Follow
Gamepare > Home > Dead Synchronicity: Tomorrow comes Today > Dead Synchronicity: Tomorrow comes Today Anteprima Dead Synchronicity: Tomorrow comes Today

Anteprima Dead Synchronicity: Tomorrow comes Today

Scuro, straziante, terrificante, sono i primi aggettivi che vengono in mente dopo aver affrontato i primi scenari post-apocalittici di Dead Synchronicity: Tomorrow comes Today. Abbiamo avuto l’opportunità di entrare nell’universo caotico progettato dallo studio spagnolo Fictiorama, un’avventura che rispetta la classica meccanica dei genere punta e clicca, già resa ben nota da titoli come Broken Sword, Grim Fandango o Monkey Island.

Una storia promettente, piena di colpi di scena che ci porta in un mondo distrutto da un disastro a catena, noto come “Big Wave”. Dopo una breve introduzione, il gioco inizia con una “fase sogno” del nostro eroe Michael, dove delle voci sconosciute ci comunicano frasi criptiche e incomprensibili. Dopo aver ripreso conoscenza, Michael si trova in uno dei peggiori scenari immaginabili: un campo profughi, dove l’unico obiettivo è la sopravvivenza.

Dead Synchronicity16

Ogni scena è stata configurata con la stessa cura di come sarebbe rappresentata in un film, con particolare attenzione alle scene drammatiche e al senso di perenne di tensione che sembra invitarci a stare in guardia contro ogni imprevisto. I dialoghi e gli eventi di interesse, per così dire, sono evidenziati con uno zoom su una zona particolare, con la chiusura e l’aggiunta di barre nere che accentuano l’attenzione sulla scena.

Dead Synchronicity: Tomorrow comes Today, nasce dall’idea di due fratelli, Mario e Alberto Oliván, sviluppatori del videogioco e designer, con composizioni musicali del gruppo Kovalski. L’atmosfera creata risulta tipica dei thriller di fantascienza degli anni ’70.

In questo “nuovo mondo” pieno di difficoltà non possiamo permetterci l’intrinseca empatia umana legata a una società civile, ma il gioco ci mostrerà che anche nelle situazioni peggiori, ci sono sempre persone disposte a fare la differenza. Tra queste erbacce, emergerà la bontà e la speranza, sentimenti senza cui non si può far fronte agli eventi caotici che avverranno lungo l’avventura. La trama principale della storia è costruita sulle storie individuali degli abitanti del rifugio: “La cosa importante non è il percorso ma la destinazione.”

Dead Synchronicity14

Di tanto in tanto, Michael avrà brevi visioni distorte di quello che sembra essere il futuro, che aggiunte alla sua profonda amnesia lo invaderanno di domande sulla sua identità e il suo passato. La sua vita ora è un puzzle che deve essere ripristinato, mentre lotta per sopravvivere in un ambiente che non ha nessuna etica. Ci saranno persone disposte a tendere una mano come Rod Atkinson o Hunter, ma il clima costante di tensione ci costringerà a rimanere scettici sulle vere intenzioni di chi ci circonda. Per quanto riguarda il gameplay, il gioco è un classico punta e clicca in 2D. Una piccola valigia nell’angolo in alto a sinistra dello schermo simboleggia il nostro inventario. Con il puntatore del mouse potremo spostare la freccia su oggetti oppure muoverci, il tasto di destra ci servirà per indagare, mentre l’altro per interagire con gli oggetti e le persone intorno a noi. Concetti che non sono estranei a tutti coloro che hanno avuto l’opportunità di godere di questi titoli nei tempi d’oro di questo genere. Il resto, come si dice, è storia. I puzzle che mettono alla prova la nostra logica e le lunghe conversazioni, ci daranno indizi e obiettivi per far avanzare la trama. L’avventura che vivremo implementa concetti narrativi in grado di attrarre chi sta giocando oltre ad avere un impatto visivo sul design del gioco.

Dead Synchronicity8

In conclusione Dead Synchronicity: Tomorrow comes Today, ha veramente un impatto visivo molto forte, con tratti caratteristici dei fumetti per adulti, dando vita ad un storia intricata tra la vita e la morte. Indubbiamente, una proposta interessante per tutti gli amanti del genere punta e clicca che sono alla ricerca di una storia in un universo post-apocalittico.

Positivo
  • Ottima grafica 2D
  • Avventura punta e clicca
  • Dialoghi perfetti
Negativo
  • Mancanza di localizzazione italiana
  • Enigmi a volte semplici
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>