Gold Rush! Anniversary Gold Rush! Anniversary Recensione

Era il lontano 1988 quando Sierra pubblicò Gold Rush!, gioco di avventura sviluppato su interfaccia AGI e basato sulla storia dei cercatori d’oro della California.

Ora, grazie a Sunlight Games possiamo rivivere questa avventura con una qualità grafica superiore, scene in full HD, nuove musiche e migliorie nel gameplay.

La storia racconta l’avventura di Jerrod Wilson, un cittadino della New York del 1849 che, su richiesta del fratello, decide di abbandonare la sua tranquilla vita da giornalista per lasciarsi contagiare dalla febbre dell’oro. In quel periodo, infatti, la California è ricordata per la corsa all’oro, che mise in moto cercatori da ogni dove, pronti a partire per l’avventura della loro vita, alla ricerca di ricchi giacimenti che avrebbero potuto fare la loro fortuna.

GoldRush-Gamepare

Possiamo tranquillamente affermare che l’avventura in Gold Rush! Anniversary si divide sostanzialmente in due parti: il viaggio di Jerrod per raggiungere la California e la ricerca del fratello perduto una volta raggiunta la città di Sacramento.

L’interesse per la storia aumenta quando ci troveremo a scegliere quale dei tre possibili percorsi intraprendere per il nostro viaggio. Sarà possibile infatti scegliere tra il viaggio via terra, quello passando da Panama, oppure viaggiare tramite Capo Horn. Ogni percorso è unico, con puzzle specifici e scene dedicate per il viaggio verso Sacramento. Una volta arrivati lì, i percorsi convergono e il tutto torna nuovamente lineare.

Un altro aspetto interessante è che il gioco prevede il concetto di tempo. Se perderemo troppo tempo a risolvere un puzzle in una certa area, potremo perdere delle opportunità avanzando nella storia. Questa caratteristica può essere sia piacevole che molto fastidiosa, soprattutto quando saremo costretti ad attendere l’avvenire di alcuni eventi. Molto importante è anche l’utilizzo del salvataggio, in quanto gli eventi già accaduti saranno determinanti per la buona riuscita della storia: potremmo quindi dover ricominciare da capo, se la nostra unica partita salvata comporta eventi a noi indesiderati nel proseguo del gioco.

GoldRush-Gamepare

Durante l’avventura avremo bisogno di alcuni elementi per progredire, e dovremo andare a trovarli, comprarli, oppure trovare un modo per ottenere i soldi per l’acquisto. Gli enigmi di questo tipo non risultano particolarmente impegnativi, e di certo non rappresentano un grosso problema per gli avventurieri esperti. Buona parte del gioco è stata progettata anche con scopi educativi. Il viaggio attraverso il paese è rappresentato con una linea su una mappa, su cui è indicata anche la nostra posizione. Il narratore evidenzia costantemente i punti di riferimento, e racconta piccoli fatti storici riguardanti i dintorni. Queste narrazioni possono comunque essere saltate.

Per chi ha avuto modo di provare la prima edizione del gioco, noterà subito, oltre all’aspetto grafico anche i miglioramenti introdotti nel game-flow, minimizzando i vicoli ciechi e i pericoli casuali. È stata introdotta inoltre un’interfaccia punta e clicca, in aggiunta al parser originale utilizzabile solo da tastiera che richiede di scrivere per intero le azioni del personaggio, come il dover utilizzare una chiave o il dover aprire una porta.

GoldRush-Gamepare

Graficamente il gioco non è nulla di eccezionale, anche se comunque piacevole, mentre la parte sonora accompagna bene l’avventura, con brevi jingle che ci permetteranno di capire quando sta per succedere qualche cosa, e l’utilizzo di una voce narrante ben sviluppata. Punto negativo è l’interazione dei personaggi, a volte mal gestita o con comportamenti piuttosto bizzarri. Sempre riguardo il gameplay, l’impossibilità di far correre o comunque muovere più velocemente il personaggio rallenta drasticamente l’esperienza ludica. Preparatevi ad attraversare interi deserti, sezioni completamente vuote e assolutamente ininfluenti al gioco stesso, alla velocità di tre passi al minuto, per poi arrivare dove a destinazione e scoprire che vi manca un certo oggetto, recuperabile dall’altra parte della mappa.

Rispetto alla versione originale del 1988 vi è sicuramente un notevole miglioramento, ma per i canoni odierni il gioco è nello standard. Inoltre il gioco è disponibile solo in lingua inglese o tedesca, con i relativi sottotitoli.

Quindi se avete interesse a vivere le avventure Americane del 19° secolo e scoprire, per chi non ha avuto modo di provare la versione originale o per i nostalgici del gioco, la storia di Gold Rush! questa è un’ottima occasione.

Informazioni su Matteo Pollastro 62 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*