Follow
Gamepare > Home > DarkEnd > DarkEnd DarkEnd Recensione

DarkEnd Recensione

Provando DarkEnd è impossibile, per gli amanti del genere e non solo, non trovare moltissime similitudini con i primi Final Fantasy.

Si tratta infatti di un gioco GDR, strutturato in stile dungeon crawler, in cui dovremo guidare il nostro eroe nel percorso che lo porterà a salvare il mondo.

Partiamo dal raccontarvi brevemente la storia su cui si basa DarkEnd, la quale risulta semplice ma intrigante. Nel passato un Re ha condotto l’umanità alla prosperità con i suoi talenti magici. Tuttavia la bramosia di potere l’ha portato a evocare le tenebre primordiali, elemento della creazione, le quali stavano conducendo il mondo sull’orlo del baratro: il DarkEnd. Fu allora che un eroe si eresse a salvatore sconfiggendo il Re corrotto e fermando l’oblio. Tuttavia, lo stesso errore è stato ripetuto ancora una volta a causa della natura del genere umano. In questo scenario noi vestiremo i panni di uno dei quattro eroi scelti per fermare nuovamente il DarkEnd e salvare l’umanità, una volta per tutte.

Anche se come descritto la storia di base è semplice, il gioco diventa molto interessante per il racconto che ruota attorno ai quattro eroi. Infatti all’inizio dell’avventura dovremo scegliere il protagonista e il suo assistente fra i 4 salvatori, ognuno dei quali ha una categoria di appartenenza con determinate caratteristiche e abilità. Questa scelta influenzerà molto la trama e i dialoghi affrontati nel gioco, in quanto ogni eroe ha la sua motivazione per fermare il DarkEnd, la quale verrà raccontata lentamente durante tutta l’avventura.

DarkEnd-Gamepare

Una volta scelto il nostro protagonista e iniziata l’avventura possiamo subito notare come la gestione dei menu ricordi molto i vecchi Final Fantasy, mentre la gestione e lo sviluppo delle abilità di ogni eroe, è molto simile agli alberi delle abilità presenti in giochi come Final Fantasy X e Final Fantasy XII.
L’evoluzione dell’eroe e della sua “spalla” viene infatti gestita tramite uno schema ad albero in cui sarà possibile attivare i cristalli utilizzando i punti abilità guadagnati durante i combattimenti. Ogni cristallo rappresenta incantesimi, abilità o mosse speciali. È inoltre possibile scegliere se sbloccare una serie di nuovi attributi per l’eroe oppure aumentare il livello di un determinato cristallo già sbloccato, facendo crescere di conseguenza il livello dell’abilità associata.

DarkEnd-Gamepare

Come molti dungeon crawler, il gameplay principale di questo gioco è abbastanza semplice. Sostanzialmente dovremo andare all’interno del DarkEnd, e affrontare piano dopo piano arrivare al livello finale. Vi sarà inoltre una città che funge da “base principale” in cui ci si può curare, rifornirsi di articoli e comprare o vendere equipaggiamenti.

Le battaglie sono ben riuscite. I nemici, tutti visibili sulla mappa (non vi sono incontri casuali per fortuna), sono divisi in tre categorie principali: nemici base, nemici rari e boss opzionali. A parte i primi, affrontare un nemico raro e un boss senza la dovuta preparazione può portarci immediatamente alla sconfitta e quindi al gameover. Per questo torna molto utile la possibilità di salvare i progressi in qualsiasi momento dal menù principale.

Per ogni combattimento, basato su turni di azione, sarà possibile scegliere se scappare o affrontare i nemici , verso i quali potremo scagliarci con attacchi fisici o magie, oltre che decidere di effettuare azioni di recupero o difesa. Uscendo vincitori dal duello guadagneremo punti esperienza e oggetti o equipaggiamenti aggiuntivi utili per migliorare il nostro eroe e il suo vice.

DarkEnd-Gamepare

Molto utili i vari tutorial presenti durante la storia, che possono essere velocemente saltati oppure visionati per comprendere meglio le diverse dinamiche di gioco, ad esempio riguardo ai combattimenti o al funzionamento delle chiavi e dei portali.

Sicuramente la caratteristica migliore di DarkEnd è la struttura casuale del dungeon, che cambierà ad ogni accesso, e le numerose quest secondarie disseminate nei vari livelli. Grazie a questa caratteristica e alla presenza dei 4 eroi, ognuno con la propria storia, DarkEnd si presta molto ad essere rigiocato una volta completato.

Il gioco, attualmente disponibile solo in lingua inglese, si presenta molto bene anche a livello grafico, con una struttura 2D gradevole e con appropriate musiche di accompagnamento.

In conclusione, possiamo affermare che DarkEnd è sicuramente un titolo da avere per gli amanti del genere.

Positivo
  • Avventura interessante
  • Dungeon casuale
  • Gestione delle abilità
Negativo
  • Nulla di particolare da segnalare
8.2
Grande
Gameplay - 7.5
Grafica - 9
Longevità - 8
Scritto da
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>