Disney Infinity 3.0 Marvel Battlegrounds – Recensione

Con l’uscita del nuovo capitolo Disney ha deciso di sfruttare l’onda lunga del successo di Star Wars, optando di non uscire sul mercato con una versione di Infinity (v. 4.0). Ha quindi pensato bene di sfruttare le grandi potenzialità della versione 3.0 e il vastissimo roster di personaggi per dare vita a questo particolarissimo Marvel Battlegrounds.

Questa nuova versione mette a frutto le competenze di Ninja Theory e Sumo Interactive nel campo dei combattimenti, per regalarci un picchiaduro alla Power Stone, in cui i nostri amati personaggi se le daranno di santa ragione. Il titolo è uscito praticamente in concomitanza con il nuovo Capitan America Civil War, e proprio questo ultimo film targato Marvel potrà darvi l’idea di quanto succederà in Battlegrounds.

Marvel Battlegrounds Screenshot 2Il gioco risulta essere quindi un picchiaduro a incontri nel quale quattro personaggi contemporaneamente potranno scontrarsi tutti contro tutti, all’interno di arene in tre dimensioni nelle quali l’interazione è massima.

Sarà inoltre possibile sbloccare i vari combattenti all’interno delle arene semplicemente posizionando il personaggio sulla pedana, in modo da attivarlo all’interno del gioco. Non sarà però necessario sempre possedere le statuette, in quanto settimanalmente Disney rilascerà eroi in maniera casuale da testare, così da giocare in quattro anche se non si possiedono quattro personaggi Marvel in maniera fisica.

Per quanto riguarda i set, Disney Infinity 3.0 Battlegrounds è stato sviluppato dai ragazzi di United Front Games, i responsabili di Sleeping Dogs per intenderci, e arriva nei negozi in formato inedito composto dal mondo di gioco e Capitan America.Marvel Battlegrounds Screenshot 1

 

E’ importante specificare che questo set è chiuso e dedicato esclusivamente agli eroi Marvel. Le statuette dei supereroi potranno essere quindi della versione 2.0 o 3.0, non ha importanza, ma non avremo però modo di sperimentare combattimenti inediti come ad esempio Luke Skywalker contro Topolino e così via. Non ci sarà modo neppure di costruirsi la propria arena su misura dato che gli incontri avverranno solo nelle arene che hanno preconfezionato gli sviluppatori.

Per i collezionisti, Disney ha pubblicato anche diverse versioni del singolo personaggio, come ad esempio Capitan America, le quali però sbloccheranno sempre lo stesso supereroe all’interno del gioco.

Sbloccati i vari personaggi potremo poi decidere se giocare offline con quattro amici (dato che non è stata prevista alcuna modalità online), cimentarci in alcune sfide particolari, oppure testare una modalità campagna abbozzata in cui ci scontreremo con Ultron e Loki.

Tutte queste attività ci ricompenseranno con punti esperienza che potremo spendere per aumentare le statistiche dei nostri personaggi.
Personaggi i quali sono comunque molto ben equilibrati tra loro, con ovvie differenze in termini di forza e velocità.

Il gioco poi non è un classico picchiaduro hardcore bensì è inteso per un’utenza casual che comunque abbia voglia di divertirsi con un picchiaduro di buona fattura.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2537 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.