Crediamo che la parola Cross-Platform sarà quella più discussa nel 2017-2018

Cross-Platform

Tutto è iniziato quanto Phil Spencer, durante Expo E3 2017, ha annunciato il Cross-Platform di Minecraft. Successivamente Sony averebbe comunicato in un tweet che non ha accettato l’abilitazione in quanto porterebbe alla non sicurezza delle persone che usano la console, sopratutto i bambini.

In principio per utilizzare il Cross-Platform è necessario unificare la connessione ad un solo gruppo di server gioco, quindi, in questo caso, per l’accesso in cross play era necessario l’attivazione dell’account Xbox live. Uno po’ come succede per i giochi targati Xbox Live su Android e iOS.

Si parla di Cross-Platform da quando Ubisoft annuncio Tom Clancy’s The Division, ma poi questo progetto era stato cancellato causa accordi non consentiti tra i vari produttori. Anche in questo caso era necessario un account Uplay [Fonte Ubisoft].

Ad oggi sicuramente il Cross-Platform si potrebbe fare per gli utenti console, in quanto i giocatori PC sarebbero troppo facilitati grazie all’uso di tastiera e mouse. Però potrebbe essere utile avere salvataggi dei giochi in cross-platform.

Allora stato attuale sembra che il problema sia solo di Sony, perché Nintendo oramai ha accettato di salire a bordo, e come dice Phil Spencer: “La porta è ancora aperta per tutti quelli che vogliono entrare.”

Parleremo ancora di questo argomento in quanto anche il gioco Rocket League dovrebbe diventare Cross-Platform sulle console.

State Sintonizzati!

 

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2524 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*