Celeste: “Come sono diventato uno speedrunner”

Celeste Videogame

Vi è mai capitato di avere tra le mani un gioco che, nonostante la difficoltà a volte incredibilmente elevata, non riuscite ad accantonare nemmeno dopo decine e decine di run? Avete mai giocato un gioco così intensamente da voler rigiocare ancora e ancora nonostante vi facciano male le mani?

Avete visto il video di EliRedZ su (30) Celeste A CALDO! [ Intervista a Madeline ] – YouTube?

Se c’è un titolo, nella mia lunga carriera di videogiocatore, che risponde positivamente a queste domande, quel titolo è Celeste. Un gioco che mi ha intrattenuto dall’inizio alla fine, e che ancora mi intrattiene, non solo per la sua semplicità ed estrema immediatezza ma anche per la sua capacità di emozionare e coinvolgere in un racconto profondo ed emotivo ed un gameplay divertente ed immediato.

Con il suo stile grafico pulito e colorato, in cui nessun pixel sembra lasciato al caso e i suoi colori caldi, nonostante le ambientazioni fredde ed innevate che andremo a percorrere, l’intero gioco è una continua sfida alle abilità del videogiocatore. A farci compagnia solamente la nostra concentrazione ed una colonna sonora che non ha nulla da invidiare ai più grandi classici del panorama musicale videoludico. Un gioco difficile, senza ombra di dubbio. Morire in Celeste diventerà qualcosa di naturale, qualcosa di cui andare fieri: morire significa anche capire e imparare, per migliorarsi e crescere.

Ma non voglio parlarvi del gioco in quanto tale, per quello potete trovare informazioni praticamente ovunque. Voglio parlarvi di quello che Celeste è stato per me, di come mi abbia toccato e reso un videogiocatore diverso, più attento a molti dettagli e più sensibile a certi aspetti di gameplay, a volte talmente minuscoli da sembrare insignificanti.

celeste-videogame-dialogo

Tutto è iniziato come molti altri platform simili: la mia unica ambizione era godermi il titolo, spendere qualche ora cercando di arrivare al finale e magari dedicare qualche ora in più per raccogliere i collezionabili. Ma questa volta c’era qualcosa di diverso. Qualcosa si è innescato dentro di me ed eccomi qui, oltre due anni dopo a ritrovarmi a giocare quasi quotidianamente ad un gioco che, sulla carta, non dovrebbe offrire più di una ventina di ore di contenuti.

Saranno stati controlli, a dir poco perfetti, precisi, responsivi e che nonostante la semplicità di tre comandi (salto, scatto, e arrampicata) ti permettono di volare all’interno di mappe disegnate alla perfezione. Saranno stati i tempi di caricamento, inesistenti, che ti permettono di rinascere immediatamente appena morti in modo da non perdere il ritmo di gioco nemmeno per un secondo. Saranno state le linee di dialogo, poche ma incisive, che raccontano una storia stupenda, con tematiche delicate ed attuali. Saranno state le decine di ore di contenuto originale extra presente nel gioco anche dopo il raggiungimento dei titoli di coda, che aggiungono livelli di difficoltà fino a quel momento impensabili. Saranno stati tutti questi elementi ma il fatto è che sono diventato uno speedrunner.  Uno di quei giocatori che non si accontentano di terminare un gioco, ma lo devono fare nel minor tempo possibile, un po’ per sfida, un po’ perché inevitabile quando si passano così tante ore su un titolo

Non vi nascondo che anche io, come sicuramente molti di voi, consideravo gli speedrunner una categoria di videogiocatori abbastanza ridicola. Come si fa, dicevo, a spendere giorni interi della propria vita a cercare di terminare un gioco il più velocemente possibile senza mai stancarsi?  Solo ora capisco che il vero significato dell’essere speedrunner: amare un gioco a tal punto da non volerne più fare a meno. Giocarlo ancora e ancora per le sensazioni che riesce ancora a trasmetterti. L’agonismo e la sfida di terminarlo nel minor tempo possibile non è che il culmine di pratica, studio, analisi e soprattutto ore ed ore passate all’interno di un gioco di cui non si riesce a fare a meno.

celeste-videogame-platform

Conclusione

Questo è il momento in cui dovrei tirare le somme, elencarvi nuovamente i punti forti del gioco e dare un voto a quello che per me è uno dei migliori platform game mai realizzati, ma non lo farò. Non voglio cercare di quantificare con un freddo numero l’amore che provo nei confronti di questo titolo. Non renderebbe l’idea. Quello che invece farò è invitarvi a provarlo. Provarlo non solo per avere un’esperienza in prima persona. Provarlo non solo per gustarvi la trama. Provarlo non solo per la goduria di riuscire finalmente a terminare un livello che poco prima vi sembrava difficile. Ma provarlo per comprendere quello che questo titolo è stato per me nell’augurio che un giorno anche voi troviate il vostro Celeste.

Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 19 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*