Gli studi italiani saranno presenti al London Games Festival

13 gli studi di sviluppo che parteciperanno all’evento per rappresentare la produzione italiana

London Games Festival

Si apre oggi a Londra la terza edizione di London Games Festival (LGF) il più importante appuntamento per l’industria dei videogiochi e dell’intrattenimento interattivo del Regno Unito. La manifestazione, in programma dal 2 al 14 aprile, è supportata dal Comune di Londra ed è organizzata come un evento diffuso che abbraccia varie location della capitale inglese.

Nella sezione industry denominata “The Hub” (2-3 aprile) sarà presente per la prima volta, con uno showcase di prodotti, una delegazione di studi di sviluppo italiani supportata dal Ministero dello Sviluppo Economico, dall’ICE Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e da AESVI, l’Associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia.

Gli sviluppatori italiani avranno inoltre accesso privilegiato al Games Finance Market (3-4 aprile), evento b2b esclusivo riservato a soli 60 studi e a 60 fra investitori, publisher e fondi di sviluppo.

Partecipare al London Games Festival rappresenta per le aziende italiane un’importante opportunità di business in uno dei mercati più vivaci e innovativi del comparto. Il Regno Unito è infatti il 6° più grande mercato di videogiochi a livello mondiale dopo Cina, USA, Giappone, Corea del Sud e Germania, ed il 2° per importanza in Europa.

In Italia l’industria dei videogiochi sta vivendo una fase particolarmente positiva. Cresce il numero di studi operanti sul territorio, l’età media degli imprenditori e l’età delle imprese. Con 125 studi di sviluppo che offrono lavoro a più di 1.100 persone, il comparto ha ancora dimensioni ridotte ma possiede ottime potenzialità di sviluppo e una spiccata vocazione internazionale come dimostra il 61% del fatturato realizzato sui mercati esteri dagli studi che producono videogiochi destinati ai consumatori. La maggioranza degli studi di sviluppo che operano in Italia (61%) sono costituiti sotto forma di società di capitali. Il Nord Italia si conferma ancora una volta l’area geografica che ospita la maggior parte degli studi (57%), seguita dal Centro Italia (24%) e dal Sud Italia e dalle isole (18%). A livello regionale la Lombardia mantiene la sua posizione di leadership per numero di studi sviluppo (33%), seguita da Lazio (14%) ed Emilia Romagna (10%). A livello provinciale Milano, con il 23% delle imprese del settore, e Roma (14%) risultano essere le città con il maggior numero di studi, seguite da Napoli (6%), Torino (5%), Bologna (4%) e Firenze (4%).

La collettiva italiana a London Games Festival, organizzata dall’Agenzia ICE in collaborazione con AESVI, sarà composta dalle seguenti aziende: A_Lab, AnotheReality, Broken Arms Games, DESTINYBit, Digital Tales, Emotricon, IndieConstruction, LEAF Games & Software, MixedBag, Open Lab, Proxy42, Studio Evil, Untold Games.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2141 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*