Football Manager 2016 – Recensione

Nuova stagione, nuovo Football Manager 2016. E anche quest’anno, gli sviluppatori hanno introdotto diverse novità, alcune delle quali non scontate, considerata la tradizione della serie. Fra queste vi è di certo la modalità online Fanta-draft: l’idea di base ricorda il classico e amatissimo Fantacalcio, ma anche una modalità simile presente in alcuni NBA Live. Ovviamente, in questo caso abbiamo a disposizione l’immenso database di Football Manager 2016, con un parco giocatori vastissimo. Dopo il draft, che avviene secondo valutazioni poste dal gioco e con una lista di scelte a serpentina, dovremo gestire la nostra squadra nelle modalità tipiche del gioco, ad eccezione delle dinamiche di mercato, e condurla alla vittoria del torneo personalizzato. Si tratta di un’aggiunta interessante, lontana dalle classiche modalità manageriali e con qualche difetto dettato dalla gioventù, ma che può interessare molti videogiocatori. Sports Interactive potrà lavorare per migliorarla nei prossimi anni, partendo da una buona base.

FM2016 Corner

 

Football Manager 2016, rispetto alle aspettative, a prima vista appare invece più limitata la modalità “Crea una squadra”. Togliendo da una divisione una squadra esistente, potremo creare il nostro club decidendo nome, soprannome, divise, relazioni e giocatori (selezionandoli da altre squadre e creandone 2 da zero). Tuttavia, aspetti come finanze, staff, strutture, reputazione e partecipazione alle coppe vengono ereditati dal team rimpiazzato (il gioco stesso ci avvisa in merito al momento della selezione del team), riducendo quindi il livello di immersione e coinvolgimento della carriera. Va considerato però che questa caratteristica è probabilmente volta a mantenere pressoché inalterato il bilanciamento del gioco, e la modalità resta effettivamente interessante, soprattutto per quanto riguarda la fase di selezione dei giocatori.

Oltre alle nuove modalità, fra le novità pubblicizzate prima del rilascio troviamo la creazione fisica del nostro alter-ego, tramite un editor discreto ma ovviamente non ai livelli di RPG o simili. Nella visualizzazione 3D delle partite, ritroveremo a bordo campo il manager con l’aspetto che abbiamo creato, intento a spronare la squadra grazie ad alcune animazioni introdotte appositamente. Naturalmente, molte sono anche le nuove animazioni e i comportamenti introdotti nella simulazione 3D delle partite, in costante miglioramento nel corso degli anni. Sono ancora presenti situazioni anomale, che però sono sempre più vicine a quelle che si presentano qualche volta anche nel calcio reale.

Ancor più delle novità annunciate, risultano gradite alcuni lievi ritocchi in varie sezioni del gioco che vanno a correggere alcuni difetti o ad aggiungere nuove piccole caratteristiche. Ad esempio, sono stati migliorati i filtri nella ricerca dello staff, consentendo anche di vedere tutte le persone interessante a un impiego nella nostra squadra B, o nelle giovanili. Chi preferisce scegliere l’intero staff può quindi lasciarsi alle spalle il processo “a tentativi” per trovare allenatori o allenatori in seconda delle squadre secondarie, a cui si era costretti per l’assenza di filtri di questo tipo. Allo stesso modo, è stata ampliata la gestione e la capacità di osservazione quando si è selezionatori per una Nazionale. Altri piccoli aggiustamenti sono stati apportati agli allenamenti e alle schermate di gestione dei calciatori.FM2016 Trainer

Anche la schermata delle istruzioni relative alle tattiche è stata rivoluzionata graficamente, rendendo più chiara l’interazione fra le varie opzioni, che non sono variate rispetto al capitolo precedente. Un restyling piuttosto corposo, che farà contenti gli appassionati di schemi, è stato invece apportato agli schieramenti sui calci piazzati. Sebbene le posizioni in cui piazzare i giocatori siano rimaste le stesse, ora potremo creare più schemi diversi, differenziandoli anche in base alle tattiche e alla posizione del corner o del calcio di punizione; è stato inoltre reso più chiaro, nella creazione dello schema, il ruolo del giocatore che batte il calcio piazzato.

Non sono molte invece le modifiche al mercato, ma si nota una maggiore vivacità delle altre squadre nel mostrare interesse per i calciatori, rendendo più semplice che in passato la cessione di giocatori indesiderati. È evidente tuttavia anche la tendenza maggiore, e un po’ esagerata, dei nostri giocatori a lamentarsi del proprio stato all’interno della rosa; sebbene questo sia corretto e comprensibile in buona parte delle occasioni, è capitato anche di ricevere proteste per il mancato schieramento nell’undici titolare da parte di giocatori ingaggiati e mantenuti allo status “riserva”. È chiaro che situazioni del genere possono comunque capitare nel mondo reale, ma la loro frequenza durante la simulazione è fastidiosa e piuttosto irrealistica. Da segnalare inoltre una maggiore tendenza da parte della dirigenza a rifiutare le nostre richieste in una prima fase del gioco, facendo correttamente appello alla mancanza di un rapporto saldo con il manager appena assunto, oppure a ragioni di bilancio.

FM 2016 Create

In Football Manager 2016 ovviamente, oltre alle novità, resta da ammirare l’impressionante lavoro di costruzione ed aggiornamento del database di giocatori e personaggi legati al calcio, che si rinnova di anno in anno e rimane ad altissimi livelli di affidabilità. Tanto per fare un paio di esempi, Gianluigi Donnarumma è uno dei portieri con maggior potenziale (in un database compilato ben prima che venisse schierato in prima squadra) e, riferendoci all’anno scorso, Dele Alli, centrocampista del MK Dons (terza divisione inglese) in FM 2015, quest’anno è titolare nel Tottenham Hotspur. Individuare e crescere i migliori giovani calciatori resta una delle più grandi soddisfazioni del gioco, insieme ovviamente allo sviluppare un piccolo club fino a portarlo a trionfi continentali.

Le possibilità di gioco sono come al solito vastissime, e ampliate in questa edizione dalle due nuove modalità, per una longevità dichiarata di 180 ore, ma non sarà insolito nemmeno andare molto oltre, fermandosi soltanto il prossimo novembre, all’uscita dell’edizione 2017.

Informazioni su Andrea R. 1977 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.