Kalimba – Recensione

Famosa soprattutto per il successo di Max: The Curse of Brotherhood, Press Play torna dopo la produzione di Tentacles: Enter the Mind con il platform Kalimba. La compagnia indie creata nel 2006 ha sviluppato dei giochi di grande successo nel corso degli anni, tanto che nel 2012 è stata acquisita da Microsoft Studios portando ulteriori titoli al successo su piattaforme Microsoft.

Il titolo è disponibile su Xbox Store solo per Xbox One, e presto sarà disponibile per Windows 8.

La trama del gioco è molto semplice, la tranquillità di un’isola e del suo popolo vengono minacciate da uno stregone oscuro il quale, dopo aver ucciso la sciamana della tribù, divide il totem sacro in molti pezzi spargendoli per l’isola. Lo spirito della sciamana però sopravvive e il nostro compito sarà quello di aiutarla a recuperare i pezzi del totem sacro per crearne uno nuovo e più potente.

kalimba_screen1

Lo spirito della sciamana potrà animare e controllare piccoli totem di colori diversi, caratteristiche che scopriremo presto essere di fondamentale importanza all’interno del gioco. Altro fattore molto importante è che guideremo con gli stessi comandi più totem contemporaneamente nei vari livelli, i quali effettueranno salti e movimenti uguali anche se dovranno affrontare strade differenti.

Nei vari livelli affronteremo molti enigmi basati sulla difficoltà di dover gestire due personaggi in contemporanea, e la risoluzioni di tali rompicapo è sempre basata sul colore del totem.
Oltre a questo, incontreremo a volte dei nemici messi in posizioni strategiche, che ci daranno filo da torcere sopratutto se non terremo d’occhio correttamente lo schermo.

Fortunatamente avremo a disposizione vite infinite per affrontare i vari livelli, ma ad ogni morte perderemo punteggio impedendoci così, alla fine del gioco, di ottenere il totem d’oro.

Kalimba Press Play Animazione Gamepare

Kalimba è un titolo che stimola il multitasking nel nostro cervello, rilevandosi probabilmente un ottimo allenamento per la prontezza di riflessi.

La situazione è un po’ più tranquilla, ma non troppo, se il gioco viene utilizzato in modalità cooperativa. Se giochiamo in questa modalità non dovremo impazzire a seguire i 2 totem, ma comunque dovremo accordarci con il nostro compagno videogiocatore per compiere insieme le azioni. Un salto non effettuato in contemporanea potrebbe cambiare le sorti del punteggio.

Chi vorrà raccogliere tutti i totem d’oro dovrà fare tanta fatica, anche se arrivare al boss finale senza morire è una grossa soddisfazione.

La grafica di Kalimba è sotto forma di pixel, composte principalmente da forme bidimensionali che si adattano perfettamente a tutto l’ambiente circostante. I colori vivaci presenti nei livelli danno sensazioni piacevoli durante tutta la partita.

La giocabilità è molto alta in quanto utilizzeremo in tutto il gioco un solo tasto, quello per saltare, ed oltre ai direzionali destra e sinistra non sapremo che farcene degli altri 7 tasti presenti sul gamepad.

La localizzazione in italiano poi rende il gioco fruibile da chi non ha molta dimestichezza con l’inglese. Il prezzo poi, veramente basso, rende Kalimba accessibile veramente a tutti.

Informazioni su Andrea R. 1977 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*