Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Crash Bandicoot: N.Sane Trilogy – Recensione Nintendo Switch

Crash Bandicoot: N.Sane Trilogy – Recensione Nintendo Switch

Nessuno di noi si aspettava che un giorno tutto sarebbe stato diverso. Si parla sempre più spesso di cross-play e del modo di unire il gioco online tra più piattaforme, ma nessuno si sarebbe mai aspettato un evento di questo genere.

Fu il 31 agosto 1996 quando Crash Bandicoot debuttò per la prima volta in esclusiva su PlayStation 1.

I canali TV americani vennero sommersi da uno spot dal carattere aggressivo, con un ragazzo che indossa un costume di Crash Bandicoot e si dirige verso la sede di Nintendo America urlando contro Super Mario.

Ecco il video:

Ecco che dopo quasi 22 anni, nel 2018 possiamo giocare alla trilogia completa e rimasterizzata di Crash Bandicoot: N.Sane Trilogy che porta le avventure di una mascotte de facto di Playstation direttamente su Xbox One e Nintendo Switch.

Durante il video iniziale, per chi avesse già giocato alla versione del 1996, riaffioreranno ricordi di infanzia e grazie al doppiaggio in italiano, già presente nella precedente versione, potremo concentrarci completamente sull’esperienza di gioco.

Gli sviluppatori di Vicarious Vision  hanno effettuato per conto di Activision un ottimo lavoro di adattamento per tutte le piattaforme recenti. Crash Bandicoot: N.Sane Trilogy ci porta alla scoperta dei tre capitoli della saga senza particolari stravolgimenti: la rimasterizzazione è stata fatta solo dal punto di vista grafico e tecnico, e contiene i seguenti capitoli: Crash Bandicoot, Crash Bandicoot 2: Cortex Strikes Back e Crash Bandicoot: Warped.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy Screen 2

Come  è risaputo, Crash Bandicoot è un platform 3D in cui lo scopo è arrivare alla fine del livello prendendo più frutti Wumpa possibili. Ogni 100 frutti avremo una vita aggiuntiva, e durante il proseguimento del livello avremo possibilità di trovare bonus o gemme preziose collezionabili. Come ogni platform che si rispetti alla fine di ogni area troveremo un boss ad aspettarci; una volta sconfitto questo avversario, sarà possibile procedere alla seconda area. Crash Bandicoot porta con sé tratti old shool che i giochi attuali oramai hanno dimenticato, con un grado di difficoltà elevato per chi non ha mai avuto esperienza in questa tipologia di giochi, perlomeno in alcuni punti specifici.

L’interfaccia e i comandi sono rimasti abbastanza invariati rispetto all’originale, con la possibilità di utilizzare anche levette analogiche per i movimenti.. La modifica più incisiva apportata in Crash Bandicoot: N.Sane Trilogy è la possibilità di utilizzo del doppio salto e dell’attacco ad area fin dal primo capitolo, mentre in origine furono introdotti solo in quelli successivi.

A livello grafico Crash ha avuto un miglioramento notevole con un restyling degli oggetti, delle luci e delle animazioni, e rimane fisso su tutte le piattaforme a 30 frame al secondo. Il lavoro svolto da Vicarious Vision è stato veramente notevole, con l’aggiunta di numerosi effetti grafici e riflessi su acqua, pioggia e ghiaccio che hanno veramente elevato il livello grafico del gioco. Il risultato è davvero impressionante, e ha saputo dare ad un gioco del ’96 una nuova veste adattandolo ai nostri giorni.

Dal punto di vista del gameplay, il remake ha aggiunto la possibilità di impersonare Coco, la sorella di Crash. La nuova protagonista presenta un set di animazioni totalmente differente, che può essere divertente sperimentare, ma i movimenti e il funzionamento generale sono identici al fratello, rendendo questa aggiunta simpatica ma piuttosto superflua.

Sono state inoltre aggiunte ai primi due capitoli le Prove a Tempo, inizialmente presenti solo in Warped. È proprio questa la novità che inviterà maggiormente i fan di vecchia data a trascorrere ancora ore e ore con questi giochi.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy Screen 6

Per il resto, il restyling è accattivante, ma è innegabile che lo stile e le meccaniche dei tre giochi risentano del passare del tempo. Nonostante l’alta qualità di realizzazione al momento dell’uscito, si tratta pur sempre di alcuni fra i primi platform 3D di successo: il level design e l’IA nemica si è evoluta notevolmente da allora, e non si può fare a meno di notarlo giocando Crash Bandicoot: N’Sane Trilogy.

In conclusione, un remake che rende giustizia alle creazioni originali, con grafiche e audio rinnovati che, assieme ad alcune novità nel gameplay, rendono i giochi ancora più divertenti e godibili. L’operazione di Vicarious Vision è esente da difetti, di per sé, ma giocando si avverte di avere di fronte giochi dalle meccaniche datate. In ogni caso, Crash Bandicoot: N’Sane Trilogy fa felici i fan storici e garantisce ore di divertimento anche ai neofiti della serie

Positivo
  • Ottimo Porting
  • Fedele al 100%
  • Grafica perfetta
Negativo
  • Forse qualche frame in più non guastava
8.5
Grande
Gameplay - 8.5
Grafica - 8.5
Longevità - 8.5
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>