Il 26 giugno i più piccoli potranno imparare a creare i livello di gioco con Super Mario Maker 2

Super Mario Maker 2 Eventio

Quando nel 1985 Shigeru Miyamoto, il papà di Super Mario, creò il primissimo Super Mario Bros., non esistevano strumenti per realizzare in digitale i livelli prima che venissero codificati e inseriti nel videogioco dai programmatori. L’intera avventura venne quindi disegnata su dei fogli di carta millimetrata e tutte le modifiche successive vennero fatte su della carta trasparente, che veniva poggiata sopra alle tavole originali: erano gli albori di quello che viene comunemente definito level design, ovvero la disciplina che riguarda la progettazione delle strutture dei livelli nei videogiochi. Una disciplina a tutti gli effetti formativa, in grado di sviluppare la creatività e le proprie abilità di problem solving, soprattutto se esplorata fin da piccoli. Nintendo, da sempre molto attenta ai risvolti educativi dei propri prodotti, ha deciso di dare la possibilità ai più piccini di partecipare a un’esclusiva lezione per apprendere tutti i trucchi del mestiere di videogame designer, in cui non verranno utilizzati libri e quaderni, ma uno strumento didattico davvero particolare. Si tratta del nuovissimo Super Mario Maker 2, l’ultimo videogioco dell’idraulico baffuto che permette di costruire da zero i propri livelli di Super Mario, condividerli con tutti e giocare con quelli creati dai giocatori di tutto il mondo.

L’appuntamento è il 26 giugno a Milano presso Zona K (Via Spalato, 11), dove, a partire dalle h 17:30 e fino alle h 19:30, i bambini potranno andare a lezione di videogame design muniti di console Nintendo Switch per imparare tutti i principi base per la costruzione di un buon livello di gioco. Ad attenderli ci sarà non solo uno speciale gadget a tema, ma anche Super Mario in carne e ossa! Per partecipare all’evento è necessario prenotare il proprio posto scrivendo a info@gdgpr.it o chiamando il numero 0283523510.

La lezione sarà introdotta dal Professore Massimiliano Andreoletti, Docente della Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Game Scientist al Future Education Modena (FEM), che presenterà a tutti, adulti e bambini, le potenzialità educative del videogioco, un mezzo in grado di stimolare le creatività e l’attitudine al pensiero logico soprattutto sui più piccoli, proprio come in Super Mario Maker 2: ”la sperimentazione di soluzioni diverse e potenzialmente infinite, pone il giocatore di fronte alla sfida di creare un’occasione di gioco che deve essere al contempo interessante e complessa, divertente e alla portata di chi gioca – conferma il Prof. Andreoletti.

In effetti, parliamo di un videogame unico: Super Mario Maker 2, infatti, permette di progettare e dare vita alla propria avventura personalizzata a partire da una griglia vuota, sulla quale i giocatori possono posizionare a loro piacimento tutti gli elementi di gioco che preferiscono, scegliendo tra decine di scenari e stili. Il tutto avviene in maniera estremamente intuitiva, utilizzando il touch screen o i pulsanti della console per trascinare oggetti, nemici e blocchi al posto giusto. Terminato il proprio livello, sarà necessario giocarlo e portarlo a termine: ed è qui che entra in gioco la capacità di problem solving, perché il giocatore viene chiamato a modificare e a migliorare sempre di più la propria creazione, in modo da renderla giocabile e fruibile dagli altri giocatori. Una volta conclusa la fase di testing, sarà infatti possibile condividere il livello con amici e famigliari grazie a un codice unico, oppure online con tutto il mondo. E naturalmente sarà possibile giocare anche con i livelli di tutti gli altri maker sparsi per il globo o con quelli della modalità storia inclusa nel gioco, per un’avventura veramente infinita.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2489 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*