L’acclamato gioco di strategia Shadow Tactics: Blades of the Shogun arriva su console

Shadow Tactics Key Art

Daedalic Entertainment e Kalypso Media sono liete di annunciare che l’acclamato Shadow Tactics: Blades of the Shogun è disponibile per Xbox One e PlayStation 4, segnando dunque l’esordio su console del tattico stealth in tempo reale. Ambientato nel periodo Edo dell’antico Giappone, Shadow Tactics è un tattico stealth molto impegnativo, dove i giocatori controllano cinque personaggi dalle abilità uniche e devono sfruttare le loro capacità per portare a termine con successo delicatissime missioni senza essere scoperti. Shadow Tactics: Blades of the Shogun è disponibile al prezzo di 39,99 €.

Una versione demo di Shadow Tactics è disponibile gratuitamente per entrambe le piattaforme, ed è dunque possibile provare il gioco prima di acquistarlo.
Ottimizzata al meglio per essere giocata su PlayStation 4 e Xbox One, questa versione vuole far vivere una purissima esperienza stealth a un nuovo pubblico. L’approccio alle missioni è estremamente libero, e sta ai giocatori trovare il loro modo per avere la meglio sui nemici, optando magari per un’arguta manovra evasiva liberandosi delle guardie dello shogun con una bottiglia di sake piazzata in maniera strategica, oppure preferendo un approccio più pragmatico sbarazzandosi di un’intera truppa con una tempesta di lame. Le possibilità sono tantissime, ed è necessario sfruttare bene i propri personaggi, utilizzando lo Shadow Mode per coordinare le loro azioni e mettere in pratica complesse strategie agendo all’unisono. Ninja, Samurai, Geisha, Maestro delle Trappole e Cecchino sono sempre pronti a colpire, e al di là delle preferenze sullo stile di gioco, è solo utilizzando al meglio le abilità di tutti i personaggi che i giocatori potranno dimostrare di essere la più grande mente strategica dell’antico Giappone.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2412 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*