Castlevania Lords of Shadow 2 – Recensione

Castlevania Lords of Shadow 2 è il sequel dell’action game sviluppato da Mercury Steam per Konami.

Il gioco in primo luogo rappresenterà la chiusura della storyline riguardante Gabriel Belmont per porsi in maniera più oscura rispetto al primo capitolo, introducendo nella narrativa un pizzico di umore nero. In Castlevania: Lords of Shadow 2 la visuale non sarà più fissa ma si potrà regolarla liberamente.

Castlevania-Lords-of-Shadow-2_screen3

Gabriel potrà utilizzare due armi speciali che richiamano il Vuoto e il Caos: la prima rigenera l’energia vitale a ogni attacco messo a segno, la seconda consente di distruggere scudi e armature dei nemici. Fra le abilità del vampiro ci sarà anche la capacità di controllare gli esseri umani, nonché di trasformarsi in nebbia per raggiungere zone altrimenti inaccessibili.

Il Gameplay sfrutta la tecnologia ormai rogata del Mercury Steam in grado sfruttare grosse quantità di backtracking, utili a dare maggior durata al titolo.

Le ambientazioni di Castlevania Lords of Shadow 2 hanno alti e bassi, si va da picchi di ottima qualità quando il nostro Gabriel verrà accompagnato dal ricordo di Trevor nel passato, camminando per il suo lugubre castello, fino a toccare punti bassissimi nella città in stile moderno, una vera rarità tra le altre cose in Castlevania.

Il continuo salto temporale nei ricordi del vampiro non funziona particolarmente bene e visto il distacco di qualità delle due ambientazioni, quando il giocatore si troverà a camminare nuovamente nel futuro, la voglia di ritornare tra mura di pietra e candelabri sarà veramente fortissima.

Castlevania-Lords-of-Shadow-2_screen6

Il gioco è attualmente il gioco è disponibile per XBox360, PS3 e PC, non ci sono grandi differenze di qualità grafica, abbiamo visto alcune perdite di framerate nelle console

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*