Follow
Gamepare > Home > DiRT 4 > DiRT 4 – Recensione

DiRT 4 – Recensione

Dopo tanta attesa, ecco finalmente le prime impressioni su DiRT 4. Il gioco sviluppato da Codemaster vanta un passato con diverse edizioni e l’ultima di esse era stata oggetto di critiche in in ambito gameplay in quanto a detta dei giocatori era troppo arcade. In questo capitolo sicuramente qualcosa è cambiato: scopriamolo insieme in questa recensione.

Dopo l’introduzione iniziale, potremo customizzare alcune proprietà dell’aspetto del nostro pilota. Inizieremo poi, come di consueto per la serie DiRT, dalle basi del rally fino a proseguire con un esperienza completa. Ma bando alle ciance, si parte…

Fitsroy Australia – Ford first M2: Prima tappa: il navigatore ci descrive per filo e per segno come utilizzare il bolide, che, lo ammette, ha pochi cavalli, ma per iniziare ha una discreta potenza!!‎ Le prime impressioni: la simulazione rasenta la perfezione; grafica, suono e effetti sono tutti bilanciati in maniera ottimale, sicuramente una nota di merito va al realismo e alla finezza nei minimi particolari (paesaggi, auto, danni auto e agenti atmosferici) purtroppo però la staticità del pubblico si nota ancora, ma solo in alcune circostanze. Il suono sicuramente attira l’attenzione e colplisce la fedeltà con cui vengono riportati i vari rumori, dal motore alla gomme, in base alla location in cui ci troviamo e anche agli agenti atmosferici. Se usate delle cuffie può darvi fastidio il rumore causato dagli incidenti, in quanto forse troppo intenso, ma si tratta comunque di un aspetto che rispecchia la realtà (per quel che ho provato a testare sulla mia pelle 🙁 )

La guidabilità nel gameplay è sicuramente migliorata rispetto al predecessore DiRT Rally e a mio avviso nella modalità simulazione ci avviciniamo sempre di più alla realtà.

DiRT4-Screenshot 4

Passiamo alla DiRT Accademy per un po’ di esercitazioni veloci e via per i primi tracciati

Fitsroy Australia terriccio rosso, boschi tortuosi e aperta campagna. Tra una derapata e l’altra possiamo notare droni lungo il percorso e condizioni meteo avverse che rendono il gioco più difficile ma a sua volta divertente.

Tarragona Spagna strade tutte asfaltate e abbastanza tecniche; qui iniziamo a sfoderare bolidi dal rombo sempre più azzeccato e iniziamo a spingere sul gas.

‎Varmland Svezia torniamo a dosare il gas sulla neve guidando una Ford focus prima serie, ‎una tra le mie preferite in DiRT Rally e assolutamente strabiliante in DiRT 4.

È il momento di testare la modalità Rally cross: divertente in DiRT Rally ma sicuramente acerbo rispetto alla nuova versione presente in DiRT 4: qui è tutto più “cattivo”, anche se lo reputo un po’ più semplice come giocabilità: l’auto è molto più reattiva e si controlla meglio tra i vari urti sui cordoli e sportellate con le altre auto.

Ci sono altre modalità di gioco in DiRT 4, come il Land Rush, di cui parleremo nel prossimo capitolo, e il Rally storico.

È arrivato il momento di mangiare la vera polvere con i buggy

Qui a mio avviso cambia tutto!! L’auto è molto più difficile da governare, divertente naturalmente ma più impegnativo, il minimo errore si paga salato. Ci tengo a precisare che il test l’ho fatto con un volante e pedaliera ‎della [amazon_textlink asin=’B00F9F048E’ text=’Thrustmaster modello T80′ template=’ProductLink’ store=’hrtmobile00-21′ marketplace=’IT’ link_id=’e9ce129b-4dc2-11e7-b4f1-6f09a4f83e2d’]. Dopo aver cambiato parecchie impostazioni dei comandi preimpostati ho trovato il mio equilibrio e la periferica si adatta in maniera impeccabile al gioco.

Una delle novità è sicuramente la modalità “Gioco Libero”, dove daremo spazio all’organizzazione del nostro torneo scegliendo tra la vastità del tracciati nelle varie location.

Verso la fine

DiRT 4 è sicuramente un ottimo titolo che vi terra incollati alla simulazione. Sicuramente Codemaster ha corretto alcuni errori della precedente edizione creando un mix perfetto tra DiRT 3 e DiRT Rally. Le nuove modalità multiplayer e la possibilità di personalizzare i tornei dà un tocco in più alla longevità del titolo. Sicuramente anche la grafica sta facendo passi in avanti, ma non possiamo parlare ancora di perfezione. Le modalità diverse di gioco vi potranno essere utili per cambiare tipologia di gameplay. Tutto comunque corredato sempre dalla DiRT Accademy per effettuare delle esercitazione in caso non siate proprio esperti con Rally.

A conti fatti DiRT 4 è in assoluto il simulatore di Rally che ad oggi mi è piaciuto di più, esattamente quello che mi aspettavo da questo titolo!!‎ Entusiasmante, e vi sembrerà di essere voi il pilota di rally!

La recensione di DiRT 4 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0