Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Dragon Ball FighterZ – Recensione

Dragon Ball FighterZ – Recensione

Dragon Ball non ha bisogno di presentazioni, nato nel 1984 dalla matita di Akira Toriyama continua a far parlare di sé e ha anzi trovato nuova linfa grazie all’ultima serie Dragon Ball Super, tutt’ora in corso.

Numerosi sono i giochi che si son fregiati del suo nome, tutti prodotti da Bandai Namco (molti quando ancora era solo Bandai) con una cadenza quasi annuale.

Dragon Ball Fighterz si presenta in un panorama pieno di “colleghi” dalle meccaniche originali tuttavia spesso rivolti ad un pubblico più interessato al franchise che ad una profondità nel gameplay, ma prova ad unire questo fascino ad uno spirito più vicino ai picchiaduro 2D tradizionali.

Sviluppato da Arc System Works, uno studio con un curriculum invidiabile e una grande esperienza in picchiaduro 2D non solo grazie alla loro serie più nota Guilty Gear, Dragon Ball Fighterz si presenta in una veste impeccabile e estremamente fedele alle fonti originali.

dragon ball fighterz

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Grafica[/perfectpullquote]

Graficamente siamo davanti ad un ottimo lavoro, non solo la grafica è pulita, estremamente colorata e dettagliata, ma ogni aspetto è stato curato in modo da rispecchiare ciò che un fan di Dragon Ball si aspetta da un prodotto che porta questo nome.

Non soltanto i combattenti sono realizzati con la massima accuratezza, ma anche gli scenari si presentano molto belli e con numerose interazioni sui fondali che nelle prime fasi di gioco riescono a cogliere di sorpresa.

Soltanto la hub che svolge il ruolo di un più classico menù risulta un po’ carente nell’aspetto grafico, ma ciò va a beneficio della comprensibilità e della navigazione priva di rallentamenti dell’area, inoltre gli avatar in stile chibi risultano piuttosto gradevoli.

dragon ball fighterz

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Gameplay[/perfectpullquote]

L’azione si svolge come nel più classico dei picchiaduro, visuale laterale impegnati a ridurre a zero la vita del nostro avversario, gli scontri sono però 3v3 e dovremo quindi comporre la nostra squadra di più personaggi.

Il gameplay cerca di trovare un punto di incontro per appassionati dei picchiaduro e coloro che invece sono attirati più dal franchise che dal genere in cui il titolo si inserisce.
Abbiamo infatti una serie di meccaniche che aiutano i meno esperti a trovarsi facilmente a proprio agio, la prima che si può facilmente notare è costituita dalle autocombo; semplici stringhe di mosse che vengono eseguite con la ripetuta pressione dello stesso tasto.

A fianco ad aspetti volti a rendere l’approccio meno difficoltoso a coloro che non masticano abitualmente uno fra i generi più complessi e difficili da imparare, c’è anche una profondità tecnica che strizza l’occhio a chi invece di picchiaduro ne ha passati numerosi sulle proprie dita.

dragon ball fighterz

Il titolo quindi offre un facile ingresso per tutti dando però la possibilità di sviluppare abilità maggiori a chi volesse esplorare tutte le possibilità del sistema di gioco, complice anche la struttura tre contro tre che contribuisce ad aumentare la profondità e le possibilità di gioco.

Se però questo può risultare un punto di forza per un approccio iniziale, sul lungo periodo potrebbe portare il gioco a ricoprire una nicchia gradevole per tutti ma entusiasmante per nessuno.
L’appassionato di Dragon Ball potrebbe infatti stancarsi presto del gameplay tutto sommato ripetitivo, soprattutto se non intende dedicare tempo e pazienza agli aspetti più tecnici, mentre il veterano dei picchiaduro potrebbe presto sentire la necessità di un gioco in grado di dargli tutto ciò che desidera dal genere senza dover fare compromessi per abbracciare un pubblico più ampio.

Alcune meccaniche risultano infatti piuttosto abusabili e centralizzanti al punto che sul lungo periodo potrebbero risultare ripetitive.
Ciò nonostante il gioco appare nel complesso ben bilanciato, complice il fatto che i personaggi tendono ad avere una lista di mosse molto simile fra loro e questo va a scapito della maggiore varietà che si trova nei titoli concorrenti. Nonostante questo ogni personaggio riesce a distinguersi dagli altri con qualcosa di originale e caratteristico, il roster di 24 personaggi risulta infatti piuttosto soddisfacente, ma se il vostro preferito dovesse mancare non temete; potrebbe sempre arrivare fra i già confermati DLC.

dragon ball fighterz

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Modalità di gioco[/perfectpullquote]

Abbiamo un buon numero di cose da fare, che risulta una buona notizia in un panorama in cui i picchiaduro tendono sempre più a snellire la componente che non riguarda l’online, è anche vero che un gioco che può vantare il nome Dragon Ball non può permettersi di lasciare a bocca asciutta i giocatori di componenti single player.

La modalità storia è il grosso del pacchetto, presenta una storia in edita con un nuovo avversario a fare da motivo della narrazione e fa in modo che tutti i personaggi iconici presenti nel titolo abbiano la propria parte. Non si tratta di una trama particolarmente avvincente, ma le singole scene e interazioni fra i vari personaggi valgono il percorso grazie ai numerosi riferimenti al manga ed anime che sanno divertire qualsiasi fan della saga. Il gameplay però rimane piuttosto blando e si limita a proporre una serie di scontri contro la cpu senza alcun reale mordente.

La modalità allenamento presenta un discreto numero di opzioni per aiutarci a sviluppare le nostre competenze, compreso un tutorial guidato alle meccaniche di gioco e delle sfide in cui eseguire combo disponibili con ogni personaggio.
Tuttavia il gioco non riesce ad insegnarci tutte le meccaniche davvero necessarie a giocare con chi ci sa fare e ci costringe a cercare online per conoscere alcuni aspetti fin troppo fondamentali per non essere stati inclusi nel tutorial.
Allo stesso modo le sfide combo sono più un piccolo achievement personale che un vero e proprio modo di imparare, danno un punto di inizio per sapere come fare più danni, ma non insegnano affatto le meccaniche che regolano il sistema dietro alle combo, non aiutandoci quindi a sviluppare un nostro stile.

Arriviamo poi alla necessaria modalità online, perché come ogni buon picchiaduro il gioco vero inizia quando ad avere il pad in mano sono due persone!
Sebbene la lobby ingame sia piuttosto funzionale e facilmente navigabile, la stabilità dei server ha bisogno di essere migliorata in quanto allo stato attuale non è raro incorrere in disconnessioni ripetute.
Una volta in partita il gioco fila tutto sommato piuttosto liscio e non risente di particolari problemi di lag, una volta che il team di sviluppo sarà riuscito a fare spazio per tutti sui propri server avremo sicuramente un online solido e sapendo che ci sono già contenuti aggiuntivi in arrivo per il titolo è improbabile che questo problema increscioso verrà trascurato.

dragon ball fighterz

In conclusione Dragon Ball Fighterz riesce piuttosto bene nell’intento di creare un piano di gioco accessibile sia a giocatori occasionali che fanatici dei picchiaduro, ma rischia di ricoprire una nicchia che sul lungo periodo potrebbe risultare “ne carne ne pesce”.
La fedeltà alle opere originali e i numerosi riferimenti alle avventure di Goku sono davvero divertenti e valgono l’acquisto del titolo da parte di qualsiasi appassionato dell’opera di Akira Toriyama.

La recensione di Dragon Ball FighterZ si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Accessibile e immediato
  • Gameplay semplice ma profondo
  • Ottima fedeltà alle fonti originali
Negativo
  • Alla lunga ripetitivo
  • Presenza di mosse eccessivamente centralizzanti
  • Online da sistemare
7
Positivo
Gameplay - 8
Grafica - 7
Longevità - 6
Scritto da
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>