Il fascino storico del picchiaduro

tekken_3

Come anticipato nello scorso articolo di Radical Chic Gaming sulla competizione e i Battle Royale (https://www.gamepare.it/fattore-competizione-colonna-portante-dei-battle-royale/ ) stavolta parlerò del mio genere preferito, il picchiaduro andando a capire cosa si cela dietro al fascino storico di questi titoli.  Le prime forme a scorrimento in 2D, categoria conosciuta oltreoceano come beat ‘em up, purtroppo per molti finiti in dimenticatoio, si vocifera nacquero per spillare monete ai cabinato-dipendenti, ma con l’evoluzione del genere, in alcuni casi grazie all’amato e allo stesso tempo odiato 3D, c’è stato un prepotente inserimento nel nostro parco titoli delle saghe di fighting game a incontro quali Tekken, Soul Calibur, Mortal Kombat, Street Fighter e così via, arrivando addirittura a picchiaduro ispirati ad anime .

Ma veniamo al nocciolo della questione, quali sono le cause che ci spingono dopo anni di smash button, a giocare ancora all’ennesimo capitolo rivisitato della nostra saga preferita ? Semplice, di solito ci associamo e tendiamo ad affezionarci ad uno o più personaggi in particolare perché ci rispecchiamo nella loro personalità, nel loro stile, nella loro storia o semplicemente perché mettono in pratica la nostra arte marziale preferita (Nel mio caso Hwoarang e Baek Doo San con il taekwondo), inoltre imparare a padroneggiare un singolo personaggio, piuttosto che usarli tutti random, potrà farvi fare bella figura con gli amici e perché no, farvi alzare la coppa del torneo del paese.

Streets-of-Rage

Altro elemento che stuzzica ogni buon radical chic nerd è appunto il fantasticare e aprire dibattiti su come finirebbero determinati incontri tra fighter di saghe che non si sono mai incontrate, se non in rari crossover e con le dovute limitazioni,  quindi come non citare il M.U.G.E.N. un simulatore creato a fine anni 90, personalizzabile al 100% che permette di inserire personaggi, stage, musiche, effetti grafici e quindi capace di fare incontrare personaggi di universi altrimenti irraggiungibili.

Spero che con questo articolo vi sia rivenuta voglia di fare Perfect o Fatality a destra e manca, fateci sapere sotto nei commenti i vostri personaggi preferiti !

Informazioni su Antonio Feole 12 Articoli
Arruolato nell'armata del mondo videoludico, da 14 anni videogioco costantemente e da 6 gestisco un gruppo a tema videoludico "The Hardcore Gamers". Diplomato come perito tecnico informatico e ricco di passioni, con i miei articoli proporrò un modo diverso di approfondire il gaming.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*