Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Drone Striker – Recensione

Drone Striker – Recensione

User Rating: 6
drone_strike

Drone Strike è un ritorno al passato, quando gli anni ’90 erano l’apice della tecnologia e le sale giochi erano piene di sparatutto a scorrimento. I ragazzi di UserJoy hanno creato un ottimo tributo, un divertente sparatutto su binari che con la sua semplicità ti farà divertire, anche se per poco.

La storia è abbastanza semplice: come al solito l’umanità si affiderà sempre più alle macchine, fino a che l’IA madre non prenderà coscienza che l’unico modo per far sopravvivere il pianeta, è la totale estinzione della razza umana.

Tu deciderai il futuro dell’umanità, unisciti al plotone Drone Striker. Rappresenta l’umanità nella guerra contro l’IA. Difendi il passato per dare un futuro all’umanità.

Caschetto in testa e l’avventura inizia

I “binari” saranno le nostre gambe, poiché il nostro personaggio avanzerà su un percorso prestabilito,fermandosi soltanto in presenza di nemici o di boss. Anche se non possedete un Aimcontroller o i cari vecchi Move il gioco vi da la possibilità di giocare anche con il vostro Dualshock, quindi avrete una vasta scelta, anche se i tasti che userete non saranno molti.

Infatti l’arma sarà una sola,una mitragliatrice, una granata e dei missili. Man mano verranno ottimizzate tramite dei power-up appositamente nascosti nei livelli, i quali faciliteranno la nostra avanzata e la sconfitta dei boss.

Come detto prima l’arsenale è abbastanza limitato e l’utilizzo dei missili e del fucile è dato dal medesimo tasto, il che lo reputo abbastanza scomodo. Puntando il nemico appariranno dei mirini di aggancio per i missili, ad una pressione scaglieremo i missili e tenendo premuto faremo fuoco con il fucile.

Quindi se vogliamo agganciare un altro nemico, dovremo interrompere il fuoco (che sarò continuo e senza ricarica) per poi riprendere il fuoco. Le granate invece saranno scagliabili in qualsiasi momento e colpiranno qualunque nemico presente sullo schermo.

La varietà dei droni non è vasta, alcuni infliggono danno dopo un po’ di tempo nel tentativo di avvicinarsi, e altri i cui proiettili possono essere distrutti al volo ed i boss sono ben caratterizzati.

Altro aspetto positivo è la colonna sonora, ben congegnata e sempre all’altezza, con effetti sonori che ci accompagnano per tutta l’avventura. I livelli giocabili saranno 3, con due gradi di difficoltà (il più alto giocabile solo dopo aver terminato l’intera campagna), la quale vista la poca longevità, vi occuperà tra l’ora e l’ora e mezza.

Ma ciò viene compensato da un’ottima fluidità ed immersione, textur ben definite, anche se non gridano all’eccellenza e con veramente poco se non assente motion sickness.

Per concludere Drone Striker non si perde in chiacchere, proponendo un FPS su binari nella sua forma più pura e divertente, dove riusciamo ad immergerci un pizzico in più, grazie alla realtà virtuale. Purtroppo però, come detto all’inizio, ci lascerà con un po’ di amaro in bocca, in quanto essendo un gioco abbastanza economico, dopo poco più di un ora vedremo i titoli di coda scorrerci davanti agli occhi.

La recensione di Drone Striker si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.Testato su PS4 Pro.

Positivo
  • Compatibilità con dualshock, AIM e Move
  • Prezzo veramente basso
Negativo
  • Poco longevo
6
Giusto
Gameplay - 7
Grafica - 6
Longevità - 5
Scritto da
La sua passione cominciò anni fa, con i più famosi idraulici italiani: Mario Bros. Gli anni passano, ma la voglia di giocare e intraprendere nuove sfide non si è mai spenta, perché lui è un giocatore e lo sarà per sempre.

Vota!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>