Little Nightmares – Riassunto Completo

Quella che vi andrò a narrare non è una bella storia. Non è una favola che avrete voglia di ricordare e ricordare negli anni a venire. La storia che vi racconterò è malata. Per certi versi quasi censurabile. E se non siete pronti e forti di stomaco da poter guardare senza starci male, beh avete scelto il video sbagliato.

[N.B.: Se avete il piacere di visionare e non solo leggere questo articolo, e soprattutto per un immersione maggiore nell’universo di Little Nightmares, consigliamo il video in fondo alla pagina]

Siete ancora lì? Bene.

Io sono pronto. E voi?

Mettetevi comodi belli, piccoli incubi iniziano.

 

I. LA PRIGIONE

Una figura. Una donna. Una signora. La Signora. E poi… Six.

La bambina dal cappuccio giallo si sveglia da un incubo. Intorno a lei oscurità e nebbia. Il colore del cappotto è l’unica immagine chiara dell’intero quadro. A piedi nudi e infreddolita si incammina in un corridoio lugubre, e la statuetta trovata poco più in là, inquietante e ambigua allo stesso tempo, non promette bene. Ma l’angoscia si fa sentire poche stanze avanti, quando la piccola non può non notare delle gambe a penzoloni sopra di lei: che sia un uomo talmente distrutto dall’abisso vissuto all’interno di quel luogo? Al momento non le è dato saperlo. Aprendo la porta e facendo pochi passi innanzi a lei, si imbatte in una melma viscida e buia che porta a due impronte ben visibili su un frigo in disuso. Le mani sono piccole, siano forse mani di bambini? Altra domanda, nessuna risposta.

La melma viscida invece si rivela fin da subito essere fonte di un incrocio tra un lombrico e una sanguisuga. Lungo e velenoso, non può nulla contro la velocità della bimba, che tra una schivata ed un’altra riesce a salvarsi cadendo purtroppo nella tana del suo viscido nemico. Con un po’ di fortuna, insieme al suo fidato accendino, riesce a divincolarsi per poi giungere di fronte ad un mastodontico muro contraddistinto da un lenzuolo intrecciato e penzolante, come ad indicare che qualcuno da quella struttura è riuscito a fuggire trovando la sua libertà. Entrando dalle inferiate, Six percepisce immediatamente che quella in cui si trova non può che essere una prigione, ma non un carcere classico, bensì una struttura destinata invece a qualcuno come lei, piccola come lei, bambina come lei. I giochi sparsi a terra, un piccolo parco giochi e un trenino ancora funzionante sono pochi ma intuitivi elementi che riportano ai bimbi. Ma la prova inconfondibile arriva immediatamente dopo, la conferma che forse qualsiasi essere umano non vorrebbe mai avere di fronte a sè: alcuni piccoli corpi sono stati carbonizzati dall’orrendo occhio spia intento a verificare ogni passaggio indesiderato. E la domanda rimbomba nella testa Six: dove sono finita?

Arrampicandosi sulle piccole gabbie vuote, la bambina non può immaginare che quello sia stato solo uno dei primi assaggi di ciò che quel luogo ha in serbo per lei. Di lì a pochi secondi, in una stanza buia, piena di bambini in preda a sonni profondi, fa il suo ingresso Il Custode. Un essere sproporzionato dalle corte gambe e lunghissime braccia, cieco o forse privo di occhi, ma con un udito che supera di gran lunga l’essere umano comune; l’abominio si muove lentamente verso l’entrata della stanza, dalla quale Six si è spostata nascondendosi repentinamente. Poi si dilegua lasciando momentaneamente l’essere dietro di se. Ma ben presto un nuovo problema incombe, qualcosa sicuramente di inaspettato: la fame, quella più estrema. La fame che ti fa venire i crampi allo stomaco da non farti muovere; ma non tutto è negativo nell’universo malato e corrotto che divora la piccola protagonista. Senza parole e gesti, dalla parte opposta delle sbarre in cui si trova, un bambino le lancia un tozzo di pane, che viene divorato all’istante, placando momentaneamente l’improvvisa ingordigia. E anche Six, con il tipico silenzio che la contraddistingue, si allontana donando un ultimo sguardo al suo salvatore. Superate le docce, una montagna di gabbie e infine un’ultima fila di sanguisughe melmose, ella giunge all’uscita di quel carcere maledetto, una prigione destinata all’essere umano più libero: il bambino.

 

II. LA TANA

L’aria aperta pare non esistere più. La lunga rampa di scale dinanzi alla fanciulla sembra imprimerle lo stato di ansia che l’attenderà, e giungendo ad un piccolo ufficio, ella si imbatte in un essere altrettanto piccolo, per la precisione un Nomino, il quale comincia a sgattaiolare qua e là in cerca di un nascondiglio. Quest’ultimo è accessibile tramite un vecchio trucchetto che molto abilmente Six scova in poco tempo.  Entrando nella stanza, una sedia e soprattutto un tasto posto sotto il mega occhio ferroso sulla parete, attendono di essere utilizzati; l’occhio si apre mostrando diversi punti in cui alcune telecamere sono state posizionate. Cinque stanze, una più buia dell’altra. Nulla che dia spazio alla luce, o al positivo. La prima, indica i bambini visti in precedenza in preda ai loro sogni; nella seconda, Nomini in attesa che qualcuno o qualcosa li porti lontano; nella terza stanza un uomo, se si può chiamare tale, nella sua dispensa; mentre la quarta e quinta mostrano due zone con il medesimo elemento musicale in sottofondo; Il canto leggero di una donna di fronte ad uno specchio rotto. Che sia la donna del sogno?

Tornando indietro, Six riesce ad inseguire e raggiungere finalmente il Nomino, regalandoli dunque un unico e ormai dimenticato gesto di affetto: l’abbraccio, unica arma autentica per l’uscita pressoché momentanea.

Percorsa un’ulteriore rampa di scale la bimba entra in una finestrella, chiudendosi così inconsapevolmente nella dimora di una persona, essere o creatura sicuramente bizzarra. E’ tutto sproporzionato, dal letto di dimensioni esigue fino agli armadietti posti molto più in alto rispetto ad una classica altezza uomo. Il ritratto sul muro però toglie qualsiasi dubbio: quella è la stanza del Custode, colui che custodisce i bambini nell’attesa che Dio solo sa la risposta. Recuperata una vecchia chiave, Six spinge una porta muro per poi dirigersi verso un grosso lucchetto. Dall’altra parte un ascensore l’accompagna nei meandri dell’unica via accessibile, ma nuovamente i dolori della fame si fanno sentire. Non sempre però il buon cibo donato da un bambino silenzioso dietro alcune sbarre è l’opzione disponibile, mentre invece carne cruda, all’interno di una gabbia vuota, può e deve essere la soluzione. Purtroppo però si rivela essere quella peggiore.

Six apre gli occhi, chiusa in gabbia, ma non è sola. Una ad una le gabbie vengono portate via dalle due lunghe e magre braccia del Custode. Quei bambini dove vengono portati?

La risposta sembra essere sempre più vicina, ma Six deve prima liberarsi. Avendo la fortuna di essere stata posizionata sopra ad un’altra gabbia, con forza riesce a ribaltare la sua prigione facendo aprire così di fatto la piccola porticina ferrosa. Intorno a se purtroppo ci sono altre tre gabbie piene, ma non può fare nulla se non quello di aiutarsi attraverso una di queste per poter aprire la porta dal quale il Custode è uscito. La verità riguardo allo scopo di quest’ultimo sembra essere ad un passo; il suo compito è estremamente importante: lui è il primo tassello di una catena di atrocità; prende i bambini dalle gabbie, gli avvolge, per poi appenderli come fossero carne da macello. Ma in tutto questo non può vedere assolutamente nulla, solo ed esclusivamente sentire. E i movimenti di Six purtroppo non passano inosservati. L’obbrobrio si gira di scatto, ma la protagonista rapidamente sfugge alle sue braccia infilandosi nell’unico buco posto sulla parete, per poi lanciarsi frettolosamente dentro ad una botola.

Gli stretti cunicoli la portano a quello che sembra essere un vero e proprio mare di scarpe vecchie e usate di misure variabili. Qui i bambini non centrano, ma quello che si nasconde sotto gli ammassi non è da sottovalutare, e Six è nuovamente preda di un incubo a cui sfuggire.

Percorrendo poi le stanze di quella tana, ella si imbatte nuovamente nel suo proprietario, intento questa volta a sviscerare i suoi oggetti più antichi e preziosi. Sembrano perlopiù giocattoli e bambole per bambini, e la via per andarsene è indiscutibilmente quella in cui il Custode sta stazionando. Sfruttando a dovere il senso più acuto di esso, Six schizza via passando sul tappeto silenzioso, rischiando unicamente all’ultimo una nuova prigionia. L’essere mostruoso non si arrende, cerca la bimba anche attraverso le gallerie della tana, fino a che, stanco e arrabbiato, non riesce per poco a raggiungerla. Fortunatamente la cecità lo rende a dir poco limitato e senza le sue lunghe braccia non è praticamente nulla, e Six lo sa. Togliergli ciò che lo rende forte è l’unica soluzione plausibile.

E così fa.

Letteralmente.

Di netto le due braccia si staccano rendendo Il Custode completamente inutile, e sotto le urla agghiaccianti, la bambina si allontana, consapevole che la sua vita non sarà mai più la stessa.

 

III. LA CUCINA

Per scoprire realmente il posto in cui si trova, ma più di tutto lo scopo effettivo di quel luogo claustrofobico, Six vuole e deve andare a fondo. E l’uncino che trasporta i corpi inermi dei bambini, è una via più che veloce per giungere a traguardo. Intanto su uno sfondo quasi sfocato, una figura grossa, cupa e misteriosa fuma con piacere.

Lasciatasi cadere su una piramide di corpi avvolti con accuratezza dal Custode, Six sa di essere sulla strada giusta, ma per la terza volta i crampi allo stomaco si fanno sentire. Quasi come se in quell’incubo tremendo la fame fosse amplificata da una forza sconosciuta, non di questo mondo. Questa volta né il pane e né la carne cruda risolveranno il problema; l’unica speranza per affievolire il suo lamento, sta in un piccolo topo poco più in là, in attesa della sua fine, che arriva nell’immediatezza in cui la bimba si accascia agguantando con i denti l’animale. Six sta cambiando, la sua coscienza quasi mutando, e lei lo sa. Lo percepisce nel suo corpo, probabilmente anche nei suoi pensieri, ma tanti dubbi devono ancora essere svelati.

Arrivata nella dispensa vista in precedenza solo in video, la bimba sa perfettamente che lì risiede qualcuno, o chissà, forse più di uno. E i suoni di un coltello affilato e tagliente che trapassano carne da parte a parte echeggiano tra le mura di quella cucina. Il cuoco sta cucinando, e il pensiero di conoscere quale sarà la sua portata principale, a Six non passa minimamente per la testa. Dunque furtiva, si allontana verso la stanza successiva, ma un altro grosso lucchetto le impedisce di continuare.

In cerca della chiave, il passaggio tra le travi del soffitto e gli occhi attenti del cuoco fanno da contorno al terrore che risiede nel cuore della bimba, che con delicatezza e coraggio si affretta a raggiungere un piano di legno decisamente più sicuro. Salendo su cesti di vimini e percorrendo un nuovo corridoio, ella si ritrova nella stanza appartenente ad un secondo uomo che, finito il suo riposino, accende la luce e si allontana. Il quadro situato sopra al letto non dà libero spazio all’immaginazione: i due uomini sono i Cuochi Gemelli principali della struttura.

Trovata finalmente la chiave, Six riesce ad accedere nuovamente alla dispensa per poi correre veloce verso il lucchetto, aprire la porta, ed entrare nel macinatore principale. E qui i presentimenti verso ciò che Il Custode e i Cuochi Gemelli hanno in comune, vengono effettivamente chiariti: i corpi dei bambini non sono altro che il cibo macinato e cucinato in quel posto infernale. Ma chi mai potrebbe mangiare dei bambini?

Il dettaglio ancora più inquietante e allo stesso tempo ripugnante, sta nel fatto che i loro busti, indistinguibili da un qualsiasi petto di pollo, saranno gli unici elementi che aiuteranno Six nella sua fuga. Passando dalla cella frigo, la bimba si imbatte su un secondo lucchettone, e chiamata l’ascensore, comprende subito che quella è stata l’idea peggiore che potesse avere.

Si nasconde.

Attende.

E al momento giusto ritorna sui suoi passi risalendo. E il gemello dietro di lei.

In un’altra occasione ci si divertirebbe a giocare a nascondino, ma non in quella. Non trovando la sua preda, il cuoco ritorna ligio alle sue mansioni, ma questa volta la visione è ancora più disgustosa, abominevole, nauseabonda. Il mostro sta tagliando a pezzi un bambino oramai completamente irriconoscibile, privo di ogni parte umana, e l’agognata chiave, sul tavolo. Per la seconda volta Six usufruisce dei corpi inermi dei bambini al fine della sua salvezza, tuttavia ogni volta sembra sempre più raccapricciante. Rapida nei movimenti e nei pensieri, e recupera la chiave, si dirige all’ascensore, infilandosi poco dopo nei tunnel che portano alla zona piatti.

I due Cuochi Gemelli sono un tutto fare, hanno lavoro per mesi e mesi e lo sanno fare benissimo. Poi cucinano e puliscono, questo all’infinito. E Six come è entrata nelle cucine, non può fare altro che andarsene alla stessa maniera; nel tragitto il dipinto è spiazzante: orde di piatti da lavare. Quel luogo offre bambini da mangiare a innumerevoli soggetti, e le torri di piatti ne sono la prova inconfutabile. Ma il problema al momento non è questo; i due Cuochi Gemelli devono assolutamente fermare quella bambina, lei ha scoperto la verità ed ella deve essere il prossimo piatto servibile, non deve sfuggire.

Ci provano in tutte le maniere ad agguantarla, ma Six, imperterrita e colma di orrore, riesce a proseguire salvandosi.

 

IV. GLI OSPITI

Pioggia.

Luci.

Ferro.

Freddo.

Six è all’aria aperta, una scala in lontananza.

Oramai i suoi occhi hanno visto di tutto, le sanguisughe, Il Custode, I Cuochi Gemelli, i bambini come carne al macello, ma la domanda rimane ancora: Six dove diavolo si trova?

In una nave.

E Gli Ospiti stanno giungendo per la loro vacanza.

La nave è enorme, quasi quanto gli abomini al suo interno, e la bambina dal cappuccio giallo non può fermarsi, non ora. E fiancheggiando a distanza gli uomini e le donne obese che andranno a colmare le loro voglie più oscene e malate, giunge in un luogo dall’architettura orientale. Ed è dal balcone in alto, che La Signora scruta attentamente i suoi graditi Ospiti. E’ lei La Signora del sogno, lei è la risposta.

Ma per arrivare alle sue stanze private, la bimba non può usare scorciatoie; così, seguendo la fila di uomini e donne in attesa del loro pasto, arriva alla sala da pranzo.

Qui il libidinoso, il disgusto, l’immorale o semplicemente l’abisso viene fuori in tutta la sua brutalità; vedendo una bambina in carne ed ossa e ancora in vita, uno degli ospiti impazzisce totalmente. La fame per quel piccolo essere umano lo dilania, non lo fa ragionare, e come fosse un animale, comincia a strisciare per raggiungere inutilmente Six, la quale, scalando una pila di piatti, nota di quanto gli ospiti siano limitati dalla loro stessa obesità. E cercando di attraversare di netto la nausea che inevitabilmente le rimarrà per tutta l’esistenza, riesce a superare anche il bancone principale, arrivando infine alle stanze dove gli Ospiti dormono beati, e l’abbraccio di uno dei tanti Nomini sparsi per la nave, è una fievole luce oltre la nebbia e il buio.

Così si incammina infine verso le stanze della Signora, ma l’incubo degli Ospiti non è ancora terminato. L’odore di Six nell’aria c’è e si sente, tutti loro lo sentono. Gli uomini e le donne escono dalle loro stanze accalcandosi come bestie e maiali in preda ai loro vizi più estremi.

Di umano ormai rimane ben poco.

Six corre, ha paura, non vuole che finisca tutto così, vuole vivere, vuole la verità, vuole arrivare in fondo, E con un ultimo balzo, ce la fa.

L’ultimo passo è a portata di mano.

Incamminandosi nel nuovo corridoio però, la fame bussa nuovamente al suo stomaco, più forte che mai.

Prima un tozzo di pane.

Poi un pezzo di carne cruda.

Ancora un topo vivo. E ora…? Con cosa si potrà saziare la piccola Six?

Un piccolo Nomino le offre un pezzo di salsiccia, o di bambino, ma lei decide per un’altra soluzione.

La mente di Six ormai è totalmente corrotta.

 

V. LA SIGNORA

L’ascensore la porterà ai piani superiori, ai piani della Signora, colei che decide tutto lì dentro, l’artefice di ogni abominio; la responsabile della melodia ricorrente di quel piano. La sua voce infatti, echeggia per tutto l’ambiente, e le sue stanze si raggiungono percorrendo un piccolo corridoio contraddistinto da innumerevoli occhi, come anche l’occhio scolpito sulla porta chiusa da un ultimo lucchetto.

La casa emana oscurità, e i quadri appesi alle pareti non fanno che alimentare il negativo che aleggia. Tra quelli, Six nota che uno solo è stato coperto da un telo. Chi raffigura quell’immagine? E per quale motivo non può essere osservato?

Arrivata in cima, e aperta la porta che la separa da quella voce incessante, Six la vede. E’ lì, intenta a guardarsi su uno specchio rotto, come se desiderasse vedersi senza la volontà effettiva nel farlo.

Lentamente e con il cuore in battito accelerato, la piccola raggiunge la stanza da letto.

La chiave non può che essere li. Nel vaso dall’occhio indistinguibile. E a fianco al contenitore, lo stesso quadro coperto appeso sul muro della scalinata, ma questa volta celato.

Raffigura una bambina. Una bambina con una veste giallastra.

La Signora non canta più.

La Signora si è spostata.

La Signora non c’è.

Six apre la porta. L’ultima porta.

No, La Signora non è un essere umano. E’ una manifestazione del male.

Six arriva in una stanza piena zeppa di manichini, per poi entrare in un’ultima. Un ambiente colmo di specchi rotti, a parte uno, e Six Lo prende.

Deve affrontare quella donna.

La Signora deve guardarsi allo specchio.

La stanza dei manichini attende.

E lei è giustappunto lì immobile.

Il suo riflesso le fa male, le causa danni. E’ il suo unico tallone d’Achille. L’unico elemento che placa i suoi poteri; di conseguenza, dopo diversi colpi subiti, perisce a se stessa.

Six si sveglia con il dolore più grande. Questa volta i crampi sono dilanianti. Ha bisogno di cibo immediato, qualcosa con la quale non soffrirà mai più. E a pochi metri di distanza La Signora sta inalando gli ultimi respiri.

La bambina si avvicina.

Più si avvicina, più il dolore aumenta. E’ insopportabile.

Il tempo della Signora è finito.

Il tempo della bambina con il cappuccio giallo comincia.

Six cammina verso la libertà. Intorno a se una forza oscura colpisce e spezza il collo a tutti gli Ospiti della nave. Il tempo della fame è finito, il tempo dell’orrore anche.

La piccola bambina, svegliatasi da un incubo in cui La Signora la scrutava, è cambiata in modo permanente. Non sarà mai più la stessa. Per sopravvivere ha superato il limite umano, diventando anch’essa parte della bestia.

Le Fauci, così chiamata la nave dei desideri più osceni e depravati, è oramai un cumulo di corpi senza vita e senza anima.

Centinaia di uomini e donne non torneranno mai più indietro, e la stessa sorte va tutti quei bambini divorati o morti in gabbia.

Six si incammina così verso la luce.

Six lascia indietro i suoi piccoli amici abbracciati.

Six tornerà.

Grazie per essere giunti fin qui.

Per Voi, EliRedZ.

Informazioni su Elia Rossi (EliRedz) 18 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*