Full Throttle Remastered – Recensione

Full Throttle è un vero e proprio classico targato LucasArts, pubblicato per la prima volta nel lontano 1995. Un’avventura grafica punta e clicca che ha fatto storia, soprattutto per il suo approccio rivoluzionario rispetto al precursore Monkey Island, sia per tematiche che per giocabilità.
L’ambientazione di Full Throttle aderiva di più al mondo reale rispetto alla sua celebre controparte a sfondo piratesco, soprattutto introduceva, forse per la prima volta in un punta e clicca, alcune sequenze d’azione paragonabili quasi a quick time events moderni.

Questa versione Remastered è un’autentica manna sia per tutti coloro che, non più giovanissimi, vogliono rigiocare un classico senza tempo sia per tutti quei neofiti che hanno letteralmente mancato l’appuntamento con questi grandi classici degli anni Novanta.
L’ambientazione è quella di un futuro molto prossimo in cui, fra i paesaggi assolati del deserto americano, bande di motociclisti si fronteggiano per il dominio del territorio.
Ben, a capo dei Polecats, viene immischiato suo malgrado nell’omicidio del capo della Corley Motors e dovrà fare di tutto per scagionarsi e inchiodare alle loro responsabilità i veri colpevoli del crimine.

Il gioco segue lo schema classico delle avventure grafiche, con un gameplay basato sulla selezione di oggetti e l’interazione di essi con fondali prevalentemente statici. Potremo dire a Ben di interagire con l’ambiente attraverso i suoi occhi, le mani o i piedi, magari per assestare qualche calcio, e perfino la bocca. Un sistema abbastanza innovativo per l’epoca che quindi vi permetterà di sperimentare di volta in volta approcci totalmente innovativi e differenti. Il tutto condito con dialoghi molto sarcastici e ironici, sempre nello stile del grande Tim Schafer.

Anche se il gioco dura abbastanza poco, all’incirca sei ore scarse per completare tutta l’avventura, avrete modo di apprezzare la solidità della storia e dei personaggi di contorno, come la co-protagonista Maureen la meccanica e il cattivo di turno Ripburger.

A differenza della versione originale, l’edizione remastered introduce nuovi concept artistici e un comparto sonoro totalmente remixato.
Per i nostalgici comunque c’è sempre la possibilità, tramite la semplice pressione di un pulsante, di tornare alla vecchia grafica e quindi apprezzare il lavoro di restyling su un gioco che è comunque invecchiato molto bene, nonostante i 22 anni sulle spalle. Fa un certo effetto comunque vedere i progressi in termini di pixel dei videogiochi attuali. Ciò che impressiona maggiormente è il miglioramento dal punto di vista sonoro, con il nuovo mix su canzoni e doppiaggio, già eccellenti all’epoca.

Full Throttle Remastered risulta essere un’operazione similare a ciò che è stata fatto con altri classici come Grim Fandango o Day of the Tentacle, operazioni le quali continuano a raccogliere frutti visti anche i risultati generali del tutto.
Alcuni enigmi sono ancora leggermente senza senso e difficili da risolvere, come nel caso dei conigli meccanici, mentre le scene dei combattimenti on the road con gli altri centauri a bordo del proprio bolide hanno ancora problemi nel controllo e nelle collisioni, nonostante la rimasterizzazione. Nonostante la presenza  di questi problemi tecnici, si tratta in ogni caso di una buona riedizione di un titolo che ha fatto storia, e l’effetto nostalgia è senz’altro assicurato.

Informazioni su Stefano M. 364 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*