Dishonored – Recensione

Dishonored, gamepare

Sviluppato da Arkane Studios, miglior sviluppatore dell’anno 2012 secondo Edge Online, Dishonored è un gioco d’azione in prima persona che ti mette nei panni di un assassino soprannaturale spinto dalla vendetta. Elimina creativamente i tuoi bersagli grazie un sistema di combattimento flessibile, unendo ai poteri soprannaturali le armi e i gadget a tua disposizione. Insegui i tuoi bersagli protetto dall’oscurità o attaccali spietatamente ad armi spianate. Il risultato di ogni missione dipende dalle tue scelte.

Dishonored_Screen1

Dishonored colpisce fin dalla sua ambientazione, Dunwall infatti ci appare come una metropoli costiera in pieno stile vittoriano. La città è piagata dai ratti e dalla peste che si diffonde proprio a causa dei roditori.

Nei panni di Corvo Attano, guardia scelta dell’Imperatrice, ci è stata affidata la missione di trovare una cura efficace a questo problema. Ma proprio durante l’incontro con l’imperatrice di ritorno dalla missione, alcune figure misteriose colpiscono a morte la regnante e rapiscono la piccola Emily.

Le guardie accorse dopo il trambusto trovano Corvo coperto di sangue e così lo accusano immediatamente dell’accaduto. In prigione riceveremo il prezioso aiuto dell’Esterno che ci fornirà dei poteri mistici e quindi potremo spendere la nostra esistenza pur di fare terminare la nuova tirannia insediatasi e contemporaneamente scoprire i responsabili di tale complotto.

Le missioni saranno sempre di volta in volta varie e ben congegnate, inserite in spazi vastissimi in cui avremo totale libertà di movimento.Dovremo sia combattere duramente che parlare con i civili sparsi per i vari scenari per indagare sull’accaduto e ricevere così informazioni preziose.

Dishonored_Screen3

Sarà sempre meglio agire di soppiatto piuttosto che utilizzare l’approccio diretto e potremo anche avvalerci dei vari poteri come quello che ci consentirà di spostarci da un luogo all’altro istantaneamente, oppure quello di impossessarci di creature per passare inosservati oppure ancora quello che ci farà vedere nel buio.

Se utilizzeremo tali poteri sempre e solo a fini distruttivi questo influenzerà in maniera irrevocabile il finale, che sarà naturalmente a tinte parecchio cupe.

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*