Follow
Gamepare > Home > Recensioni Indie > Lucid Dream – Recensione

Lucid Dream – Recensione

Lucid Dream racconta la storia della piccola Lucy che si avventura in un
mondo di sogno pur di riuscire a salvare sua madre. Una storia ricca di
suspense  e con tanti imprevisti,
caratterizzata da un’ottima scrittura.
Un gioco frutto degli sforzi di uno studio indie molto ridotto, i Dali Games,
anche se rappresenta un ottimo esempio di avventura punta e clicca ricca di
spunti interessanti.

Lucid Dream screen 5
I luoghi che visiteremo sono tutti molto interessanti e di ambito onirico che
vanno dai deserti del tempo alle paludi delle visioni. In totale questi mondi
di gioco differenti sono sette ognuno caratterizzato con stile da vendere.
Qui faremo la conoscenza di personaggi suggestivi come Metatron, il
Dreamweaver, l’Oneiromancer o la mantide cieca.
Il gioco ha ricevuto svariate candidature a premi di vario genere e certamente
dimostra grande personalità, soprattutto a livello di storia e atmosfere.

Lucid Dream screen 4
La particolarità della protagonista è che si trova su una sedia a rotelle anche
se durante il gioco, nella dimensione di sogno, potrà camminare e fluttuare.
Dovremo interagire con oltre duecento oggetti per risolvere i vari enigmi
ambientali che ci troveremo di fronte.

Lucid Dream sfrutta una grafica completamente disegnata a mano dove ogni mondo di
sogno evoca un’atmosfera particolare e gli enigmi sono tutti diversi in base a
quale esperienza staremo compiendo in quel determinato momento.
Ottimo anche il comparto musicale, molto evocativo in base alle varie
situazioni e in grado di generare nel giocatore tutta una serie di sensazioni
quasi a livello inconscio durante l’incedere del gioco.
La parte emozionale è nettamente emozionale nella storia e quindi nonostante la
semplicità tecnica nella realizzazione del gioco vi ritroverete spesso a
emozionarvi nel seguire le vicende di Lucy.
L’incedere infatti non sarà sempre rosa e fiori e spesso Lucy si
ritroverà in grande pericolo pur di raggiungere il suo difficile scopo. Starà
solo a voi, tramite la risoluzione dei vari enigmi, impedire che l’oscurità
degli incubi la inghiotta per sempre.

L’ispirazione è nettamente quella di Alice nel Paese delle Meraviglie anche se
con toni molto più dark e moltissimo surrealismo anche nell’estetica tanto da
sembrare di fronte a un quadro di Dalì.
La storia, una volta finito il gioco, vi frullerà parecchio in testa:
Dato poi il prezzo budget e la poca esosità nelle richieste hardware ne fanno
un acquisto obbligato per tutti coloro che in un gioco non cercano solamente la
grafica a tripla A ma soprattutto una storia emozionante.

La recensione di Lucid Dream si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Storia emozionante
  • Comparto tecnico ricco di stile e citazioni colte
Negativo
  • Un po’corto e non difficilissimo
7
Positivo
Gameplay - 7
Grafica - 7
Longevità - 7
Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

0 1

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>