Follow
Gamepare > Home > DiRT Rally > DiRT Rally – Recensione

DiRT Rally – Recensione

La storia di DiRT Rally risale al 1998 quando Codemasters sviluppò Colin McRae Rally sotto licenza FIA, oltre che in collaborazione con il famoso pilota che diede il proprio nome al titolo, ovvero Colin McRae.
Successivamente, dopo altre 5 versioni, fu inserito nel nome la parola DiRT in sostituzione al nome del pilota, dando così vita all’attuale saga.

Dopo un esordio sfavillante su PC, l’ottimo DiRT Rally approda anche su console next generation, dove il titolo targato Codemasters appare in forma smagliante.

Il titolo, a differenza della prassi usuale, questo capitolo è uscito prima in early access su PC attraverso Steam e, successivamente, ha concluso il suo iter sbarcando su console. Questo sicuramente ha permesso di ridurre notevolmente il lavoro di ottimizzazione, verificando i feedback degli utenti su Steam e migliorando il titolo prima dell’uscita su console. Un ottimo lavoro di conversione senza ombra di dubbio.

Il gioco ritorna nello stile di guida simile alle origini, quando il titolo non era così arcade come le sue incarnazioni più recenti. DiRT Rally infatti ricalca le orme del genere classico Colin McRae in cui si gareggiava, più che con gli avversari, con il proprio ghost per fare il tempo migliore.

DiRT Rally 15Come nel rally tradizionale correremo quindi contro il tempo per cercare di aggiudicarci il podio, dato che la classifica si baserà sul primo che raggiunge il traguardo nel minor tempo possibile. Migliore sarà il nostro piazzamento nella tappa, più crediti guadagneremo e potremo quindi non solo ampliare il nostro garage, ma incrementare e migliorare il team composto da un capo meccanico e fino a 4 ingegneri, essenziali sia per gli aggiornamenti sia per le riparazioni da effettuare ogni due tappe.
Tappe che si distribuiscono in 6 differenti nazioni ognuna delle quali avrà 12 circuiti, su cui potremo gareggiare a bordo delle 45 vetture disponibili. Ci ritroveremo quindi a passare dalla sabbia al fango, dal ghiaccio alla neve.

Oltre ai rally classici, sarà possibile giocare nelle modalità RallyCross su circuiti chiusi, la sola disciplina in cui sarà possibile non competere contro il tempo ma contro altri piloti (e la sola si presta per la modalità multiplayer) e l’Hillclimb, la spettacolare e pericolosissima salita sui tornanti di Pikes Peak in Colorado riprodotta in maniera straordinariamente fedele.

Per quanto riguarda la guida, non disperate nel caso in cui alla fine dei vari campionati non riuscirete a raggiungere il podio, provando più volte imparerete a dosare con parsimonia il freno a mano e l’acceleratore. La difficoltà in pista, nonostante l’estrema scalabilità del titolo, risulta abbastanza elevata fin dal principio e quindi dovremo mettere in conto di sbagliare più di una curva prima di ottenere dei risultati apprezzabili. Non sono presenti infatti né una modalità riavvolgimento né tutti gli aiuti alla guida, elemento classico nei giochi di guida attuali. Il gioco è poi molto veloce rispetto alla media e perciò la stabilità è tutto, assieme al controllo dell’autovettura.

Niente paura comunque: il titolo non è certo un simulatore duro e puro dato che soprattutto per features, come lo slittamento o il dosaggio dell’acceleratore in curva, risulta essere più permissivo rispetto al solito.

DiRT Rally 3Come abbiamo detto in precedenza, grande spazio alla competizione con gare specifiche a cadenza giornaliera ed eventi dedicati alla community molto ben strutturati, come ad esempio gli eventi Hillclimb.

Per quanto concerne il comparto tecnico DiRT Rally fa sfoggio di un Eco Engine che regala modelli molto definiti, ambientazioni dettagliate fin nei minimi dettagli ed effetti che si possono apprezzare soprattutto nella visuale all’interno dell’abitacolo. Su console il gioco gira a 60fps a 1080p su PlayStation 4 e 900p su Xbox One. Un’ottima conversione sotto ogni punto di vista anche in questo senso, dato che non si registrano tagli o sacrifici estremamente onerosi.

Possiamo quindi dire che la conversione su console è un lavoro frutto di una cura senza precedenti da parte degli sviluppatori. DiRT Rally è un buon titolo di guida impegnativo e scevro da definire arcade che i puristi ameranno alla follia.

Positivo
  • Ritorno alle origini
  • Impegnativo in giusta dose
Negativo
  • Per neofiti può essere frustrante
8.7
Grande
Gameplay - 9
Grafica - 8.5
Longevità - 8.5
Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

0 0