Detroit: Become Human, Days Gone e PlayStation VR provati alla Milan Games Week

days_gone3

Durante l’appena conclusasi Milan Games Week, lo stand di PlayStation si è dimostrato come uno dei tra i meglio forniti. Gran Turismo, Fifa 18  e le novità della gamma Playlink hanno raccolto numerosi consensi, ma a colpire maggiormente sono stati Detroit: Become Human e Days Gone. Detroit: Become Human, l’unico giocabile dai visitatori tra i due titoli, in particolare ha visto la coda più lunga, capace di superare anche l’ora d’attesa. Inutile sottolineare come il prodotto di Quantic Dream (famosa per Heavy Rain e Beyond: Two Souls) abbia ripagato la fatica, regalando una breve demo, ma che dice tanto su come sarà il prodotto finito. Già vista all’E3, la demo racconta di una Detroit futuristica, dove gli androidi hanno sostituito gli esseri umani in molte attività quotidiane. Si impersonerà Connor, un sintetico specializzato nella negoziazione in situazioni di pericolo, durante la risoluzione di un delicato rapimento. Un “maggiordomo” sintetico, infatti, ha preso in ostaggio una ragazzina, dopo aver eliminato la sua famiglia e tre agenti di polizia accorsi. Il compito di Connor sarà dapprima raccogliere più indizi possibili sulla scena, al fine di ottenere il massimo risultato durante la negoziazione con il sintetico ribelle. L’interfaccia molto intuitiva aiuterà a scovare soluzioni, ricostruire eventi accaduti e preparare il campo al momento clou: convincere l’androide a liberare la ragazzina e arrendersi. L’aver svolto una buona indagine preliminare sbloccherà maggiori risposte da utilizzare durante la negoziazione, ma scegliere la risposta sbagliata abbasserà la percentuale di fiducia, e di conseguenza il successo dell’operazione. Chiunque abbia provato Heavy Rain o Beyond: Two Souls sa benissimo come si svolgono le avventure di Quantic Dream, e al momento le premesse sono confortanti. Consigliatissimo agli amanti di Asimov o del film “Io, Robot”.


Days Gone si è rivelato attraverso un video di circa quindici minuti, mostrando una beta leggermente incompleta ma già molto interessante.
La mancanza di effetti aggiuntivi durante le animazioni (spiacevole non vedere nemmeno una goccia di sangue durante le esecuzioni con il pugnale) non ha sminuito però il prodotto di SIE Bend Studio.
Il mondo è devastato da un’apocalisse zombie. I pericoli e le minacce si nascondono dietro ogni angolo, sia da parte dei non morti (chiamati Freakers) che dagli stessi esseri umani. Protagonista di questa gara di sopravvivenza all’ultimo sangue è Deacon St. John, motociclista e cacciatore di taglie. In questa breve demo Deacon St. John va alla ricerca di un compagno rapito da una fazione rivale. In sella alla sua moto (saltano subito all’occhio gli indicatori “motore” e ”benzina”, segno che bisognerà prestare particolare cura del mezzo), il protagonista esplora la mappa open world prima di incappare in un’imboscata. Accortosi del tranello, il centauro abbandona la moto, mostrando alcune sequenze stealth. Arrivare alle spalle dei propri nemici, fare rumore attirandoli in trappole precedentemente piazzate o facendo i cecchini con balestra o fucile sono solo alcune delle tattiche possibili. Al termine di una sparatoria, Deacon St. John riesce a liberare il proprio compare, introducendo però una nuova minacia. Un gigantesco orso “zombificato” che promette di essere duro da abbattere, ma qui la demo si chiude.
Ricordando neanche troppo vagamente The Last of Us, Days Gone si differisce per la scelta di essere open world e per una narrazione al momento più striminzita. Anche questo titolo, comunque, si lascia attendere abbastanza.



Menzione d’onore anche per lo stand PlayStation VR, sempre affollato e con giusta ragione.
Farpoint e Ace Combat 7 sono i due titoli che, per immersione e fascino hanno spiccato maggiormente.
I progressi fatti nell’ultimo anno da PlayStation VR sono sotto gli occhi di tutti, sebbene le limitazioni tecniche siano ancora grandi e delicate. Lo stesso staff Sony raccomanda una lunga pausa dal gioco ogni 15-30 minuti. E in effetti, come dare loro torto? La sensazione di “mal di mare” si palesa dopo pochi minuti di gioco, e fatica a passare anche a sessione già terminata.
Ma è innegabile che il futuro del gaming passi anche dalla realtà virtuale, che con PlayStation VR ha già fatto un grande passo avanti. Una volta indossato visore e cuffie l’immersione è ai limiti del realismo, e una volta sistemati necessariamente questi problemi di carattere fisico, si entrerà ufficialmente in quel mondo del gaming per ora solo sognato.



Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 152 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*