Hey! Pikmin Hey! Pikmin – Recensione

Hey! Pikmin

Spazio, ultima frontiera. Il capitano Olimar del pianeta Hocotate è nuovamente in viaggio nello spazio, la meta: Casa propria, finalmente.
Improvvisamente la sua astronave, la Dolphin, viene investita da un meteorite e lo costringe ad un atterraggio di fortuna su un pianeta sconosciuto, di nuovo.

Hey! Pikmin si apre al solito modo, come avrete intuito. L’espediente che da vita alla trama è tutt’altro che rivoluzionario e in parte anche molti elementi all’interno del titolo risultano molto familiari, ma essendo il primo della serie a comparire su console portatile ha ovviamente grosse differenze coi tre che lo hanno preceduto.

Hey! Pikmin Screenshot

Gameplay molto Pikmin

Durante il gioco esploreremo il pianeta su cui ci troviamo attraverso diversi livelli suddivisi in settori. Il tutto si svolge con visuale laterale e si prosegue per lo più da sinistra a destra come nel più classico dei platform. Cosa che Hey! Pikmin non è affatto! Se infatti qualche piccolo elemento platform ci accompagnerà lungo l’avventura, lo spirito della serie marca il segno e da al tutto un tono più vicino ad un puzzle game.
Nei vari livelli incontreremo infatti le nostre vecchie conoscenze floreali, i Pikmin, e con il loro aiuto potremo superare le varie avversità che gli abitanti del pianeta sconosciuto ci presenteranno. “Con il loro aiuto” significa ovviamente lanciandoli senza ritegno in qualsivoglia direzione.

I nostri alleati infatti mantengono le loro classiche proprietà, dalla resistenza al fuoco dei rossi, alla possibilità di immergersi in acqua dei blu e via discorrendo. Potremo lanciarli utilizzando il touch screen del Nintendo 3DS, da utilizzare in tandem al circle pad o alle frecce per muoversi.

Hey! Pikmin Screenshot

Si però presenta la prima nota dolente: Poche cose al mondo sono scomode come utilizzare circle pad e stilo in contemporanea. Il gioco fortunatamente non accentua il problema, mantenendo un ritmo spesso lento e ragionato, ma quando l’azione si fa più concitata ecco che la cosa comincia a pesare.

Purtroppo per via di questo problemuccio alcuni boss sono meno apprezzabili, così come i livelli extra volti a raccogliere più risorse possibile.

In parallelo all’esplorazione dei livelli, abbiamo l’opzione di utilizzare i Pikmin reclutati lungo la nostra strada per setacciare il pianeta in cerca di ulteriori risorse. Anche in questa sezione le diverse competenze dei piccoli alleati verranno prese in considerazione e dovremo quindi assegnare diversi Pikmin a diverse zone.

[perfectpullquote align=”full” cite=”” link=”” color=”#cc0000″ class=”” size=””]Raccogliendo risorse l’astronave verrà a poco a poco rimessa in sesto, sbloccando nuove opzioni e potenzialità per Olimar, in modo da poter esplorare più a fondo il mondo di gioco.[/perfectpullquote]

La conclusione tecnica

Passando al lato tecnico, il gioco ha un ottimo aspetto e la colonna sonora risulta piacevole per tutta la durata dell’avventura. Purtroppo il gioco non riesce mai a stupire in questi fronti e si limita a restare sulla sufficienza, complici anche i non rari cali di framerate che possono creare qualche fastidio.

Il gioco offre comunque molte ore di intrattenimento e sebbene il cuore del gameplay resti più o meno sempre uguale per tutta l’avventura, la diversità dei Pikmin riesce a rendere il tutto molto godibile grazie all’aumento di varietà.

Hey! Pikmin Screenshot
Abbiamo un buon titolo, che sicuramente potrà essere apprezzato dagli amanti della serie, ma potrebbe regalare gioie anche a chi semplicemente ama un buon puzzle game da portarsi a spasso con la propria console.

La recensione di Hey! Pikmin si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Informazioni su Michele M. 59 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*