La grande storia di FIFA, il videogame sul calcio per eccellenza

La storia di FIFA

In molti oggigiorno si dilettano e passano il proprio tempo sulle console di ultima generazione con FIFA 19, l’ultima edizione del simulatore virtuale calcistico più reale e alla moda di tutti. Ma quanti lo fanno da quando l’Electronic Arts, ossia la casa statunitense produttrice del gioco stesso, lo ha messo in circolazione? Sicuramente non tutti, perché la prima edizione di questo videogame arrivò nel lontano 1993, poco prima del mondiale FIFA del 1994 negli Stati Uniti, ed era fruibile principalmente per i PC con sistema operativo Windows. Ciononostante, l’edizione del ’93 fece da trampolino a quella del ’96, la più rivoluzionaria di tutte in quanto permetteva di utilizzare squadre vere. In seguito, ogni nuova uscita annuale avrebbe previsto una serie di aggiornamenti per quanto riguardava le rose e le competizioni. Per la prima volta però, gli appassionati di calcio potevano disputare partite o campionati con la loro squadra del cuore, sentendosi giocatori veri e propri.

La svolta definitiva avvenne circa dieci anni dopo, quando la concorrenza, rappresentata dal gioco Pro Evolution Soccer prodotto dalla casa giapponese Konami, iniziò a mettere in pericolo il monopolio di FIFA, molto criticato per la poca fluidità dei movimenti dei calciatori e per la staticità del gioco. Lentamente, la casa statunitense riprese terreno migliorando moltissimo le qualità grafiche e dinamiche del gioco, ormai assorto a e-sport  a tutti gli effetti. Oggigiorno sono tantissimi gli appassionati di FIFA che si divertono a giocare in linea contro altri utenti come se stessero giocando un campionato vero e proprio e la tecnologia ha permesso a questo gioco di trasformarsi in un vero e proprio sport virtuale con giocatori professionisti sponsorizzati dagli stessi brand che fanno la coda per accaparrarsi le stelle del calcio internazionale: testimonianza del grande impatto di FIFA come e-sport è la sempre più frequente possibilità di effettuare scommesse online sugli incontri tra le squadre partecipanti a tornei internazionali sparsi in tutto il mondo, oramai diventati eventi sportivi a sé stanti. Il successo del gioco è frutto del lavoro di EA Sports, che da anni si adopera per offrire un prodotto sempre migliore ai suoi fedelissimi.

Ma oltre alla giocabilità, il segreto del successo di FIFA sono senza dubbio le licenze a disposizione, grazie alle quali i gamer possono sentire l’emozione di un incontro di Champions League o sommergersi negli stadi più importanti di tutto il mondo. Nell’ultima edizione, quella appunto del 2019, ci sono ben 700 squadre di club con le quali si possono affrontare i propri amici in un torneo a casa o altri giocatori attraverso le modalità di sfida in linea.

L’incredibile perfezione nei dettagli, soprattutto quelli grafici, sta sublimando un prodotto che ha fatto la storia dei videogiochi, e che ormai da oltre venticinque anni propaga il calcio virtuale attraverso il logo ufficiale della federazione mondiale di questo sport. Le patch per giocare i campionati mondiali o altre competizioni, come ad esempio l’europeo, sono un’aggiunta sempre gradita dai giocatori che intendono stare al passo coi tempi e vogliono dati sempre aggiornati. In definitiva, la grande rivoluzione di FIFA è sempre in movimento e non si ferma al passato ma guarda ambiziosa verso il futuro dei videogiochi e del calcio stesso.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2506 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*