Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Recensione PS4 > Call of Duty: Black Ops 4 – Recensione

Call of Duty: Black Ops 4 – Recensione

È notizia già di qualche giorno fa che il nuovo capitolo di Call of Duty sta facendo letteralmente sfracelli in termini di vendite, e questa non è certo una novità. La novità vera sono le introduzioni a livello di gameplay per questo Black Ops 4, che  sono destinate a dividere ancora di più il pubblico videoludico: come sempre ci si polarizzerà su posizioni estreme arrivando da un lato ad amare il gioco e dall’altro a odiarlo.

Treyarch ha deciso di operare una decisa virata e puntare tutto  sull’online e sul competitivo, portando anche allo svecchiamento di una formula e di un sistema di gioco ormai forse fin troppo rodato e un po’ logoro a tratti. Il focus sull’online è talmente radicata che la campagna in single player è stata completamente eliminata dall’offerta. Soap e soci non ci sono più e in molti si sono lamentati per l’assenza di questa modalità che consentiva ai più di sperimentare le nuove funzioni e quindi fungere un po’ da maxi tutorial, prima di tuffarsi negli indiavolati ritmi dell’online.

Call of Duty Black Ops 4

Le nuove generazioni di giocatori però non apprezzano particolarmente le storie prolisse ma preferiscono buttarsi subito nell’azione e quindi Activision ha deciso di accettare questa scommessa. Sono presenti 10 agenti che abbiamo imparato ad amare nel corso degli anni e quindi potremo subito impratichirci con le nuove dinamiche.
Si ritorna alle origini in termini di gameplay con l’eliminazione anche di elementi eccessivamente futuristici in favore di un gameplay prevalentemente a terra, senza jetpack o altre diavolerie. Stavolta tutto è all’insegna del realismo quindi scordatevi anche le corse sui muri e via discorrendo.

Call of Duty Black Ops 4

Il gameplay è quindi tornato quello divertente e solido di tanto tempo fa. Il bilanciamento è quello giusto e anche la scelta di un particolare specialista determinerà una vittoria o una sconfitta in base alle peculiarità del personaggio. Tutto è molto più tattico che in passato e reso un po’ più complicato dall’assenza dell’autorigenerazione della salute in favore del supporto medico oppure di un’abilità speciale per curarsi.
Anche la mappa è stata resa più complessa grazie alla nebbia di guerra che rende la visuale limitata in più di un’occasione. La comunicazione però è fondamentale perché grazie a un visore di un compagno potremo evidenziare la posizione di tutti gli avversari.
È di nuovo possibile operare loadout con creazione della classe a proprio piacimento con pick 10 e uno slot inedito per equipaggiamento, dalle protezioni ai medikit. L’arsenale è ben bilanciato anche se nei mesi a venire si potrà saggiare al meglio l’efficacia di alcune armi rispetto ad altre.
Le modalità presenti vanno dal classico Deathmatch a squadre, alla Domination, al Seek and Destroy fino alle inedite Controllo e Furto, il tutto improntato ancora una volta sul tatticismo più puro. Anche per questo motivo il level design è stato nettamente compattato e reso meno ampio e dispersivo.

Le mappe sono 14 per il momento e alcune sono una replica esatta delle più classiche del franchise, per la felicità di tutti i nostalgici.
La novità che però ha suscitato più clamore è certamente Blackout, ossia la componente battle royale del gioco. Su una mappa di vaste dimensioni potremo quindi sfruttare ogni tipo di veicolo terrestre, acquatico o aereo e eliminare tutti coloro che incontreremo nul vostro cammino, zombie compresi. Un vero e proprio gioco nel gioco che vi terrà incollati allo schermo per ore e ore. I giocatori in campo saranno 100 come sempre e in termini di bilanciamento capiremo prossimamente come Treyarch voglia approcciarsi alla questione: solo nei prossimi mesi potremo scoprire se questa modalità potrà rappresentare un serio concorrente per PUBG e Fortnite.

Call of Duty Black Ops 4

Immancabile poi la modalità zombie naturalmente, vero e proprio marchio di fabbrica della serie COD. Le meccaniche in questo senso sono tutte nuove di zecca, con tre mappe molto diverse tra loro per una vasta eterogeneità di gameplay.
Per quanto concerne l’aspetto tecnico il gioco rimane in scia delle produzioni passate e non innova molto. Qualche calo di framerate di troppo anche se il netcode è granitico e tecnicamente, in un gioco simile, è probabilmente questo l’elemento che conta di più.
Un passo in avanti per il brand, con novità potenzialmente deflagranti come la modalità battle royale. Un gioco che vuole ascoltare la community e che sicuramente sarà molto apprezzato quantomeno dalla componente più giovane di quella community. È certamente un buon punto di partenza per questa svolta epocale.

La recensione di Call of Duty: Black Ops 4 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Presenza del battle royale
  • Gameplay che guarda al passato senza troppi voli pindarici
  • Modalità zombie sempre divertentissima
Negativo
  • Non c’è più la storia
  • Qualche calo di framerate nei momenti più concitati
7.7
Positivo
Gameplay - 8
Grafica - 7
Longevità - 8
Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

1 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>