Gamepare > Home > News > Eventi > eSports > Evento eSports da record per il Six Invitational 2018

Evento eSports da record per il Six Invitational 2018

In una spettacolare finalissima, che ha mostrato tutto il potenziale della scena eSports di Tom Clancy’s Rainbow Six, i PENTA Sports sono stati incoronati campioni del mondo
Finalissima eSports R6S Timeline

Ubisoft annuncia che il Six Invitational 2018, l’evento culminante della seconda stagione della scena eSports di Tom Clancy’s Rainbow Six, ha ottenuto numeri da record.
Il Six Invitational ha celebrato l’anniversario del lancio di Tom Clancy’s Rainbow Six: Siege riunendo appassionati, giocatori professionisti, sviluppatori e streamer a Montreal, in Canada, la città natale del gioco.

Con un picco di 321.000 spettatori in contemporanea, la finalissima del Six Invitational 2018 tra PENTA Sports ed Evil Geniuses ha stabilito un nuovo record per la scena eSports di Tom Clancy’s Rainbow Six, un valore del 184% superiore rispetto all’edizione inaugurale della scorsa gran finale del Six Invitational a febbraio 2017. Inoltre, tra il 13 e il 18 Febbraio, ci sono state più di 6,2 milioni di ore di visualizzazione attraverso tutti i canali.

Il Six Invitational 2018 ha riunito le sedici migliori squadre della Tom Clancy’s Rainbow Six Pro League al mondo, che si fronteggiavano per un montepremi totale di ben 500.000$.

Questo secondo anno della Tom Clancy’s Rainbow Six Pro League è stato dominato dai PENTA Sports, considerando che la squadra europea ha vinto due finali di stagione della Pro League su tre e il Six Invitational 2018. Per vincere quest’ultimo, la squadra capitanata da “Fabian” Hällsten ha dovuto sconfiggere i campioni del mondo in carica, gli Evil Geniuses, supportati dal pubblico di casa nord americano.

In un’indimenticabile finalissima, la migliore dimostrazione del potenziale eSports di Tom Clancy’s Rainbow Six, i PENTA Sports hanno rimontato con successo il 2-0 degli Evil Geniuses, andando a vincere 3-2 grazie a un’ultima mappa conclusa in overtime da Niclas “Pengu” Mouritzen in una situazione di 1 contro 2.

Il Six Invitational 2018 ha ospitato anche alcune sfide supplementari e originali, tra cui uno Showmatch, che ha visto impegnata una selezione di giocatori brasiliani contro gli uL Gaming dalla Cina, un territorio rappresentato per la prima volta in un evento eSports di Tom Clancy’s Rainbow Six.

Tutte le partite del Six Invitational 2018 possono essere visualizzate in VOD tramite i canali dedicati: Rainbow Six Italia e Ubisoft Italia

Ora che il secondo anno della Rainbow Six Pro League è finito, sta per iniziare il suo terzo anno. L’anno 2018-2019 inizierà con la Stagione 7 della Tom Clancy’s Rainbow Six Pro League, una stagione di transizione lunga tre mesi che aprirà la strada al nuovo formato della Pro League, annunciato a gennaio: d’ora in avanti ogni anno sarà composto di due lunghe stagioni di sei mesi. Un formato che inizierà dalla Stagione 8 a giugno 2018. Per maggiori dettagli sul nuovo formato della Pro League, visitate il sito ufficiale.

Presto arriverà anche il prossimo torneo Major. Prima dell’edizione 2019 del Six Invitational, il Six Major Paris riunirà le sedici migliori squadre al mondo della Tom Clancy’s Rainbow Six Pro League a Parigi, in Francia, il prossimo Agosto.

La Stagione 8 della Pro League sarà la prima a mostrare gli importanti annunci fatti durante l’ultima settimana del Six Invitational 2018. La modalità Pick & Ban, disponibile nelle partite PvP personalizzate per tutti i giocatori, consentirà a ciascuna squadra di impedire ai propri avversari di scegliere due operatori a loro scelta per l’intera partita. Il team di aggressori sarà anche escluso dalla scelta degli stessi due operatori per la partita, andando così ad aggiungere più emozione e imprevedibilità al gioco. Anche la struttura delle partite sarà aggiornata, poiché per ogni mappa la squadra dei difensori giocherà tutti i propri 5 turni come difensori prima di passare all’attacco potenzialmente per altri 5 turni, in base al punteggio.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>