La nostra prova del visore di Star Wars: Jedi Challenges

Gamepare - Lenovo Star Wars Jedi Challenges

Presentato pochi giorni fa, l’applicazione Star Wars: Jedi Challenges è già una forte realtà, piombata sul mercato a gamba tesa. Noi di Gamepare abbiamo avuto modo di provarla in anticipo, ecco le nostre impressioni:

Totale copertura del mercato italiano

Il visore per realtà aumentata Lenovo Mirage, realizzato in collaborazione diretta con Disney, esce in bundle con i necessari accessori di gioco, ovvero da un beacon di tracciamento e da un controller per la spada laser. Con un alloggiamento preposto ad accogliere numerosi modelli differenti di smarphone (indispensabili per poter giocare, assieme all’applicazione gratuita), il visore frutta un semplice sistema di specchi per riprodurre la stanza circostante, proiettando direttamente le immagini di gioco. La differenza fondamentale tra la realtà virtuale e quella aumentata sta proprio nel totale controllo visivo dell’ambiente attorno, evitando così l’esclusione totale del giocatore.

Che inizi lo scontro

Se c’è una cosa sulla quale George Lucas non ha lesinato, è la varietà del suo universo.

L’immedesimazione è totale e profonda, potendo vestire i panni del proprio eroe preferito e duellare a colpi di spada laser.

Noi abbiamo avuto modo di provare tutte e tre le modalità principali , che si andranno a ripetere su più pianeti: battaglia spada laser, combattimento strategico e holochess.

Nella prima modalità abbiamo affrontato Darth Maul su Naboo. Impugnando la nostra spada laser ci siamo mossi attorno la stanza parando micidiali fendenti e aspettando il momento giusto per attaccare. Le abilità, essendo a inizio gioco, erano ancora limitate e avevamo una sola “onda di forza” da scagliare contro il malvagio Sith. E’ molto importante, durante il gioco, accumulare esperienza, al fine di sbloccare abilità sempre più potenti e utili per sopravvivere allo scontro (come ad esempio una maggiore prevedibilità dei colpi avversari da parare o un numero maggiore di attacchi con la forza).

In combattimento strategico, che ricorda la modalità presente all’interno dell’app di Battlefront nel 2015, il giocatore coordinerà le forze ribelli, le quali dovranno difendersi dall’attacco imperiali. Si tratta di uno strategico a turni, che permette sì di non alzarsi dalla sedia, ma anche, e questa è una chicca, di girare attorno al campo di battaglia senza doverlo per forza ruotare.

L’ultimo ma non per importanza, è forse il più iconico gioco da tavolo dell’universo di  Guerre Stellari. Impossibile non averlo visto all’interno del Millenium Falcon, impossibile non aver mai voluto giocare almeno una volta. Ora è possibile muovere i pezzi olografici sulla scacchiera virtuale, facendoli lottare per il controllo del territorio di gioco. Anche in questo caso, andando avanti con la modalità di gioco, l’esperienza accumulata sbloccherà mostri e mosse sempre nuove. Un consiglio? Lasciate vincere il wookie…

Dati tecnici

Una volta scaricata l’app e inserito lo smartphone nell’apposito slot del visore AR Lenovo Mirage, bisogna accoppiare quest’ultimo con il beacon di tracciamento. Agendo come base da poggiare a terra, il beacon consente ai sensori nel visore di tracciare i movimenti del giocatore. Leggero e portatile, il visore AR Lenovo Mirage offre una full immersion nell’ambiente di gioco con un livello di comfort ottimale. Piccola pecca è il comparto audio, troppo distante ed ovattato, ma facilmente risolvibile con un paio di cuffie. Il giocatore può quindi muoversi liberamente e in modo naturale mentre combatte o guida le proprie armate sul campo di battaglia. E’ il momento di sincronizzare la spada (che all’occorrenza fungerà anche da mouse) con il beacon. Dalla forma accuratamente modellata sull’arma utilizzata da Anakin e Luke Skywalker, è l’elemento essenziale dell’esperienza di gioco. La spada agisce, come detto, sia da controller che da puntatore, consentendo ai giocatori di navigare nell’interfaccia utente attraverso azioni e comandi attivati da due pulsanti di semplice utilizzo. Grazie alla tecnologia di tracciamento della luce visibile, i sensori del visore lavorano congiuntamente per individuare la posizione del controller della spada laser, consentendo così ai giocatori di vedere il raggio luminoso che parte dall’elsa della spada e di utilizzarlo per interagire con il mondo all’interno del gioco. Il feedback aptico è attivato quando il giocatore colpisce o para un colpo dell’avversario, mentre un elemento di misurazione inerziale invia allo smartphone l’informazione relativa alla rotazione raccolta dal controller in modo da mantenere stabile il raggio quando il giocatore vibra un fendente.

Lenovo Mirage con Star Wars: Jedi Challenges è immediatamente disponibile in versione italiana al prezzo consigliato (IVA inclusa) di € 199,00.

Star Wars Jedi ChallengesNon un’applicazione passeggera

L’eccessiva ripetitività di Star Wars: Jedi Challenges rischia di andare ad intaccare la longevità di gioco. Ecco perché il costante servizio di aggiornamenti gratuiti accorre in soccorso. Gli ultimi update hanno portato la battaglia di Crait per il combattimento strategico o le guardie pretoriane (addirittura due contemporanee) per la battaglia spada laser, tutti derivanti dall’appena uscito episodio Gli Ultimi Jedi.

Annunciate anche simpatiche sorprese in arrivo, tra cui i Porg (ma era proprio necessario?!)

In conclusione, Lenovo Mirage e Star Wars: Jedi Challenges sono un’accoppiata dedicata ai fan di tutte le età (e già è facile immaginare padre e figlio duellare per il controllo del device). Un elemento immancabile per ogni vero appassionato, adeguatamente servito dal punto di vista della longevità di gioco e varietà degli aggiornamenti. Resta da capire nel tempo quando possa durare se non adeguatamente seguito, ma data la presenza diretta di Disney all’intero dell’equazione, c’è da presupporre che il progetto sia nato per non spegnersi tanto in fretta.

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 155 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*