Football Manager 2017 – Recensione

Football Manager 2017 screen 3

Anche quest’anno torna con una nuova edizione una serie ormai unica nel suo genere. E questo perché anno dopo anno Football Manager ha sbaragliato la concorrenza, fino a restare l’unico vero gestionale calcistico main stream.
Se da un lato questo è senz’altro un ottimo traguardo per Sports Interactive, dall’altro si corre il rischio di sedersi sugli allori. Così, la versione 2017 porta sì alcune apprezzabili novità, anche se non di grande portata, ma mantiene anche qualche difetto storico ormai ben noto ai fan della serie.

Ecco le novità…

Prima di tutto, ci accorgeremo ben presto dei miglioramenti apportati all’interfaccia, proseguendo un percorso intrapreso già 2 anni fa. Praticamente tutto ciò che è presente nel gioco può ora essere raggiunto con non più di due o tre clic, e alcune situazioni specifiche sono diventate di gestione più agevole. Ad esempio, i rapporti pre- e post-partita sono più grafici e danno diverse informazioni già ad una prima occhiata, e i consigli dello staff possono essere visti e gestiti direttamente nella schermata Posta in Arrivo.
Proprio nello staff troviamo un paio di nuovi ruoli, con il Match Analyst che si occuperà principalmente dei rapporti partita accennati poco fa, e il preparatore recupero infortunati che ci informerà sullo stato di forma dei giocatori infortunati o in rientro, facendoci sapere in modo diretto e visuale per quanti minuti è consigliato tenere in campo un giocatore ancora in recupero.

Football Manager 2017 screen 3La novità forse più pubblicizzata riguarda i Social Network: è stata infatti introdotta una pagina che raccoglie tweet di tifosi e, a volte, dei giocatori. L’idea di introdurre questo aspetto è senz’altro interessante, ma per ora i post risultano ben presto ripetitivi. Si spera quindi che i messaggi verranno ampliati con le prossimi edizioni, in quanto in effetti la vita sociale dei calciatori e il rapporto con i tifosi sono questioni da gestire nel calcio di oggi.

Anche le trattative con i giocatori vedono alcune novità. Oltre all’introduzione di clausole già in utilizzo nel mondo reale (come ad esempio l’obbligo di riscatto dopo un certo numero di presenze), ora le negoziazioni dei contratti con i giocatori saranno spesso precedute da discussioni riguardanti richieste del giocatore o promesse della squadra. Qui vi verrà mostrato l’interesse del giocatore per lo stato in squadra che state proponendo, e potrete inoltre assicurare a un giovane di farlo giocare nelle coppe per aiutarlo nello sviluppo, oppure di fargli seguire un corso per imparare la lingua, o ancora promettere di rinforzare la squadra in un certo settore, per garantirne la competitività a certi livelli.Football Manager 2017 screen 2

Miglioramenti significativi sono stati apportati alla simulazione 3D delle partite, ora più fluida e con una maggior quantità di animazioni. In particolare, i contrasti e gli interventi del portiere ci sono parsi decisamente più realistici rispetto alle edizioni precedenti. Stranamente, è capitato anche di iniziare alcune partite con l’impressione che le animazioni non fossero state caricate correttamente, con giocatori che “scorrevano” sul campo restando nella stessa posizione, anche al momento di colpire il pallone. Fortunatamente, questo bug è occorso poche volte e si è comunque risolto nel corso della stessa partita.
Da segnalare poi che l’inizio delle partite è ora preceduto da una breve animazione di ambientamento, in cui vedremo le squadre riscaldarsi o schierarsi in campo, oppure gli allenatori stringersi la mano.

Come lo scorso anno, l’aspetto del nostro alter ego potrà essere personalizzato all’inizio della carriera, ed è stato introdotta la possibilità di caricare una proprio foto da renderizzare per creare il volto 3D del nostro alter ego; il sistema non è perfetto, ma è comunque migliore rispetto ad altri titoli in cui l’aspetto è più visibile nel gioco.

In via conclusiva…

Passando ai difetti lamentati da vecchi e nuovi utenti, riscontriamo diverse segnalazioni relative all’eccessivo numero di infortuni, fino al punto di non avere in prima squadra 11 giocatori abili per essere schierati. Sebbene, come detto, la situazione venga segnalata da molti utenti, non abbiamo effettivamente rilevato questo difetto nelle nostre carriere, pur lasciando spesso la programmazione dell’allenamento nelle mani del nostro staff.

Una lamentela ormai storica degli utenti riguarda invece le conferenze stampa. Nonostante il miglioramento di questi eventi venga citato fra le novità ad ogni edizione, il sistema resta più o meno invariato e decisamente noioso. Auspichiamo quindi un restyling di questo aspetto nelle prossime versioni.

Infine, come rilevato lo scorso anno, anche in Football Manager 2017 i giocatori sembrano lamentarsi un po’ troppo. È capitato ad esempio di avere due terzini destri in rosa con stato “Utile nel turnover” e, dopo averli alternati ad ogni partita, di ricevere lamentele da entrambi perché non stavano giocando abbastanza da titolari. In un altro caso, un giocatore, a seguito di ottime prestazioni e di un interessamento di un grande club europeo, ha comunicato di voler essere ceduto in quanto il nuovo club poteva garantirgli uno stipendio più alto. Dopo aver concordato “a voce” un nuovo contratto a 8 milioni annui, al momento di iniziare le trattative il calciatore ha invece chiesto più di 12 milioni, bloccando inoltre la possibilità di negoziazione. E questo senza che il club interessato avesse effettivamente fatto un’offerta.
C’è da dire però che, sebbene non faccia piacere gestire, o subire, questo tipo di situazioni, nel mondo reale i comportamenti di calciatori, procuratori e società non sono sempre lineari e razionali, e quindi alcune rimostranze ingiustificate potrebbero anche essere viste come una concessione dovuta al realismo che Sports Interactive cerca costantemente di perseguire.

Football Manager 2017 screen 1Concludendo, Football Manager 2017 non introduce novità rivoluzionarie, consolidando invece diversi aspetti del gioco in modo efficace, in particolare per l’interfaccia e per la simulazione 3D. L’acquisto è senz’altro consigliato per qualunque appassionato per qualche strano motivo non conosca già questa serie; considerando il prezzo e le novità introdotte, può invece essere legittimo pensare di restare a versioni precedenti, con la speranza di modifiche più interessanti nei prossimi anni. A parere personale però, il lavoro di raccolta e aggiornamento della enorme quantità di valutazioni e dati presenti nel gioco che viene fatto ogni anno, seguendo i tempi stringenti dettati dallo sport reale, è sempre degno di nota e vale da solo il prezzo di vendita.

Informazioni su Davide C. 69 Articoli
Giochi di ruolo, simulazione e strategia sono il suo pane. In un videogioco cerca soprattutto originalità, coinvolgimento e ironia, sin dagli inizi su Commodore e Sega Mega Drive. In momenti di nostalgia, non può fare a meno di riprendere in mano i primi episodi di Final Fantasy o Monkey Island.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*