Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Forged Battalion – Recensione

Forged Battalion – Recensione

Il gioco di strategia in tempo reale dove ogni risorsa dovrà essere gestita nel migliore dei modi per vincere.

Petroglyph in collaborazione con Team 17, creatori di Command & Conquest, ci deliziano con un classico RTS ambientato in un futuro prossimo, dove gli effetti climatici hanno devastato il nostro bellissimo pianeta.

Una forza chiamata “Il Collettivo” ne ha approfittato per prenderne il controllo e come in ogni buon gioco o film apocalittico, noi saremo l’ultima speranza per l’umanità.

Il titolo al momento è in accesso anticipato, quindi stiamo testando un gioco che non è ancora al massimo delle sue potenzialità, infatti c’è qualche lacuna per quanto riguarda la grafica, come anche delle spiegazioni troppo blande.

Ma Petroglyph garantisce che per la realizzazione della versione finale ,utilizzerà i feedback rilasciati dai giocatori.

Modalità di gioco

Avvisato il gioco, una schermata a scorrimento ci spiegherà i fatti che hanno portato il mondo in guerra.

Nel menu principale potremmo decidere se giocare: la campagna, partite classificate, partite online: divise in multiplayer online o “scaramuccia” contro l’IA, la personalizzazione della propria fazione, manuale di gioco e le opzioni.

La campagna ora come ora è più una sorta di tutorial che aiuta, sia i neofiti del genere che i più navigati, a capire fin da subito ciò che li aspetta.

Infatti nelle 5 missioni principali, che si suddividono ognuna con 3 gradi di difficoltà, capiremo l’importanza di una buona strategia che va adattata per ogni obiettivo, e che un quartier generale ben difeso e con sufficiente energia è la chiave della vittoria.

Ma non tenete, Petroglyph assicura che questo è solo un il primo arco narrativo di una storia divisa in più atti.

Passiamo alla sezione online, fulcro dei giochi strategici, qui troviamo le partite classificate o veloci.

C’è una piccola limitazione iniziale però, non potremo affrontare le classificate fino a che non avremo sbloccato 10 abilità tech tree.

Ciò è un bene dato che il comportamento prevedibile e scontato dell’ IA verrà sostituito da un avversario in carne ed ossa, magari al di sopra delle nostre potenzialità, ed andare allo sbaraglio con armi standard è davvero un grosso rischio.

I punti ricerca che serviranno per i teck tree li accumuleremo portando a termine le missioni della storia, trovando casse premio nel campo di battaglia o portando a termine partite veloci contro l’IA.

Possiamo scegliere tre modalità di gioco: Standard, Annientamento e Distruzione QG.

Nella modalità standard dovremmo distruggere tutte le strutture dei nostri avversari, fatta eccezione per le torrette.

In annientamento dovremo azzerare tutte le forze nemiche fino all’ultima .

E per finire in Distruzione QG dovremo ovviamente eliminare il quartier generale nemico.

Potrebbe sembrare tutto molto semplice, ma fino a 8 giocatori popoleranno la mappa, quindi non basterà abbattersi con tutte le proprie unità sul nemico più vicino.

Forged BattalionPimp my Teck!

Punto forte del gioco è la personalizzazione della nostra fazione con i Teck Tree, un ramificazione tecnologica dove potremo spendere i punti ricerca accumulati dalle nostre vittorie, per comprare equipaggiamenti sempre più potenti.

Per accedere al ramo successivo dovremmo però aver sbloccato almeno 5 potenziamenti precedenti.

Le personalizzazioni sono tante e considerando che potrete avere solo quattro 4 tipi di unità per classe, fate molta attenzione a ciò che equipaggiate, perché la spiegazione molto scarna non aiuta i meno esperti.

Abbiamo 4 classi: fanteria, veicoli leggeri, veicoli pesanti e i droni.

Ogni classe poi ha un’arma un supporto e un modulo di locomozione da personalizzare.

Anche le torrette di difesa hanno i loro moduli, così come gli edifici.

Le armi si differenziano principalmente per i danni che infliggono alle varie unità, come per esempio una mitragliatrice infligge più danno sulla fanteria ma meno ad un veicolo corazzato, viceversa il cannone anti-materia attraverserà lo scafo del corazzato ma farà meno danno alla fanteria.

I supporti garantiscono dagli scudi maggiorati o contro specifiche armi : laser, tossiche o fuoco; fino alla rigenerazione della salute delle proprie unità.

E per ultimo il modulo di locomozione che ci permetterà di sostituire le ruote con i cingoli o con delle gambe motorizzate, a seconda del terreno che dovremo affrontare.

Potremo personalizzare anche il nostro QG con moduli che andranno ad applicare il loro effetto su tutti gli altri edifici, ad eccezione delle torrette.

E come ciliegina sulla torta abbiamo anche la possibilità di scegliere la nostra superarma.

Potremo scegliere se “arrostire” il nostro nemico, farlo perire in una nuvola di gas tossico, colpirlo con una scarica ionica o semplicemente farlo “saltare in aria” con bombe classiche.

Forged BattalionGameplay

Come detto inizialmente, la grafica e l’ambiente di gioco non sono poi così dettagliate, ci ritroveremo in un campo di battaglia abbastanza spoglio e con qualche difficoltà a distinguere quale arma è equipaggiata sulle nostre unità.

In compenso il comparto audio è ben rifinito, con un ottima colonna sonora, movimenti ed esplosioni.

L’interfaccia per la creazione delle unità e degli edifici è abbastanza intuitiva e la gestione delle nostre unità risulta simile a qualsiasi altro strategico.

Troviamo anche la possibilità di assegnare una scelta rapida per ogni elemento del nostro esercito.

Per esempio selezionando 10 unità e premendo CTRL più un tasto numerico, avremo assegnato quel  numero alle seguenti unità. In uno strategico l’organizzazione e la velocità sono tutto, quindi imparate in fretta come utilizzare al meglio questa funzione.

Per la creazione della nostra base operativa avremo bisogno di risorse, le troveremo inizialmente al fianco del nostro quartier generale, ma si esauriranno e ciò ci impone di esplorare e conquistare gli avamposti sparsi sulla mappa.

Ogni edificio potrà essere costruito solamente in prossimità di quelli già esistenti e sulla mappa rivelata dalle nostre unità, vedremo un cerchio verde attorno all’edificio da costruire.

Potremo costruire un massimo di 3 edifici per tipo e più edifici costruiremo, più energia servirà per alimentarli. Se costruiremo più impianti della superarma, il tempo di ricarica di essa sarà minore.

Le unità verranno costruite una alla volta e potremo decidere il punto di ritrovo dopo la loro creazione.

Forged BattalionConclusione

Tutto sommato Forged Battalion, anche se è ancora in sviluppo, è un buon strategico in tempo reale con  una vasta personalizzazione della propria fazione.

Il comparto audio compensa quello grafico e con il lancio ufficiale, si spera che i feedback rilasciati dai giocatori vengano presi in considerazione.

Così come spero in una storia più approfondita, dato che al momento funge solo da tutorial.

La recensione di Forged Battalion si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Ottimo il comparto audio
  • Molto ampia la personalizzazione
Negativo
  • Grafica da rifinire
  • Spiegazioni troppo semplificate
7
Positivo
Gameplay - 6.5
Grafica - 7
Longevità - 7.5
Scritto da
La sua passione cominciò anni fa, con i più famosi idraulici italiani: Mario Bros. Gli anni passano, ma la voglia di giocare e intraprendere nuove sfide non si è mai spenta, perché lui è un giocatore e lo sarà per sempre.

Dite la vostra!

21 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>