Follow
Gamepare > Home > L.A. Noire > L.A. Noire – Recensione

L.A. Noire – Recensione

Gli strani casi di Los Angeles negli anni '40

L.A. Noire torna in versione rimasterizzata su console PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch. Rockstar ci riporta alle fantastiche narrazioni e dall’azione in puro stile investigativo di questo gioco. Uscito nel lontano 17 Maggio 2011, ebbe un successo abbastanza limitato rispetto alle vendite ben maggiori di giochi come GTA. L.A. Noire però è un investigativo poliziesco dove è presente più avventura che azione. In ciascun caso dovremo cercare ogni indizio per andare avanti nella storia.

Si tratta dell’ultimo lavoro del Team Bondi, fallita proprio nel 2011 in seguito a causa dei debiti accumulati dallo sviluppo di L.A. Noire. Dopo lo scioglimento della compagnia emersero dei dettagli scioccanti sulla modalità di lavoro dettata da alcuni supervisori, i quali avevano usato la tecnica del Crunch, che consiste nel rinchiudere in ufficio gli sviluppatori fino al compimento di un determinato obiettivo.

Rockstar ha deciso quindi di recuperare il titolo e trasformalo in remastered.

L.A.Noire Remastered Screenshot 4

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Nei panni di un investigatore[/perfectpullquote]

Ci ritroviamo nei panni di Cole Phelps, un ex militare che ha combattuto nella seconda guerra mondiale. Ci troviamo nel tutorial come semplice poliziotto di strada fino ad arrivare ad essere promosso investigatore.
Ma fare l’investigatore non è del tutto facile, perché prima o poi ci ritroveremo con colpi di scena abbastanza burrascosi.

A fianco del nostro collega Stefan Bekowsky, ci ritroveremo nel primo caso di violenza e pedofilia nel campo cinematografico, in particolare dai due produttori cinematografici Mark Bishop e Marlon Hopgood.

Trascorrendo molte ore di gioco scopriremo una trama molto simile a quella dei film di Hollywood, dove Phelps si occuperà di ripulire la città dal marcio delle strade di Los Angeles. La trama in puro effetto noir, sarà arricchita dai flashback degli anni passati in milizia.

In L.A. Noire ci troveremo in un gameplay open-world ricco di casi da investigare: la trama principale ha ventuno casi, più cinque casi aggiuntivi precedentemente usciti come DLC nella prima edizione ed ora inseriti nel contesto remastered.

L.A.Noire Remastered Screenshot 9

In questo gioco non ci troveremo a sparare all’impazzata contro malviventi, ma a vivere una vera è propria avventura grafica. Anche se è classificato come Action, sono poche le scene in cui dovremo compiere vere e proprie azioni. All’ordine del giorno dovremo destreggiaci tra dialoghi molto utili per il proseguimento dell’avventura, dissuadendo ogni persona con cui parleremo per riuscire a raccogliere gli indizi necessari a risolvere il caso.

Mentre restiamo colpiti dal lavoro di Rockstar nello studio della riproduzione fedele degli anni quaranta tra edifici, auto e vestiario, dobbiamo quindi stare attenti alla vibrazione del nostro gamepad nella ricerca degli indizi; infatti quando saremo vicino ad un oggetto sentiremo vibrazioni differenti e potremo analizzare bene le prove girandole in tutti i sensi alla ricerca di marchi, incisioni o dettagli utili alle nostre indagini.

L.A.Noire Remastered Screenshot 3

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Un’edizione completa[/perfectpullquote]

La versione remastered di L.A. Noire comprende tutti i DLC usciti in precedenza più una veste grafica migliorata raggiungendo i 1080p per le console Xbox One, PlayStation e Nintendo Switch mentre 4K per PlayStation Pro e Xbox One X.

Lo sviluppo però fatto in precedenza dal Team Bondi non rende giustizia ai volti dei personaggi che non hanno potuto essere rimasterizzati a dovere lasciando quindi un certo distacco dalle immagini a 4K. Essendo un gioco abbastanza datato non godremo a pieno di animazioni fluide dei personaggi che a volte appariranno poco naturali.

In L.A. Noire per console Nintendo Switch è stato implementato l’utilizzo Joy-Con introducendo inoltre il pieno supporto al Rumble HD, per ricevere un feedback tattile in ogni azione, ad esempio durante l’avvio dell’autovettura avvertiremo sia il rombo che lo scoppiettio del motore inoltre in determinate sessioni ci troveremo a toccare con mano e sviscerare ogni singolo oggetto di scena semplicemente girando il Joy-Con.

Rockstar, ha riportato alla luce un titolo preso poco in considerazione, ma che in questa generazione potrebbe dare i sui frutti sopratutto nell’adattamento su Nintendo Switch, vista la mancanza di titoli del genere nelle console Nintendo.

L.A. Noire racchiude un’ atmosfera abbastanza cinematografica, ma l’età del titolo lo rende meno ricco di particolari rispetto agli attuali open world. Il titolo comunque sarà in grado di catturare il nostro interesse già dopo i primi minuti di gioco.

Trailer L.A. Noire 4K:

Trailer L.A. Noire Nintendo Switch:

La recensione di L.A. Noire si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>