Follow
Gamepare > Home > Forza Horizon 2 > Forza Horizon 2 DLC Storm Island – Recensione

DLC Storm Island Recensione

Un’isola con temporali frequenti, forte vento e strade sempre bagnate: questo è già un motivo sufficiente per essere entusiasti del nuovo DLC Storm Island di Forza Horizon 2. Ma Storm Island non è per tutti. Se avviate Forza Horizon 2 per la prima volta con l’espansione Storm Island, otterrete una telefonata che vi avvisa di una barca in attesa nel porto di Nizza, che vi porterà in una nuova isola al largo della costa del sud della Francia. Una volta arrivati vedrete in lontananza un vulcano fumare e al centro dell’isola un monumento romano. Nessuno dei due però può essere raggiunto e le alte colline, boschi e strade non sono significativamente diversi da quello della costa franco-italiana del gioco principale. Eppure Storm Island ha un suo volto.

StormIslandExpansion_ForzaHorizon2_Screen3

Le lunghe strade off-road permetteranno di effettuare salti a dir poco allucinanti. Storm Island introduce una nuova modalità di rally in cui bisogna fare molta pratica prima di poter gareggiare davvero egregiamente. La difficoltà principale che incontreremo in questi tracciati sarà costituita dagli alberi disseminati ovunque e dalle strettoie create appositamente per rallentarvi.

In questa espansione il gameplay resta uguale al gioco originale, ma ci sono alcuni aspetti che cambiano velocemente. Le condizioni climatiche sull’isola non sono di quelli ideali per una vacanza: ci troveremo di fronte a cambiamenti climatici a dir poco stupefacenti, vento, pioggia o tempesta ci daranno parecchio filo da torcere, ma sopratutto i 90 nuovi tracciati dal tratto rallystico vi faranno ricredere sull’idea di aver imparato davvero tutto su Forza Horizon 2. Per rispondere a queste sfide, è necessario possedere un buon parco di automobili da elaborare nel laboratorio, in modo che anche una Ferrari possa diventare un buon compagno di off-road, assieme ad una buona dose di adrenalina e prontezza di riflessi.

StormIslandExpansion_ForzaHorizon2_Screen4

La mancanza di visibilità chiede al giocatore di essere costantemente vigile, perché non si sa mai quello che può essere nascosto dietro una curva o una collina. Ad esempio, molte volte dopo qualche balzo ci potremmo inchiodare a un albero o un edificio non sempre visibili a causa della nebbia. Il 90% dei tracciati sono stati progettati off-road  e noterete che è molto difficile controllare una Ferrari o Bugatti Veyron in un ambiente del genere, pur installando tutte le modifiche necessarie (sospensioni, pneumatici da corsa, ecc.). Di conseguenza, si direbbe che il grado di sfida è significativamente aumentato rispetto al gioco originale di Forza Horizon 2 e sicuramente si avrà necessità di ripetere alcune gare più volte per riuscire a finire nelle prime posizioni.

In conclusione, anche se il costo del DLC Storm Island di Forza Horizon 2 può sembrare elevato, vale la pena acquistare questa espasione che porterà nel gioco cinque nuovi mezzi (Robby Gordon #7 Speed Energy Drink Stadium Super Truck, Mini X-Raid All4 Racing Countryman, Ford Ranger T6 Rally Raid, Ford Fiesta XR2 del 1981 e Mistubishi Galant VR-4 del 1992), pensati apposta per affrontare i tracciati off-road ed un totale di novanta eventi inediti, venti nuovi tracciati online (con nuovi campionati appositamente pensati per questa modalità) e quattro nuove aree “Playground”.

 

 

Positivo
  • Condizioni Meteo straodinarie
  • Tracciati incredibili
Negativo
  • Location forse troppo ripetitive
7.7
Buono
Grafica - 9
Giocabilità - 7
Longevità - 7
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>