Frostpunk – Recensione

Frostpunk-recensione

Oggi ho deciso di parlarvi di un titolo non vecchio ma sicuramente non nuovo e che, non vi mentirò, ho avuto modo di provare solo ed esclusivamente grazie ad Epic Games e i suoi titoli in regalo ogni giovedì.
Sto parlando di Frostpunk, gestionale di sopravvivenza sviluppato da 11bit Studios nel 2018 e che ha realizzato un buon numero di vendite grazie ai suoi elementi unici e particolari che lo contraddistinguono dagli altri prodotti concorrenti.
Ci troviamo sul finire del 1800 e il mondo intero è stretto da una morsa di gelo che ha lentamente decimato la popolazione e spinto gli abitanti di Londra a migrare verso il nord. Lo so, non sembra la migliore delle idee ma apparentemente le terre qui sono ricche di carbone che potrebbe essere l’unica risorsa per sopravvivere al gelo.

Grafica e colonna sonora

Cominciamo dalla grafica: più che ottima sotto quasi tutti gli aspetti e con uno stile realistico molto dettagliato che da il meglio di sé soprattutto quando si utilizza lo zoom. Mi hanno colto alla sprovvista, sotto questo punto di vista, gli effetti atmosferici come nevicate e tempeste, davvero molto convincenti. Addirittura, i lavoratori lasciano solchi nella neve durante i loro spostamenti tra le abitazioni e i luoghi di lavoro. Solchi che poi si ricoprono gradualmente durante le nevicate successive. Oltre a questo anche l’HUD mi è sembrato estremamente comprensibile anche a un non fan del genere come me: non mi è mai capitato di non trovare qualcosa o di fraintendere funzioni di pulsanti o elementi vari.
Il rovescio della medaglia si ha nelle fasi avanzate di gioco, quando si cerca un edificio in particolare tra tutti quelli costruiti. In quel caso trovarlo sarà più questione di memoria che di effettiva ricerca visiva, dato che gli edifici si assomigliano bene o male tutti.
Per quanto riguardo il comparto sonoro ottime impressioni, grazie soprattutto ad una colonna sonora eccezionale, composta prevalentemente da archi che ben si adattano all’atmosfera dell’ambientazione. L’unica lamentela che posso portare al comparto audio è l’impossibilità di cambiare traccia di tanto in tanto dato che solitamente gli scenari iniziano sempre con la stessa canzone, cosa che alla lunga potrebbe rivelarsi stancante

Frostpunk-screen01

Gameplay

Passiamo al gameplay e al grande dualismo varietà-profondità che troviamo in Frostpunk. Nonostante le ottime idee di partenza e i differenti scenari Frostpunk non riesce ad offrire sufficiente varietà da giustificare multiple run; anzi a ben vedere anche i differenti scenari fanno fatica a differenziarsi tra loro sotto questo punto di vista. Una volta capito infatti come funziona il gioco e quali sono le strategie migliori si tenderà a replicare sempre quelle.
Sembrerebbe quindi essere un titolo poco profondo e invece è tutto il contrario, grazie a un numero altissimo di potenziamenti e di modificatori da sviluppare, a volte sotto forma di edifici o bonus passivi, a volte con il varo di leggi che potremo andare a introdurre man mano nella nostra cittadina. Anche questi elementi purtroppo nelle mie partite sono stati sacrificati in nome della miglior strategia ma un giocatore più curioso sicuramente troverebbe tutte queste scelte molto più stimolanti e, perché no, potrebbe scoprire combinazioni nuove anche dopo parecchie ore di gioco.
È un peccato che il level design in Frostpunk sia allo stesso tempo affascinante, soprattutto per l’ambientazione, e estremamente poco vario. Per la quasi totalità del tempo saremo infatti all’interno di un cratere ghiacciato al cui centro c’è il nostro generatore, vero e proprio cuore della nuova cittadina, attorno al quale verranno edificati tutti gli altri edifici e costruzioni dando alla nostra cittadina una conformazione ad anelli. L’unica eccezione e spiraglio di mondo esterno lo avremo grazie alle spedizioni di piccoli gruppi di esploratori che si avventureranno nei dintorni a cercare risorse e sopravvissuti da riportare in città.
Nemmeno le mappe degli scenari campagna riescono a ammorbidire questa sensazione di scarsa varietà dato che ogni volta saranno sempre le stesse. Persino in modalità libera cambierà solamente il posizionamento delle risorse: un cambiamento minimo e che in ogni caso non influisce quasi per nulla sull’esperienza di gioco.
Parliamo velocemente della campagna: le 4 missioni base purtroppo affrontano piccoli episodi e problemi legati all’ambientazione ma la trama non viene mai risolta e rimane aperta. Malus aggravato dal fatto che queste missioni non sono nemmeno così lunghe e, contando anche i vari tentativi necessari per prendere dimestichezza col gioco, si arriva a malapena alle 15 ore totali.
Davvero un ottimo lavoro, però, è stato fatto sulla difficoltà. Completamente personalizzabile e con diversi livelli di difficoltà preimpostati. Dalla più avvicinabile per i neofiti fino alla più crudele per i veterani. Veramente ottimo il fatto che, con l’aumentare dell’esperienza del giocatore, approcciarsi ai livelli superiori diventa una sfida accattivante, quando invece inizialmente poteva sembrare qualcosa di impossibile.

 

Frostpunk-screen02

Conclusione

Questo Frostpunk è un titolo che nasce senza pretese ma che nel suo piccolo ci porta un contenuto originale e altamente godibile grazie al suo design e idee fresche. Risolvendo qualche piccola imperfezione qua e là e con più varietà avrebbe potuto essere un capolavoro del genere strategico.

Frostpunk
7.5 / 10 Recensione
Gameplay7.5
Grafica7.5
Longevità7.5
Pro
  • Difficoltà completamente personalizzabile
  • Tecnicamente solido e con un comparto artistico ottimo
Contro
  • Poca varietà
  • Poco stimolo a trovare strategie differenti
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 11 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*