfectpullquote align=”full” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Lo strano Maize [/perfectpullquote]

A far da cornice, una musica inquietante ma troppo ripetitiva e strani rumori provenienti dai campi di grano, come se qualcuno (o qualcosa) si muovesse.
La tensione viene stemperata dai continui non-sense che il protagonista misterioso snocciola al videogiocatore, come utilizzare una scopa per trovare il famoso ago nel pagliaio o spostare un armadio con motivazioni più che lecite (non solo per aprire un varco segreto, ma più che altro perché quell’armadio “aveva lanciato un’occhiataccia storta”…). A metà gioco, poi, si farà la conoscenza di Vladdy, un orsacchiotto di peluche russo che passerà metà del suo tempo ad aiutare nel completamento dell’avventura (l’altra metà, invece, ad insultare il videogiocatore…).
Il gioco non presenta nessuna particolare difficoltà, tanto che non esistono minacce nè game over, e può essere completato nel giro di due-quattro ore. Persino la risoluzione dei molti enigmi è agevolata più da un meccanismo di trial and error che da una soluzione ponderata. Le sezioni di gioco sono bloccate da pile di scatole rosse che scompaiono solo quando si è in possesso di tutti gli oggetti presenti sullo stage, rendendo impossibile accedere a un’area nuova senza aver prima raccolto tutto il necessario.

Maize_Screen_06

[perfectpullquote align=”full” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Perdersi nei tecnicismi di Maize [/perfectpullquote]

Dal punto di vista tecnico, Maize non può di certo meritarsi una piena sufficienza.
Graficamente parlando, la resa è minimale ma efficace, anche se in alcune situazioni si crea lo spiacevole effetto di “vedere attraverso i muri”.
Il comparto audio è buono, con la colonna sonora (sebbene troppo minimal) e i suoni dell’ambiente che contribuiscono a creare la giusta suspence.
Una delle più gravi lacune è la mancanza di copertura per la lingua italiana. Se non si è moderatamente pratici della lingua inglese, si perderanno alcuni doppi sensi e gag che su cui la trama fa leva. Fortunatamente, una recente patch ha aggiunto i sottotitoli in inglese.
In conclusione, Maize è un titolo spensierato, leggero ma non imperdibile. Gli amanti dei punta e clicca troveranno un titolo che non è ne carne ne pesce, ma che con onestà può regalare qualche ora di divertimento.

La recensione di Maize si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>